Advertisement

Vediamo quali sono i nostri TOP & FLOP della settimana!


LA SQUADRA DELLA SETTIMANA

Il Thun ha battuto il Basilea per 4-2 e se ne va alla pausa internazionale con un sorriso a 32 denti!

Che vittoria, per la squadra dell’Oberland Bernese. Una vittoria quasi anche storica…

Era infatti dal 25 Novembre 2012 che il Thun non vinceva alla Stockhorn Arena contro il Basilea… ed era addirittura dal 28 Febbraio 2016 che non riusciva a segnare nemmeno un gol a domicilio contro i Rossoblù!

Advertisement

E ancora… detto, questo, che vittoria per il Thun!

Al netto del clamoroso episodio del gol negato al Basilea in entrata di secondo tempo – sarebbe stato l’1-3 e probabilmente la partita sarebbe finita – i boys di Marc Schneider ancora una volta hanno fatto capire perché sono nelle parti alte della classifica!

Dopo un primo tempo durante il quale, obiettivamente, il Basilea è stato migliore, nel secondo tempo il Thun ha fornito una prestazione spettacolare che ha portato ad una vittoria in rimonta di quelle che si racconteranno un giorno ai nipotini davanti al caminetto nelle belle serate d’inverno!

La squadra dell’Oberland Bernese, per una mezz’oretta abbondante, ha messo in mostra un calcio spettacolare. Abbellita da gol altreattanto spettacolari, tipo quello di Matteo Tosetti!

Dallo 0-2 al 4-2 contro il Basilea… non è qualcosa che succede tutti i giorni.

Ma questo Thun ormai non smette più di stupire. È attualmente terzo in classifica con un solo punto di ritardo sul Basilea secondo… ed ha ben 12 punti di vantaggio sul Neuchâtel Xamax fanalino di coda!

La salvezza non è ancora cosa fatta. Meglio sempre stare in guardia. Ma continuando così, e continuando a fornire tali prestazioni, non solo il Thun si salverà molto presto. Ma potrà davvero cercare di lottare fino alla fine per un piazzamento Europeo!

Sarebbe un grandissimo premio per questa società che lavora seriamente da anni e anni. Bravo, Thun!

LE TRE STELLE DELLA SETTIMANA

Kevin Mbabu (BSC Young Boys)

Lo Young Boys ha vinto per 3-2 a San Gallo ma ha fatto piuttosto fatica. Questo perché i padroni di casa si sono dimostrati davvero una brutta gatta da pelare.

Di fatto, non è sbagliato dire che la truppa di Gerardo Seoane ha vinto la partita del kybunpark soprattutto perché la qualità individuali dei suoi giocatori sono complessivamente superiori…

Prendiamo Kevin Mbabu per esempio…

Lo Young Boys dopo 13 minuti è andato sotto nel punteggio. Ma nel giro di 20 minuti, ha segnato 3 gol che di fatto sono risultati decisivi per la vittoria. I primi due gol, sono nati da assist al bacio di Kevin Mbabu per Jean-Pierre Nsame!

Il 23enne laterale difensivo dello Young Boys è fenomenale. È davvero capace di regalare momenti di calcio spettacolo. E lo ha fatto anche al kybunpark.

Raphaël Nuzzolo (Neuchâtel Xamax FCS)

Il Neuchâtel Xamax ha perso – permetteteci di dire, immeritatamente – in casa contro il Grasshopper e va dunque alla pausa quale fanalino di coda.

Detto questo, questa squadra ha più di una possibilità di salvarsi in quanto è più viva che mai ed è in crescita costante. Inoltre, può salvarsi anche perché può contare su Raphaël Nuzzolo…

L’attaccante della neo-promossa infatti, ha segnato ancora 2 gol ed ha portato a 8 il numero dei suoi gol stagionali. Senza dimenticare i 6 assists…!

Raphaël insomma, segna, lotta, è decisivo, è determinante. È un vero e proprio leader. Viene proprio da dire… bentornato in Super League!

Adryan (FC Sion)

Il Sion stava giocando male a Zurigo… ed al 62° minuto di gioco è pure andato sotto nel punteggio. Sembrava insomma che l’ennesima sconfitta stava arrivando.

Poi però, Murat Yakin ha avuto un’intuizione. E subìto dopo il gol subìto, ha rimpiazzato Philippe con Adryan. E la partita è cambiata!

Il biondino attaccante del Sion infatti, ha vivacizzato immediatamente la squadra! I Vallesani – anche sfruttando la stanchezza dello Zurigo – hanno iniziato a farsi preferire. Ed Adryan è stato una costante spina nel fianco della difesa dei padroni di casa.

Senza dimenticare che Adryan, grazie alla sua incredibile determinazione, ha permesso a Yassin Fortune di segnare il gol vittoria a 8 minuti dal termine!

LA SORPRESA

Ruben Vargas (FC Lucerna)

Il Lucerna ha vinto per 4-1 a Lugano una partita giocata su un campo ai limiti del regolamento. La pioggia infatti, ha reso la vita difficile ad entrambe le squadra.

Solitamente, in tali circostanze, i duri (i giocatori fisicamente più prestanti) fanno la differenza.

Un po’ a sorpresa invece, il protagonista della serata di è rivelato essere Ruben Vargas che ha segnato una doppietta!

Il centrocampista del Lucerna – 174cm per 68kg – ha dimostrato che anche i “piccoli” possono fare la differenza in queste condizioni!

LA DELUSIONE

FC Zurigo

Lo Zurigo non ha giocato male. Anzi… per 62 minuti, ha fornito una prestazione quanto meno solida. Ed avrebbe certamente meritato di essere avanti di più di 1 gol.

Poi però, dopo aver trovato il vantaggio con Antonio Marchesano, la squadra – complice anche la fatica – si è come spenta. E lo ha pagato a caro prezzo. Gettando al vento gli ennesimi punti della stagione.

Attualmente lo Zurigo è 4° in classifica. Non male. Ma le occasioni gettate al vento si susseguono… Di fatto, i boys di Magnin potrebbero tranquillamente avere 8-10 punti in più in classifica. Ma non li hanno. Anche a causa di partite gettate al vento come quella di Domenica contro il Sion.

Forza e coraggio!

LA DELUSIONE 2

Gli arbitri

Non vogliamo entrare nei dettagli… ma tra gol non visti (VAR, dove sei?), fuorigioco non ravvisati e rigori non dati… ce n’era per tutti i gusti questo fine settimana!

Non ci piace parlare degli arbitri. Molto raramente lo facciamo. Però ogni settimana, indichiamo una squadra quale delusione. E questa settimana, tra le delusioni, ci mettiamo pure la squadra degli arbitri. I quali hanno vissuto nell’insieme un week-end davvero negativo.

Advertisement