[text_block_nav title=”ARTICOLO”]Il seguente approfondimento è composto da un introduzione, un’analisi statistica ed un intervista ad un sostenitore del FC San Gallo. Cliccate su “Articolo”, “Storia”, “Statistiche”, “Intervista”, per passare al relativo paragrafo. (non disponibile per versione mobile)

Joe Zinnbauer, è passato circa un anno da quando è sbarcato a San Gallo e domani, al neo nominato “kybun park”, potrebbe concludersi la sua avventura. Una sconfitta e difficilmente riuscirà a conservare il suo posto in sella ai Biancoverdi, che potrebbero oltretutto approfittare della pausa-Nazionale per trovare un sostituto che abbia il tempo di lavorare prima di rituffarsi nel campionato.

L’articolo pubblicato alcuni giorni or sono, “SAN GALLO, COSA SUCCEDE?”, ha fatto discutere, ed alcuni favorevoli all’allontamento di Zinnbauer si sono fatti sentire; siamo così riusciti ad entrare in contatto con Nanouk Zünd, sostenitore del San Gallo che abbiamo incontrato sul forum dei sostenitori Biancoverdi (www.fcsgforum.ch) , al quale abbiamo posto le stesse domande dell’ultima intervista, a cui ha voluto dare le sue risposte per farmi, e farci, capire perché secondo lui e molti altri invece l’allenatore vada allontanato.

Prima di arrivare all’intervista, tuttavia, ci teniamo a specificare che l’argomento ci ha parecchio interessati, da ammiratori di Zinnbauer, ed abbiamo allora voluto capire, dal punto di vista statistico, come Zinnbauer, che lo ricordiamo è tutt’ora al suo posto, ha fatto durante la sua permanenza a San Gallo. Abbiamo scavato e scoperto parecchi numeri interessanti!

[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”STORIA”]

STORIA

Joe Zinnbauer ha esordito sulla panchina del San Gallo con una vittoria sul Thun alla 9a giornata dello scorso campionato per 1-0, giunta grazie alla rete di Gelmi all’85° minuto.

Ironia della sorte, quella sfida ha significato praticamente la fine di Ciriaco Sforza sulla panchina dei Bernesi, che verrà rimpiazzato da Jeff Saibene, colui che aveva le redini del San Gallo fino all’arrivo di Zinnbauer…

Da allora, il buon Joe, ha guidato la squadra per un totale di 32 partite, raccogliendo 34 punti (media punti di 1.06).

[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”STATISTICHE”]

STATISTICAMENTE…

Breve introduzione alle statistiche che vi presentiamo:

il TSR è un indice che calcola quante volte una squadra, in rapporto ai suoi avversari, è arrivata alla conclusione. Il totale di tutte le squadre, in media, sarà sempre di 0.50. Chi ha un risultato molto inferiore, tenderà ad essere nelle parti basse della classifica, mentre chi l’ha molto superiore tenderà ad essere nelle parti alte.

Il STR è un indice che calcola quante volte una squadra, in rapporto ai suoi avversari, è arrivata alla conclusione in porta. Funziona come il TSR.

Il CR è un indice che mostra quante volte una squadra riesce a convertire a rete le occasioni in rapporto ai suoi avversari. Tendenzialmente questa statistica si avvicinerà allo 0.50 (ossia alla media) per tutte le squadre alla fine del campionato.

Sono tutte statistiche che servono a capire lo stato attuale di una squadra, e che permettono di capire l’andamento sul medio-lungo termine.

(al termine dell’articolo, trovate un link che vi dirige verso la pagina dove queste statistiche vengono spiegate nel dettaglio)

I risultati del San Gallo con Zinnbauer:

Vi proponiamo ora alcune statistiche: dapprima il totale di Joe Zinnbauer a San Gallo, in seguito gli indici ottenuti da Zinnbauer nella scorsa stagione, quelli della stagione corrente, ed infine quelli di Jeff Saibene nello scorcio della scorsa stagione.

TOTALE
Joe Zinnbauer
2015/2016
Joe Zinnbauer
2016/…
Joe Zinnbauer
2015
Jeff Saibene
TSR 0.44 0.45 0.38 0.54
STR 0.41 0.42 0.30 0.47
CR 0.46 0.46 0.47 0.38

È dimostrata, nell’arco dell’avventura di Joe a San Gallo, una tendenza a subire pesantemente i suoi avversari, questo nonostante un possesso palla medio durante le 32 partite del 49%.

Il possesso palla si è dunque rivelato prevalentemente sterile, e non ha certo aiutato in tal senso un indice di conversione relativamente basso.

È molto interessante il paragone tra gli indici relativi alla scorsa stagione e quelli dello scorcio della stagione attuale.

