20a Settimana – 18.02.2019 – 24.02.2019

Vediamo quali sono i nostri TOP & FLOP della settimana appena trascorsa!


LA SQUADRA DELLA SETTIMANA

Il Friborgo Gottéron ha vissuto il suo fine settimana perfetto battendo due tra le squadre più pericolose del campionato e conquistanto dunque 6 punti in due partite. Il tutto, a poche partite dal termine della Regular Season. Insomma, come si dice in Svizzera Francese… “ça fait du bien”!

I Dragoni questa settimana si sono dimostrati solidissimi in difesa e molto determinati. Le due prestazioni fornite contro Ambrì-Piotta e Langnau tuttavia sono state molto diverse tra loro.

Contro i Leventinesi, il Gottéron ha disputato una partita eccezionale. Dopo i primi 5 minuti equilibrati, non è sbagliato dire che la truppa di Mark French ha dominato i suoi avversari per il resto della partita. Contro i Tigrotti invece, il Gottéron ha fornito una prestazione fatta di molta energia, dedizione alla causa e capacità di affondare il colpo decisivo nel momento chiave. C’è chi dice che il Friborgo ha vinto a Langnau solo perché c’era Reto Berra in porta… sì ragazzi, ma la prestazione difensiva tatticamente eccellente dove la mettiamo? Senza dimenticare che mica è una colpa avere tra i pali un portiere estremamente efficace.

Diciamo la verità, in molti alcune settimane or sono credevano che il Friborgo Gottéron era quasi in caduta libera. Sbagliato! I boys di Mark French stanno mostrando gli artigli nella fase più “calda” della stagione dimostrando molto carattere. Hanno vinto le ultime 3 partite consecutivamente e complessivamente hanno vinto 6 delle ultime 8. Mica poco. Anzi, risultati eccellenti! Di fatto, i Dragoni sono la terza miglior squadra della LNA delle ultime 10 partite dietro a Losanna e Berna.

Ora certamente non è il caso di illudersi. La strada per qualificarsi ai playoffs è ancora relativamente lunga e tante squadre sono racchiuse in pochi punti. Ma la determinazione, la solidità e la dedizione alla causa messa in mostra questo fine settimana – e nel recente passato – possono fare ben sperare.

Il Friborgo Gottéron è una squadra che ha tutto per qualificarsi agli imminenti giochi per il titolo. Ed ha pure margini di miglioramento… vedi il power-play ed un maggior apporto in termini di punti degli stranieri. Se Mark French riuscirà a far quadrare il cerchio – anche se non è evidente – non solo i Dragoni possono qualificarsi per i playoffs… ma possono pure aspirare a migliorare i risultati della stagione scorsa.

Viste come si erano messe le cose ad un certo punto in Dicembre… questa, è tanta roba.

Avanti così, Gottéron!

LE TRE STELLE DELLA SETTIMANA

Perttu Lindgren (HC Davos)

Alcune settimane or sono dicevamo che il Davos stava migliorando sì, ma troppo lentamente. Ebbene, i miglioramenti degli Stambecchi hanno subìto un’impennata quest’ultima settimana complicata che li vedeva affrontare due volte la capolista Berna ed una volta lo Zurigo dell’ex Arno Del Curto.

Due vittorie ed una sconfitta a testa alta. Ma soprattutto, tanto spirito combattivo!

Lo spirito combattivo poi però da solo non basta e quì entrano in gioco i singoli. Come Perttu Lindgren che è letteralmente… “on fire”! Il Finlandese può finalmente giocare con continuità e dimostra tutto il suo talento. Quest’ultima settimana ha messo a referto 7 punti in 3 partite – 4 reti – ed è stato il trascinatore della squadra in zona offensiva.

Insomma, viste le prestazioni recenti – individuali e di squadra – il finale di stagione fa forse un po’ meno paura a questo Davos.

Ben tornato, in tutti i sensi, Perttu!

Gregory Hofmann (HC Lugano)

Il Lugano questa settimana ha conquistato 6 punti in 3 partite. Complessivamente, stiamo parlando di 5 vittorie nelle ultime 7 partite. Un ruolino di marcia che significherebbe playoffs, senza se e senza ma.

Le prestazioni tuttavia sono ancora altalenanti. Manca insomma la continuità. Se c’è qualcuno a cui invece la continuità non manca, costui è Gregory Hofmann. Il quale, incurante di chi pensava che non avrebbe dato il massimo fino alla fine visto il suo trasferimento a Zugo per la prossima stagione, sta continuando a fare ammattire le difese avversarie. Con la maglia del Lugano addosso.

A volte il suo individualismo – e la sua foga di strafare?! – lo portano a commettere inevitabili errori. A volte si ha come l’impressione che è veloce più lui del disco. Gregory tuttavia, ci mette una voglia di fare incredibile… e quel dannato dischetto, molto ma molto spesso lo butta in rete o lo fa buttare in rete ai compagni.

A noi non piacciono per niente i trasferimenti annunciati in anticipo. Una cosa però è certa: Gregory Hofmann non solo si sta dimostrando uno degli attaccanti Svizzeri più devastanti… ma si sta dimostrando soprattutto un grande professionista.

Chapeau, Greg!

