L’Ambrì-Piotta ha trovato un nuovo straniero per sopperire alle numerose assenze, tra cui quelle di Jiri Novotny, che si prolunga più del previsto, e di Robert Sabolic. Stiamo parlando del cavallo di mille battaglie Scottie Upshall. Un fusto da 183 cm per 91 kg che dovrà portare alla squadra tutta la sua esperienza.

Andiamo a conoscere meglio questo attaccante Canadese!


Nome: Scottie

Cognome: Upshall

Nato il: 8 ottobre 1983

Nazionalità: CAN

Ruolo: LW/RW

Se volete seguirlo su Twitter: TWITTER SCOTTIE UPSHALL

Se volete seguirlo su Instagram: INSTAGRAM SCOTTIE UPSHALL


LA CARRIERA

Scottie Upshall è nato il 7 ottobre 1983 a Fort McMurray (AB, Canada), cittadina situata a circa 400 chilometri da Edmonton. E proprio a Fort McMurray ha iniziato a giocare a hockey su ghiaccio, partecipando nel 1996 e nel 1997 al Quebec International Pee-Wee Hockey Tournament con una squadra minore della città.

LA WHL

A partire dall’anno 2000 poi, si è aggregato ai Kamloops Blazers nella Western Hockey Leaugue, la stessa squadra per la quale in passato hanno giocato pure alcuni giocatori Svizzeri, come Hnat Domenichelli (1992-1996), Michael Fora (2014-15), Janick Steinmann (2005-06), Justin Sigrist (2017-18), Edson Harlacher (2013-14) e Inaki Bargano (attualmente al club). Nella squadra di base a Kamoops è rimasto complessivamente tre stagioni, condividento tra l’altro lo spogliatoio con l’ex Rapperswil Jared Aulin.

IL DRAFT… E GLI INIZI TRA NHL E AHL

Scottie Upshall è stato draftato nel 2002 in 6a posizione assoluta dai Nashville Predators, e la sua carriera ci ha messo un pò a decollare ai più alti livelli.

Tra la stagione 2002-03 e la stagione 2006-07 è rimasto nell’organizzazione dei Predators ma ha faticato ad imporsi con costanza in NHL. Di fatto, la prima stagione l’ha passata ancora in prevalenza in WHL con i Kamloops con solo qualche sporadica apparizione in NHL (1 gol!) ed in AHL. In seguito, di è diviso tra i Nashville Predators (NHL) ed il loro farm-team Milwaukee Admirals (AHL).

LA SVOLTA

Si può dire che la svolta nella carriera di Scottie Upshall è arrivata sul finire della stagione 2006-07, quando ha raggiunto i Philadelphia Flyers per la fase finale della stagione. E da quel momento in poi, Scottie è diventato in tutto e per tutto un giocatore NHL.

Dal 2007 al 2018 infatti, l’attaccante Canadese ha giocato solamente nella più prestigiosa lega del mondo con i Philadelphia Flyers, i Phoenix Coyotes, i Columbus Blue Jackets, i Florida Panthers (dove è pure stato assistente capitano per due stagioni) e per i St. Louis Blues.

Nell’insieme, in NHL, Scottie ha collezionato un totale di 813 presenze ed ha messo a referto 298 punti. Insomma, mica noccioline.

L’INFORTUNIO

Purtroppo poi, ha mancato tutta la stagione 2018-19 per un grave infortunio al ginocchio. Dopo una stagione “in bianco”, recentemente Scottie Upshall ha fatto una prova con i Dallas Stars… ma per finire, si è accordato – previo superamento delle visite mediche – con l’Ambrì-Piotta con la quale resterà fino a Natale.

IL GIOCATORE

Scottie Upshall è un giocatore da oltre 800 partite in NHL… insomma, un profilo che non molto spesso si può ammirare sulle nostre piste.

Per conoscerlo meglio, ci siamo messi in contatto con qualcuno che ha potuto seguirlo da vicino nel recente passato. Abbiamo avuto il piacere di conoscere Laura Astorian,  manager del sito St. Louis Game TimeDi seguito, le sue impressioni su Scottie.

Scottie Upshall era stato invitato ad un provino con i St. Louis Blues nel 2015 ed è poi diventato un giocatore chiave della 4a linea con Kyle Brodziak al centro. A St. Louis ha passato le sue ultime tre stagioni della sua carriera in NHL, non necessariamente quale “scorer” e neppure quale “playmaker”. Ma quale solido attaccante capace pure di generare occasioni da rete.

La quarta linea dei Blues non è mai sembrata una vera “checking line”. Le altre squadre infatti, dovevano sempre fare particolarmente attenzione quando Scottie Upshall era sul ghiaccio, perché sapeva essere letale. Ha avuto un ottimo rendimento (10 reti) quale giocatore di quarta linea nel 2016-17, e probabilmente avrebbe fatto ancora meglio la stagione successiva se non avesse rimediato un infortunio al ginocchio e la lacerazione di un rene.

Per finire, Upshall ha un grande senso dell’umorismo ed era un uomo spogliatoio. Lo potete vedere chiaramente nel seguente video.

Grazie mille, Laura!

Scottie Upshall… il suo arrivo, francamete, ha fatto arricciare il naso a molti. Anzi, alcuni hanno proprio sorriso. Foss’anche solo perché il ragazzo ha ormai 36 anni. Eppure stiamo parlando di un giocatore che ha sempre avuto un’ottima reputazione in NHL, ed un giocatore che può aiutare l’Ambrì-Piotta anche grazie alla sua immensa esperienza.

Da come ci ha detto Laura Astorian, il rendimento di Upshall in una quarta linea di NHL è stato buono anche in termini di produzioni di punti. Il che, promette bene per la sua avventura in Svizzera. Senza dimenticare il fatto che è stato definito un “uomo spogliatoio”, il che è sempre importante.

Poi certo, non si può negare che il fatto che non gioca da un anno può sollevare alcuni dubbi. Inoltre, bisogna capire se riuscirà ad adattarsi, anche dopo il suo infortunio, alle piste europee più grandi. Ma di certo, sulla carta, questo giocatore può dare una grande mano all’Ambrì-Piotta.

Benvenuto in Svizzera, Scottie!

CURIOSITÀ

Scottie Upshall ha giocato per la nazionale Canadese ai mondiali del 2009, che si giocarono proprio in Svizzera, dove giocò 8 partite e mise a referto un assist! Allo stesso tempo, aveva rappresentato il Canada anche ai Campionati del Mondo U20 del 2003… in nessuna delle due occasioni Scottie giocò contro la Svizzera. Da notare, tuttavia, che in entrambe le occasioni il Canada arrivò in finale e le perse entrambe contro la Russia, e da notare che nel 2003 Scottie mise pure a segno una rete.

STATISTICHE CARRIERA

 

VIDEO

Advertisement