LA PARTITA

Diverse partite in una… prima i Bianconeri, poi i Tori, poi l’equilibrio… così si potrebbe riassumere Lugano contro Zugo, ed alla fine a festeggiare dopo i tiri di rigore sono stati gli ospiti.

Forse non tutti avevano ancora preso posto sul seggiolino quando lo Zugo è riuscito a portarsi in vantaggio… è bastato infatti 1 minuto a Holden per gelare il sangue della Resega. È invece stato il gol che ha svegliato i padroni di casa, capaci di portarsi in parità nel giro di poco più di un minuto grazie ad Hofmann, ed in seguito tra il 12:32 ed il 18:31, di portarsi sul 3-1 grazie ai gol di Brunner (finalmente) e Bürgler!

Sembrava il preludio ad una serata di gloria, ma dopo aver fallito alcune situazioni clamorose, gli ospiti nel giro di 6 minuti a partire da metà partita, ribaltano completamente il risultato con Klingberg, Zangger e Immonen.

Alcuni spettatori lasciano la pista per recarsi alla buvette, e sbagliano, perché nel giro di poco più di un minuto il Lugano pareggia grazie a Chiesa dopo gran lavoro propiziatorio di Bertaggia.

Il terzo tempo vede le due squadre abbassare i ritmi, e l’appendice dei supplementari (ed eventuali rigori) era nell’aria.

Così è stato, e la serie viene vinta dai Tori, capaci di superare Merzlikins con Martschini, Zangger ed Immonen, mentre per il Lugano il solo Gardner è riuscito a mettere a segno il suo rigore.

L’OPINIONE

Primo tempo pirotecnico, con il Lugano che finalmente mette in scena una prestazione che anche se non bellissima da vedere, richiama alla mente almeno parzialmente la scorsa stagione. Poi l’inspiegabile mancanza di freddezza in due circostanze quando, in 5 contro 3 per quasi due minuti (per un totale di 4!), non è stato capace dapprima di segnare il potenziale 4-1, ed in seguito il potenziale 4-2. La partita, il Lugano, l’ha persa lì.

Lo Zugo invece, fors’anche incredulo di cotanta generosità, ne approfitta ed ottiene una vittoria che vendica almeno parzialmente la sconfitta della sera precedente con lo Zurigo. Si tratta della quinta vittoria nelle ultime sei partite, ma quello che colpisce è che, dopo aver passato un periodo di 11 partite con una media di gol subiti pari a 1.18, nelle ultime due uscite i Tori hanno concesso ben 10 gol…

KEY MOMENT

19:26 / 33:04 – PENALITÀ (Stephan e Immonen, EVZ)

Sono i momenti decisivi. Due situazioni di 5 vs 3 che andavano forzatamente sfruttate per chiudere la partita.

IL GIOCATORE

Alessio Bertaggia (HCL)

Quando mette al servizio della squadra la sua rapidità, e quando riesce a fare giocate come quella che ha portato al gol del pareggio di Chiesa, diventa quasi incontenibile.

LA PILLOLA

LUGANO: prima volta in stagione una cui partita si conclude con l’appendice dei rigori. Persa.

ZUGO: 40 tiri in porta, in trasferta, non li aveva mai concessi in stagione.

MARCATORI

Salva

min. HC LUGANO vs EV ZUGO min.
2′ Hofmann (Bürgler, Bertaggia) Holden (Martschini, Diaz) 1′
13′ Brunner (Bürgler, Klasen) Klingberg (Geisser, Diaz) 31′
19′ Bürgler (Sondell, Bertaggia) Zangger (Schnyder, Diaz) 37′
39′ Chiesa (Bertaggia, Bürgler) Immonen (McIntyre, Martschini) 38′
R Gardner Martschini R
Zangger R
Immonen R