Anche questa settimana nessuna squadra ha fornito una prestazione davvero spettacolare… ma una squadra merita la menzione!

Vediamo quali sono i nostri TOP & FLOP della settimana!


LA SQUADRA DELLA SETTIMANA

Il San Gallo ha giocato una partita perfetta? Certo che no… Di fatto la squadra, come ormai ci ha abituati in queste prime 6 giornate di campionato, ha alternato cose eccellenti ad altre decisamente preoccupanti.

Ieri di preoccupante c’è stata la prima mezz’ora di gioco. O meglio, il primo tempo. E pure la prestazione difensiva, inizialmente i giocatori sono parsi troppo distratti ed hanno permesso agli avversari di contrattaccare con relativa semplicità. Ma poi?! Segnali di squadra che può davvero divertirsi e far divertire i suoi tifosi! Per le seguenti caratteristiche…

Un calcio offensivo. Pure bello da vedere! La truppa di Zeidler propone un calcio che può mettere in difficoltà qualsiasi suo avversario. Il limite di questo calcio è che la difesa a volte resta scoperta fin tanto che non si saranno trovati tutti i giusti automatismi. Ma ragazzi, il San Gallo è bello da vedere!

La determinazione ed il carattere. Il San Gallo ha dimostrato tantissima determinazione e carattere. La prima mezz’ora della partita poteva abbattere i giocatori… Dopo aver ribaltato il risultato con Quintillà ed Itten il Neuchâtel ha immediatamente pareggiato grazie ad un rigore dubbio… Questi due fattori potevano mandare tutto a ramengo. Ed invece la squadra ha reagito… da Squadra. Con la S maiuscola. Dimostrando un carattere che promette bene per il futuro.

La qualità. Il San Gallo ha costruito una bella squadra. Che con il tempo potrà migliorerà ulteriormente. Ad immagine di un Cedric Itten letteralmente infuocato!

Insomma… la prestazione del San Gallo è stata perfetta? Certo che no… ma secondo noi meritano il titolo di “Squadra della settimana”. Anche per quel secondo posto in classifica che, per quanto conta niente in questo momento, può dare molta fiducia. Specie alla vigilia della lunga pausa!

LE TRE STELLE DELLA SETTIMANA

Miroslav Kovilo (FC Lugano)

Miroslav Kovilo ha finalmente potuto debuttare con la maglia del Lugano dopo un’attesa che sembrava infinita. Evidentemente il centrocampista ex Cracovia Krakow scalpitava…

Bagna il suo esordio con un fondamentale gol vittoria ma non solo. Si dimostra l’uomo giusto al posto giusto. Il giocatore che, non appena si sarà completamente adattato alla Super League, potrà davvero essere l’arma in più dei Bianconeri.

Senso della posizione specialmente difensiva, precisione, determinazione, esperienza… Miroslav Kovilo è un profilo che al Lugano mancava. E che può davvero fare la differenza. Come a tratti, si è già visto contro lo Zurigo.

Mirko Salvi (FC Lucerna)

Mirko Salvi ha fornito la sua miglior prestazione stagionale, senza se e senza ma.

Incolpevole sul gol subìto dal Lucerna in avvio di partita. Dopo di che, ha effettuato alcuni interventi imporanti che hanno permesso agli Svizzero Centrali di rimanere ad un solo gol di distacco dal Grasshopper fino alle fasi finali. Inclusa una parata a dir poco strepitosa su Aimery Pinga sul finale di primo tempo che, alla fine dei conti e con il senno di poi, è stata l’episodio chiave della partita.

La partenza di Jonas Omlin è stata dura da digestire per il Lucerna. Ma se il livello di Mirko Salvi è questo, la porta della squadra è salva!

Christian Fassnacht (BSC Young Boys)

Lo Young Boys era stanco, specie dal punto di vista mentale, dopo la magica settimana che ha portato alla storica qualificazione alla Champions League dove affronterà Juventus, Manchester United e Valencia.

Ci si attendeva una flessione a livello di prestazione a Sion… ed effettivamente la partita giocata dalla truppa di Gerardo Seoane non è stata in tutto e per tutto eccellente. Ma ancora una volta, la squadra si dimostra uno schiacciasassi.

Ad immagine di Christian Fassnacht. Si è dimostrato implacabile ogni qual volta ha avuto l’opportunità di segnare. Inoltre, lo si vede sempre nel vivo dell’azione in fase offensiva. E di certo non per il colore dei suoi capelli… Gran bel giocatore!

LA MENZIONE SPECIALE

Pascal Schürpf (FC Lucerna)

Pascal Schürpf continua ad essere il Re Mida del Lucerna e festeggia nel miglior modo possibile il recente rinnovo di contratto con la squadra della Svizzera Centrale.

Ehi, non giriamoci intorno. Lo si è visto poco. La sua prestazione è stata quasi anonima fino alle fasi finali.

Poi però tocca un pallone e con un grande tiro regala i tre punti al Lucerna! Sembra che ogni cosa che tocca si trasformi in oro… il Re Mida del Lucerna, per l’appunto.

LA DELUSIONE

FC Zurigo

Lo Zurigo ha portato a 4 la sua serie di risultati negativi (2 sconfitte, 2 pareggi). Ok, ci può stare… in un campionato lungo 36 partite, i periodi negativi capitano e non è un dramma.

Però a Lugano la squadra ha (nuovamente) mancato l’approccio. E pure nel secondo tempo la reazione è stata meno convinta di quanto i tifosi si sarebbero lecitamente aspettati.

Questa squadra ha molto potenziale. Ma continua ad alternare cose eccezionali (vedi secondo tempo contro il Basilea la scorsa settimana) ad altre decisamente deludenti, come la prestazione a Lugano. Fortunatamente arriva la pausa… lo Zurigo deve forzatamente trovare continuità, anche sull’arco dei 90 minuti di gioco. È l’unico modo per poter davvero far fruttare al massimo il potenziale.

Buona fortuna, FC Zurigo!

Advertisement