È piuttosto chiaro come il San Gallo sia peggiorato, e se già lo scorso anno subiva le iniziative avversarie, in questa stagione le cose stanno andando ancora peggio.

Il tasso di conversione inoltre è assestato allo 0.47 in questa stagione, e tendenzialmente ha pochi margini di miglioramento, chiaro sintomo che quello che a San Gallo deve cambiare è l’atteggiamento prima della conclusione a rete.

Interessante anche il paragone con le partite in cui Jeff Saibene era l’allenatore. Con l’ex allenatore in panchina, nello scorcio della stagione scorsa, il San Gallo creava di più, riusciva ad avere più pressione ma il rendimento sotto porta era deleterio, ed è forse questo che è costata la panchina al buon Jeff.

A titolo di paragone, vi proponiamo i risultati del prossimo avversario del San Gallo, ossia il Lucerna e gli indici relativi alla stagione in corso:

TSR 0.51 , STR 0.58, CR 0.56

Il Lucerna, tendenzialmente, dovrebbe peggiorare e sta vivendo un momento al di sopra delle proprie possibilità. Il tasso di conversione dello 0.56 è destinato a diminuire, di conseguenza Markus Babbel non dovrà permettere ai suoi cali di tensione relativi alla pressione esercitata sugli avversari.

Di seguito, alcune statistiche dell’avventura di Zinnbauer a San Gallo:

2015/2016 (media) 2016/… (media)
Partite 32 28 4
Punti 34 31 (1.00) 3 (0.78)
Gol fatti 39 36 (1.29) 3 (0.75)
Gol subiti 65 57 (2.04) 8 (2.00)
Tiri in porta 145 133 (4.75) 12 (3.00)
Tiri subiti in porta 210 182 (6.50) 28 (7.00)
Media possesso palla 50% 48% 52%
Calci d’angolo 164 144 (5.14) 20 (5.00)
Calci d’angolo avversari 196 165 (5.89) 31 (7.75)
Fuorigioco 70 58 (2.07) 12 (3.00)
Fuorigioco avversari 120 105 (3.75) 15 (3.75)
Falli fatti 461 396 (14.14) 65 (16.25)
Falli subiti 432 378 (13.50) 54 (13.50)

Queste statistiche ci aiutano a capire, la tendenza rispetto alla scorsa stagione.

Il Campionato è ancora lungo, queste statistiche indicano unicamente una media, è tuttavia interessante notare come praticamente tutte le statistiche sono al ribasso, chiaro indice di come la squadra evidentemente non recepisce il messaggio.

L’alta percentuale di possesso palla di questa stagione produce, malauguratamente, in confronto agli avversari meno tiri in porta, meno di calci d’angolo, meno situazioni di fuorigioco (che significano ad ogni modo una pressione sugli avversari) e addirittura fa commettere più falli degli avversari.

Altro problema riscontrato, è il rendimento esterno: il San Gallo, dall’avvento di Ferrari-Joe, dei 34 punti totali conquistati ben 24 sono arrivati dalle partite casalinghe, in trasferta i Biancoverdi hanno vinto 2 delle 17 partite disputate (l’ultima lo scorso 21 febbraio a Lucerna), ed hanno conquistato un totale di 10 punti. Un rendimento inaccettabile.

Sembra evidente un problema di fondo, ed il quesito è: Zinnbauer chiede troppo ai suoi giocatori oppure Zinnbauer, in un contesto come la Super League dove bisogna fare necessità virtù, non riesce ad adattare il suo calcio ai giocatori ? La risposta, probabilmente, sta nel mezzo, ma una soluzione deve assolutamente essere trovata a breve.

Dopo questa analisi statistica, andiamo a sentire il nostro interlocutore Nanouk Zünd, che ci rivela il suo interessante pensiero a riguardo della situazione a San Gallo.

[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”L’INTERVISTA”]

L’INTERVISTA

A Nanouk Zünd

Cosa ne pensi di Joe Zinnbauer, come allenatore e come persona ?

Non ho nulla contro Zinnbauer come persona, sono certo che sa cosa vuole e che la sua passione per il calcio sia genuina. Al momento provo compassione per lui, vedo che è sempre più sotto pressione. Come allenatore, devo però ammettere di essere deluso, qualsiasi sia la sua idea sul tipo di calcio che vuole vedere applicato, non funziona, o quanto meno non se ne vedono i risultati sul campo. Realtà è che un allenatore, per essere considerato di successo, deve portare risultati. Inoltre, da tifoso, non vedo quei tatticismi ed automatismi sui quali un allenatore deve lavorare in settimana; sembra che durante una partita le giocate siano occasionali e fortuite, e non il risultato di una settimana di allenamenti. E questa è assolutamente responsabilità dell’allenatore. Per ultimo, ma certamente non meno importante, la squadra non sembra un gruppo ma un insieme di giocatori, per altro nemmeno tanto male sulla carta, assolutamente non coeso.

