I nostri TOP & FLOP della settimana hockeystica – 05 Nov. 2017

0
631

Ogni settimana vi proponiamo i nostri TOP & FLOP. La squadra migliore, i giocatori che in un modo o nell’altro hanno lasciato il segno, la sorpresa ed infine la delusione…

TOP

Il calendario della settimana prevedeva di andare a giocare a Zugo e poi di affrontare il Davos in casa. Due partite in cui il Gottéron aveva tutto da perdere in quanto squadre forti ma attualmente in crisi. Ossia, squadre che da un momento all’altro si possono improvvisamente riprendere.

Ebbene, i Dragoni hanno giocato un week-end da far spellare le mani dagli applausi ai propri tifosi!

Dapprima sono andati ad imporsi a Zugo alla Bossard Arena, una pista nella quale non riuscivano ad imporsi dal 25 Febbraio 2014, ossia da 1347 giorni… Ed in seguito hanno battuto il Davos, squadra che non riuscivano a battere dal 16 Ottobre 2015…

Lasciamo perdere quei 10 minuti disgraziati a Zugo venerdì sera che hanno permesso agli avversari di tornare in partita. Il Gottéron di queste due partite è stata davvero una squadra tosta a dir poco!

Prima di questo fine settimana i Dragoni avevano perso 7 delle ultime 8 partite disputate, di cui ben 5 dopo rigori. Ed avevano raccolto certamente meno di quanto avrebbero meritato. Invece in 120 minuti i Burgundi si sono permessi il lusso di affrontare la pausa per la Nazionale con un sorriso a 35 denti… Già, 35 come i punti in classifica che permettono al Gottéron di essere attualmente 4° in classifica!

Che dire?! Giù il cappello… Davanti a tutti i giocatori e davanti all’allenatore Mark French, che dimostra di partita in partita di essere sempre più preparato!

I PERSONAGGI

Simon Bodenmann (SC Berna)

Nonostante siamo solo ad inizio Novembre, da alcuni giorni è ufficiale: Simon Bodenmann giocherà la prossima stagione per gli ZSC Lions. Una di quelle situazioni che nell’hockey moderno, piaccia o non piaccia, sono sempre più ricorrenti.

I maligni pensano immediatamente all’impatto che possono avere tali annunci sul giocatore in questione. Si impegnerà fino alla fine? Come potrà dare il massimo già sapendo che la prossima stagione giocherà per un’altra squadra? Per avere le risposte, andate a vedervi le ultime due partite di Simon Bodenmann!

Il Berna vive l’ennesima settimana fatta di sole vittorie, e Bodenmann ha giocato un ruolo cruciale. Dapprima ha segnato una tripletta venerdì a Davos, ed in seguito ha segnato sabato sera contro lo Zugo. In entrambi i casi, ha messo a referto il gol decisivo.

In meno di 24 ore ha più che raddoppiato il totale dei suoi gol stagionali. Di certo, non ha ancora la testa a Zurigo…

Robbie Earl (EHC Bienne)

Il Bienne vince le due partite della settimana, il che è un toccasana per il morale proprio alla vigilia della pausa internazionale. Uno dei motivi, è certamente stato il rendimento di Robbie Earl.

Sarà anche un pò incostante, ma quando decide di alzare il suo livello di gioco rischia di farti vincere le partite da solo. O quanto meno, a trasmettere la necessaria sicurezza ai propri compagni in modo che le partite possano girare a tuo favore.

Lo ha fatto venerdì sera in casa contro il Langnau il gol decisivo. E lo ha fatto sabato sera ad Ambrì, cambiando il corso della partita e risultando tra i migliori in pista.

Come dicevamo, i 5 punti conquistati nel week-end sono un toccasana per il Bienne. Tanto quanto l’aver ritrovato il proprio Top Scorer al meglio della forma!

Luca Fazzini (HC Lugano)

Il Lugano ha vinto dapprima in casa il derby contro l’Ambrì-Piotta ed in seguito in trasferta contro il Langnau. Due partite, 6 punti. Due partite diverse, contro due avversari che hanno richiesto un approccio diverso. C’è stato tuttavia un fattore in comune, ossia le grandissime prestazioni di Luca Fazzini!

Venerdì sera nel derby ha segnato un gol dei suoi, andando a togliere la ragnatela alla porta difesa da Benjamin Conz. Sabato sera a Langnau, ha messo a segno una doppietta a cavallo della fine del secondo tempo e l’inizio del terzo che di fatto è risultata decisiva.

Purtroppo un piccolo problema fisico gli impedirà di rispondere alla convocazione di Patrick Fischer. Davvero un peccato. Anche se malignamente, un tifoso del Lugano potrebbe pensare che in questo modo il suo gioiellino rimarrà intatto per la ripresa del campionato.

Lo avevamo già detto, e ci ripetiamo. Se ci trovate un cecchino in Svizzera migliore di lui, prego fatecelo sapere.

LA SORPRESA

Cristobal Huet (Losanna HC)

La sua prestazione martedì sera a Ginevra è stata sfortunata a dir poco. Ed inoltre è durata “solamente” 56 minuti e 43 secondi. Già, perché in quell’istante alla leggenda Cristobal Huet devono essere scoppiati i nervi… e si è scagliato contro Nathan Gerbe ricevendo una sacrosanta penalità di partita.

Non ha mai avuto una percentuale di interventi così bassa come in questa stagione che è nata sotto una cattiva stella e sembra non riuscire a decollare per lui.

Gli auguriamo di tutto cuore di ritrovare la necessaria serenità per disputare una seconda parte di campionato all’altezza del suo livello. Se lo merita lui e se lo meritano tutti i suoi tifosi.

È una leggenda, e merita di mettere fine alla sua carriera a testa alta!

LA SORPRESA 2

Ludovic Waeber (Friborgo Gottéron)

Passiamo da una leggenda ad un giocane sbarbatello che sta muovendo i suoi primi passi in National League… Parliamo di Ludovic Waeber, portiere del Friborgo Gottéron classe 1996.

In questo fine settimana ha preso il posto dell’infortunato Barry Brust. Dopo un rodaggio Venerdì sera a Zugo, Sabato sera contro il Davos è stato opinabilmente il miglior giocatore in pista! Tantissimi interventi, di cui alcuni anche davvero complicati.

Ricordate la scorsa estate? Reto Berra era forse l’acquisto di maggior peso del Gottéron. Poi, ha ricevuto l’occasione della vita di tornare a giocare in NHL, come poteva rifiutare? Insomma la stagione non era partita nel migliore dei modi per il Gottéron se pensiamo al ruolo del portiere.

Con il senno di poi, tutto è più semplice. Tuttavia… Con il senno di poi, siamo poi così sicuri che al Gottéron sia poi andata male?! La realtà è che i Dragoni possono contare su una bella coppia di portieri!

LA DELUSIONE

HC DAVOS & EV ZUGO

Cos’hanno in comune Davos e Zugo? Parecchie cose in realtà…

Anzitutto sono le due semi-finaliste dello scorso campionato. Poi sono entrambe squadre dal grandissimo potenziale. Ma c’è di più…

Entrambe sono in un periodo non particolarmente positivo, addirittura pessimo per lo Zugo. Entrambe sono state sconfitte in questo fine settimana dai Campioni in carica del Berna e dai rampanti Dragoni di Gottéron.

Per finire… entrambe, necessitano di questa pausa internazionale più di altre squadre!

Davos e Zugo, per potenziale, sono la nostra delusione della settimana. Si riprenderanno, questo è certo. Ed allora, al lavoro!

Salva

Save

Save

Save

Save

Save

Salva

Advertisement