Dopo ogni partita dei playoffs, fin quando almeno 4 squadre sono coinvolte, vi proporremo il nostro Top & Flop versione speciale per i playoffs.

La nostra squadra “on fire”, le nostre “tre stelle”, le “menzioni speciali”, le “sorprese” e “la delusione”. Come sempre, tra le nostre stelle non necessariamente solo i giocatori che hanno fornito le migliori prestazioni… ma coloro che, in un modo o nell’altro, crediamo siano stati i giocatori più rappresentativi.


LA SQUADRA “ON FIRE”Risultati immagini per fire gif png

Siamo quasi senza parole…

La perfezione nella vita non esiste… figurarsi se esiste nell’hockey su ghiaccio. Lo Zugo tuttavia – in gara-3 della semifinale – se non ha raggiunto la perfezione ci è arrivato molto vicino.

La prestazione dei Tori è stata infatti, e semplicemente, “d i v i n a” ed ha rasentato con la perfezione!

La truppa di Dan Tangnes ha letteralmente dominato il Losanna in tutto e per tutto. Detto francamente, non gli ha lasciato nemmeno la possibilità di reagire. I Tori sono stati solidi in zona difensiva – anche durante le situazioni di inferiorità numerica – e come spesso accade creativi, imprevedibili ed impressionanti in zona offensiva.

Hanno messo in pista un’intensità fuori dal mondo eppure siamo certi che i giocatori non si sono nemmeno stancati così tanto. Questo perché Dan Tangnes è stato capace di dare un’impressionante organizzazione alla squadra ed inoltre gioca costantemente a quattro linee. Inoltre, gni singolo giocatore ha un suo ruolo ma allo stesso tempo è libero di prendersi iniziative.

Non dimentichiamo poi, che i Tori non esitano ad incornare gli avversari… in altre parole, non disdegnano di certo il gioco fisico e maschio. Il gioco da playoff.

Insomma, questo Zugo è una squadra in tutto e per tutto moderna e bella da vedere. Di fatto, serve la prestazione praticamente perfetta per avere la meglio sui Tori. Il problema – per gli altri – è che sono i Tori stessi che sono quasi perfetti.

Congratulazioni, veramente!

LE TRE STELLE DI GARA-3

Andrew Ebbett (SC Berna)

Il Berna nell’insieme ha finalmente disputato la prima partita in modalità “playoff” di questa post-season. Risultato? Una meritata vittoria per 6-2 contro il Bienne. Ma se queste due notizie non fossero abbastanza per guardare al futuro con rinnovata fiducia… ecco che c’è un’altra bella notizia. Il ritorno ad alti livelli di Andrew Ebbett!

Il fuoriclasse Canadese era stato l’ombra di sé stesso fino ad ora in questi giochi per il titolo… in gara-3 della semifinale invece, è tornato a brillare!

Da due partite ormai è in linea con Daniele Grassi. Ed in gara-3 la linea è stata completata da Jan Mursak. Le conseguenze? Eccellenti! Andrew ha segnato l’importantissimo 2-0 ed in totale ha collezionato 3 punti.

Insomma, ben tornato, Andrew Ebbett!

Garrett Roe (EV Zugo)

Dello Zugo e della sua prestazione abbiamo già detto. Divina. Di fatto, tutti i giocatori meriterebbero una menzione speciale… non possiamo tuttavia non soffermarci su quanto sta mettendo in mostra il “torello” Garrett Roe… classe mondiale allo stato puro!

In zona offensiva è una scheggia impazzita… riesce a fare impazzire i difensori del Losanna con la sua velocità, la sua tecnica e la sua imprevedibilità. Inoltre, segna e fa segnare… solo in gara-3 della semifinale, ha collezionato 4 punti (1 gol e 3 assists)! Senza dimenticare che in power-play è stratosferico.

È giusto dire che non c’è una vera e propria punta di diamante a Zugo… Dan Tangnes infatti, fa ruotare intelligentemente tutte le sue 4 linee. Ma se qualcuno riesce a spiccare per doti tecniche e personalità… beh, questo è Garrett Roe.

Ramon Untersanter (SC Berna)

Ramon Untersander non ha forse giocato la miglior partita della sua carriera… Non è stato il miglior giocatore in pista ma è comunque stato solido, sicuro e propositivo come solo lui sa fare.

Il motivo per cui lo includiamo tra le stelle di gara-3 tuttavia è un altro.

Ramon ha dovuto mancare praticamente tutta la Regular Season per infortunio ed è tornato ad essere arruolabile solamente per i playoff. Ieri sera ha collezionato la sua 7a presenza in questa post-season… ed ha segnato la sua prima rete di questi playoff!

Una sua incursione in zona offensiva infatti, gli ha permesso di buttare il disco alle spalle di Hiller. Questa rete, ne siamo certi, gli darà moltissima fiducia. E ci aspettiamo di vederlo ancor più “on fire” nelle prossime partite!

LA MENZIONE SPECIALE PER… LA FINALE DEI PLAYOUT

Tifosi Rapperswil

Ok, facciamo una piccola incursione nei playout. Il Davos ha perso l’ultima partita ma è avanti 2-1 nella serie. Tuttavia, non vogliamo parlare di questo. Vogliamo parlare dei tifosi del Rapperswil.

I Lakers stanno vivendo una stagione molto difficile. Ma il sostegno dei tifosi, in trasferta, non è mai mancato. Ecco le immagini delle innumerevoli persone che hanno viaggiato fino a Davos per sostenere i loro beniamini…

Complimenti!

LA SORPRESA

Johann Morant (EV Zugo)

Johann Morant è un giocatore preziosissimo per lo Zugo. Porta sempre molta energia e gioco fisico nelle partite. Solitamente tuttavia, si è abituati a leggere il suo nome sul tabellino nella sezione “penalità ricevute”. Non è insomma una macchinetta da punti, non è quello il suo ruolo del resto.

In gara-3 contro il Losanna tuttavia, Johann Morant ha segnato il suo primo gol dalla stagione 2016-17!

Una bellissima sorpresa per questo giocatore che troppe volte viene descritto erroneamente come unicamente un provocatore. Poi certo, un pò provotatore lo è… ma questi sono i playoff, ragazzi. Ci vuole anche quello 🙂

Complimenti per la rete, Johann!

LA DELUSIONE

Losanna HC

Premessa… anche il miglior Losanna di questa stagione, non sarebbe riuscito a battere lo Zugo versione gara-3 della semifinale.

Però ancora una volta dobbiamo scegliere una delusione ed ancora una volta dobbiamo scegliere i Leoni Vodesi. I quasi, rispetto a giovedì sera, non sono riusciti a ruggire.

Su e giù… giù e su… non per niente avevamo descritto il Losanna come i moderni Dr. Jekyll e Mr. Hyde. Ancora una volta la truppa di Ville Peltonen non è riuscita a dare continuità alle prestazioni. Sarà per la stanchezza accumulata giovedì sera… sarà, semplicemente, che contro lo Zugo non c’era niente da fare. Ma sta di fatto che i Leoni Vodesi non sono in alcun modo riusciti a trovare le contromisure per mettere in difficoltà i Tori.

La serie non è finita, certo. Ma vista così, sembrerebbe davvero difficile per il Losanna riuscire a vincere ancora 3 partite contro lo Zugo.

Mai dire mai, ma serve maggior continuità anzitutto.

Forza e coraggio!

Advertisement