Robbie Earl (EHC Bienne)

Il Bienne ha avuto un fine settimana tutto sommato molto positivo. Dapprima ha battuto per 4-3 dopo rigori tra le mura amiche il Langnau – mettendo così fine ad una pericolosa serie di 3 sconfitte consecutive nonostante una prestazione a tratti poco positiva – e poi ha fornito una prestazione di ottimo livello ad Ambrì dove ha vinto per 3-1.

Proprio la partita ad Ambrì è stata l’unica giocata questa settimana da Robbie Earl.

Alla Valascia, i Seeländers si sono dimostrati intelligenti e propositivi come ai bei tempi dello scorso autunno. Quello che tuttavia mancava ultimamente al Bienne era un po’ di quel sano “fuoco sacro”… e quel fuoco sacro lo ha portato in pista, tra gli altri, proprio Robbie Earl! La prestazione del 33enne attaccante Statunitense, futuro Tigrotto, è stata a nostro parere eccellente. Sia in termini di energia portata sul ghiaccio che in termini di lavoro e sacrificio in difesa.

Lo premiamo per la sua prestazione fornita ad Ambrì. Lo premiamo anche, e forse soprattutto, perché ha avuto un grande impatto sulla squadra.

Di certo Robbie Earl può essere un asso nella manica molto importante per il Bienne in vista del finale di stagione e – il condizionale è d’obbligo – degli ormai imminenti playoffs!

LA MENZIONE SPECIALE PER… UN GRANDE PIACERE

Carl Klingberg (EV Zugo)

Ad inizio Dicembre a Langnau, Carl Klingberg è stato vittima di un pauroso scontro che avrebbe potuto avere conseguenza nefauste. Si è insomma sudato freddo… fortunatamente però, non fù nulla di eccessivamente grave. Al punto che addirittura già questa settimana ha potuto tornare ad essere schierato da Dan Tangnes.

Non solo… specialmente contro il Berna sabato sera – quando ha messo a referto 2 assists – si è già dimostrato in eccellente forma! Insomma, per tutti gli appassionati di hockey su ghiaccio è davvero un piacere rivedere Carl Klingberg sul ghiaccio.

Avanti così, Carl!

LA MENZIONE SPECIALE PER… ANIMALE DA PLAYOFFS

Thomas Ruefenacht (SC Berna)

Il Berna è la capolista del campionato. Vince innumerevoli partite anche quando le prestazioni non sono propriamente da spellarsi le mani dagli applausi.

In ottica playoffs, si può dire che ci sono ancora parecchi margini di miglioramento.

Margini di miglioramento che sta mettendo in mostra un certo Thomas Ruefenacht recentemente. Il quale, dopo una prima parte di stagione in sordina, con l’avvicinarsi dei giochi per il titolo sta tornando a mettere in mostra quella grinta e determinazione che lo rendono un vero e proprio…

Affamato animale da playoffs!

LA SORPRESA

Sacha Tosques (HC Ambrì-Piotta)

Un po’ quasi dal nulla… martedì sera a Zugo Sacha Tosques ha fatto il suo esordio in LNA con la maglia dell’Ambrì-Piotta dopo aver passato tutta la stagione in LNB con i Ticino Rockets.

Sacha è un talentuoso difensore 24enne che lavora ancora al 50% per una compagnia assicurativa.

Martedì sera ha dunque coronato il suo sogno di fare l’esordio nell’hockey dei grandi. Inoltre, trovandosi come lui stesso ha ammesso in un’intervista alla “RSI” un po’ casualmente in pista durante una situazione di power-play, è pure riuscito a mettere a referto il suo primo punto in carriera. Un assist per la rete di Elias Bianchi!

Insomma, considerando pure che l’Ambrì-Piotta ha anche vinto la partita, una serata da sogno per Sacha Tosques. Si spera, la prima di molte altre!

Avanti così, Sacha!

INTERVISTA RSI.CH A SACHA TOSQUES

LA DELUSIONE

SC Rapperswil-Jona Lakers

Ci dispiace veramente… sappiamo che nominare il Rapperswil quale delusione è ormai come sparare sulla croce rossa. Tuttavia, ancora una volta e per l’ennesima volta, i volonterosi Lakers sono la nostra delusione settimanale.

Ultimamente ci eravamo prodigati a sottolineare gli importanti miglioramenti della squadra. E certamente non vogliamo rimangiarci ogni parola. Siamo certi infatti che la truppa di Jeff Tomlinson sia migliorata parecchio e certamente non solo per i risultati discreti.

Questa settimana tuttavia, a nostro parere, il Rapperswil ha fatto due passi indietro e considerando anche la crescita del Davos è un problema.

Sia in casa contro il Ginevra Servette che poi in trasferta contro il Lugano, i Lakers hanno faticato dannatamente nonostante gli avversari abbiano fornito prestazioni appena discrete. Di fatto, è sembrato di rivedere il Rapperswil intimorito della prima parte di stagione.

La speranza, in termini di prestazioni, è che siano stati solamente due passi falsi. Perché per quanto visto questa settimana – sia in casa Rapperswil che in casa Davos – sembra che ci sia ancora molto lavoro da fare per evitare il pericolosissimo spareggio promozione – retrocessione.

Dai Rappi, non mollare!

Advertisement