Ritieni che cambiare allenatore sia la soluzione migliore ?

Non ho la certezza che, con o senza Zinnbauer, possiamo ritrovare la via del successo, ma al momento sono d’accordo con la maggioranza dei tifosi, i quali sostengono che Joe non è in grado di raddrizzare la barca. Non si vedono progressi nel suo anno passato con noi, e ritengo che non sia capace di accendere l’interruttore per farci svoltare. Sono convinto che la nostra squadra, a livello di qualità individuale, è la migliore che abbiamo da parecchio tempo, ma questa stessa qualità sembra essere scomparsa negli abissi al momento. Giocatori potenzialmente di qualità quali Tafer, Aleksic, Angha (…) sembrano completamente fuori forma e frustrati, quindi in conclusione sì, purtroppo credo che il tempo per Zinnbauer a San Gallo sia da considerarsi finito. Pur se non c’è la garanzia che qualcun’altro saprà fare meglio.

La tua opinione in merito a Gianluca Gaudino. L’impressione tra i sostenitori è che il ragazzo non ha mantenuto le alte aspettative che si avevano nei suoi confronti.

Personalmente non credo che abbia deluso, o meglio, ad essere onesti, le aspettative nei suoi confronti erano sproporzionate per la sua età. Quindi, se vogliamo metterla su questo piano: vero, non ha mantenuto le aspettative, ma semplicemente perché le attese nei suoi confronti erano eccessivamente alte. Certamente nessun giocatore, tanto più se dell’età di Gianluca, sarebbe capace di trascinare da solo una squadra allo sbando fuori dal pantano da solo! Non è certamente un Messia, ma sono certo che quando la squadra riuscirà a ritrovare la sua strada, lui saprà illuminarci e regalarci sprazzi di quel talento che è indiscusso. Per concludere, non sono deluso da lui, perché era ovvio che necessitava del tempo.

Qual’è la spiegazione che ti dai, e ci dai, in merito al fatto che il San Gallo non ha mai vinto una partita in Super League contro il Vaduz ?

Questa è una bella domanda, ritengo che sia per diversi fattori. Per esempio, ci sono giocatori che hanno vestito anche la nostra maglia nel passato ma che non erano più necessari per il nostro progetto, o come nel caso di Muntwiler e Costanzo quando hanno avuto la possibilità di tornare a San Gallo ma il club non li ha voluti, questo credo generi nei giocatori stessi una certa voglia di rivalsa. Un altro fattore è semplicemente quello che nel calcio a volte succedono cose inspiegabili, come se un “dio calcio” avesse deciso così, ma questo certamente non capita solo a San Gallo. Ci sono parecchie squadre che, contro un determinato avversario, semplicemente sembra che non riescano ad esprimersi. Per ultimo, ritengo che al momento attuale sia diventata pure, se non specialmente, un fattore mentale; parecchi media hanno scritto di questo e si è creata una pressione che, magari anche in maniera subconscia, influenza i giocatori. È solo una questione di tempo, ma il San Gallo riuscirà a vincere contro il Vaduz!

La tua previsione per la stagione corrente di Super League ?

Questa non solo è una previsione, ma anche un pò la mia speranza. Credo che il San Gallo possa riassestarsi presto o tardi, e riuscire a raggiungere almeno un piazzamento di mezza classifica. Nel calcio tutto può cambiare così in fretta, ed è anche questo che rende questo sport così affascinante! Ci potrebbe essere un momento in questa stagione nel quale vinceremo diverse partite consecutivamente, ed all’improvviso potremmo anche tornare a sentire il profumo dell’Europa non tanto distante da noi… non voglio sembrare supponente, ma se un cambiamento arriva sufficientemente presto, posso ancora immaginare il San Gallo nelle posizione che portano all’Europa League. Di una cosa ad ogni modo sono certo: non saremo relegati.

Per il Lugano non saprei dire troppo; non conosco molto bene la squadra e non ho guardato troppo da vicino quello che stanno facendo al momento. Tuttavia vedo il Lugano in Super League anche per la stagione ventura, ritengo infatti che quest’anno toccherà a Losanna o Thun scendere di categoria, con i Vodesi leggermente più accreditati alla retrocessione.

C’è una domanda che non ti ho fatto, ma che avresti voluto ?

Una domanda che certamente potrebbe rivelarsi particolarmente interessante è “Perché le aspettative e la realtà, a San Gallo, sembrano vivere sempre in due mondi così distanti?” , poi certo, ammetto che a questa domanda sarebbe difficile trovare una risposta!

Grazie, Nanouk!

http://leading-sport.com/2016/08/17/calcio-statistiche-avanzate-tsr-str-cr-introduzione/[/text_block_nav]