Photo: justpictures.ch


20a settimana – 17.02.2020 – 23.02.2020


LA SQUADRA “ON FIRE”

Risultati immagini per fire gif white background

Come tutti ben sappiamo, il Friborgo Gottéron è sempre capace del meglio così come del peggio. Quest’ultima settimana – cruciale nell’ambìto della lotta playoff – è stato capace del meglio ed è la nostra squadra della settimana. Senza se e senza ma. Punto. Chiuso.

I Dragoni si sono imposti consecutivamente contro il Losanna in trasferta, poi contro il Lugano in casa ed infine contro il Langnau in trasferta. Sono state tre grandi vittorie, ottenute grazie a tre prestazioni diverse ma che hanno avuto diversi punti in comune: lo spirito di abnegazione, l’impegno, la capacità di fare la differenza nei momenti chiave e, soprattutto, lo spirito di Squadra. Una Squadra con la S maiuscola guidata ottimamente dal trio formato da Christian Dubé, Pavel Rosa e Sean Simpson!

È davvero un piacere guardare il Friborgo Gottéron di questi tempi. Anche quando la squadra non fornisce una prestazione strappa applausi, riesce sempre a trovare il modo di rendere fieri i suoi tifosi grazie alle caratteristiche citate nel paragrafo precedente.

Questo è il Friborgo Gottéron!

Questo è il Friborgo Gottéron che riesce ad accendere l’entusiasmo e la fantasia dei suoi tifosi. Questo è il Friborgo Gottéron che è capace di stupire. Questo è il Friborgo Gottéron che tutti vogliono vedere. Questo è il Friborgo Gottéron che dovrà confermarsi pure nei prossimi sette decisivi giorni.

Già, perché nonostante tutto i playoff non sono ancora una certezza. Serve un ultimo sforzo. Manca ancora un piccolo passo per ottenere la gloria. Quel piccolo passo che spesso e volentieri nella storia di questo club si è rivelato essere un passo difficilissimo da fare… ma quel passo che, attualmente, tutta questa società si merita di fare!

Sì, perché i Dragoni sono davvero la squadra del momento.

Sono solidi in difesa e possono contare su un Reto Berra in grande forma. Hanno un quartetto di stranieri in grado di fare la differenza. Sono capaci di segnare – invero potrebbero segnare di più… – nei momenti giusti e tirare il momentum a loro favore in qualsiasi momento. Inoltre non mollano mai, ma proprio mai. Vedi partita di sabato sera contro il Lugano, che sembrava andare letteralmente a ramengo – non sarebbe stato niente di nuovo per questo club… – ma che invece sono riusciti ancora a ribaltare.

Ed ora sogna, Friborgo Gottéron. Sogna, non svegliarti. Fai quello che devi fare. Lotta duro, regala alla tua gente un finale di stagione memorabile.

Insomma, avanti così Dragoni!


LE TRE STELLE DELLA SETTIMANA

Hans Kossmann (Allenatore, SC Berna)

Questa settimana il Berna si è imposto dapprima contro il Rapperswil in casa e poi contro il Lugano in trasferta. Per la prima volta da metà dicembre, gli Orsi hanno conquistato due vittorie piene consecutive. A Lugano, per la prima volta, hanno conquistato 3 punti dal febbraio 2013 in regular season. Sempre a Lugano poi, hanno conquistato 3 punti in trasferta questa stagione per la prima volta da metà dicembre.

Non poteva trovare momento migliore il Berna per conquistare questi risultati. Già, perché ora gli Orsi sono padroni del proprio destino per quanto riguarda la qualificazione ai playoff!

Indipendentemente dal livello delle prestazioni, la squadra ora affidata ad Hans Kossmann è tornata a mettere emozioni nelle partite. Ed i tifosi apprezzano. E proprio Hans Kossmann è una delle nostre stelle della settimana. Dopo l’esperienza di Zurigo, Hans aveva tutto da perdere accettando l’incarico di guidare il Berna. Ma per ora, sta facendo un ottimo lavoro. E se questa squadra farà i playoff… con Karhunen in porta, può far davvero paura a tutti!

Jonas Hiller (EHC Bienne)

Quest’ultima settimana il Bienne ha conquistato due vittorie in due partite ed è ora ufficialmente in verde pure sul txt. I Seeläder insomma, sono tornati in forma nel momento più importante della stagione e prenderanno parte ai giochi per il titolo per la quarta stagione consecutiva così come non succedeva da fine anni 80’ inizio anni 90’. Già questo, è un grande successo. Complimenti!

Detto questo, c’è un giocatore che ultimamente ha aumentato – e di parecchio – il suo livello di gioco. O meglio, un giocatore che è tornato ai suoi migliori livelli. Stiamo parlando di un portiere e più precisamente di Jonas Hiller.

Non è solo questione di percentuali, ma è soprattutto questione di fare le parate giuste nel momento giusto e di infondere molta fiducia alla squadra. Jonas è tornato ad essere in forma nel momento chiave della stagione. I fuoriclasse sono, anche, questo.

Pius Suter (ZSC Lions)

Gli ZSC Lions sono sempre in lotta per la vetta della classifica e questa settimana hanno vinto due partite su due. Dapprima si sono imposti per 3-1 in casa contro l’Ambrì-Piotta e poi per 4-1 in trasferta contro lo Zugo.

Mica poco, per questa squadra che un anno fa mancò clamorosamente i playoff. Sono tanti i motivi che hanno permesso ai Lions di passare da “flop” a “top” nel giro di 12 mesi. Lo staff tecnico anzitutto. E tra le altre cose, pure il fatto che Pius Suter è tornato al massimo dei suoi livelli!

Crediamo di non sbagliare affermando che Pius Suter si merita il simbolico titolo di MVP della regular season. Il 23enne attaccante ha fornito prestazioni eccezionali su tutto l’arco della regular season. E nell’ultima partita giocata a Zugo ha messo a segno ben 4 reti in 60 minuti… la ciliegina sulla sua torta di una regular season fantastica. Davvero fantastica!


LE MENZIONI SPECIALI PER…

Semplicemente, il Capitano… Mathieu Tschantré (EHC Bienne)

Se sabato Pius Suter ha segnato 4 gol a Zugo, Damien Riat ha segnato 4 reti alla Tissot Arena per il Bienne. Eppure, l’eroe della serata – paradossalmente – non è stato lui. L’eroe della serata è stato Mathieu Tschantré, che i tifosi hanno giustamente omaggiato visto che si ritirerà al termine della corrente stagione.

È stata una serata emozionante per questo giocatore che a Bienne è una vera e propria leggenda. Semplicemente, il Capitano!


LA DELUSIONE

Losanna HC & HC Lugano

Questa settimana, per la prima volta, a nostro parere sono due le grandi delusioni. Losanna e Lugano. Le tifoserie di queste due squadre sono gemellate, e potranno dunque versare lacrime amare insieme.

I Leoni Vodesi hanno perso tre partite su tre questa settimana. Dapprima hanno perso in casa consecutivamente contro Friborgo Gottéron e Bienne e poi sono stati sconfitti pure in trasferta contro il Rapperswil. I Bianconeri da parte loro hanno perso due partite su due. Dapprima si sono dovuti inchinare a Friborgo e poi pure tra le mura amiche contro il Berna.

Il Losanna è dunque tornato ad essere pienamente coinvolto nella lotta playoff. Il Lugano da parte sua non ha più il destino nelle sue mani.

I boys di Ville Peltonen continuano a mettere emozioni nelle partite solo a corrente alterna. Poco importa se a livello di gioco hanno controllato la partita contro il Friborgo, poco importa che hanno giocato bene contro il Bienne (miglior prestazione da un pò di tempo) e che a Rapperswil per due periodi sono stati l’unica squadra in pista pur senza strafare. La realtà è che questa squadra continua a non esprimere il suo immenso potenziale.

I boys di Serge Pelletier da parte loro si sono spenti dopo due periodi a Friborgo e sono “rimasti nello spogliatoio” nei primi minuti della partita contro il Berna, il che è costato carissimo causa anche errori individuali. Intendiamoci, i Bianconeri possono ancora fare i playoff… è infatti possibile che conquistando 6 punti la prossima settimana, per finire e all’ultimo respiro, potranno essere tra le 8 elette. Diciamolo, dopo due mesi alla grande era pure preventivabile un calo, peccato solo sia arrivato nel peggior momento possibile.  Ma questa squadra è ancora viva.

Insomma, Losanna a rischio… Lugano che non ha più il destino nelle sue mani… sì, ci dispiace. Ma Leoni Vodesi e Bianconeri sono la nostra delusione degli ultimi sette giorni.

Forza e coraggio per l’ultima settimana!

Advertisement