(cliccare “Marcatori” e “Statistiche” per accedere al resoconto statistico della partita)

L’OPINIONE

Il Bienne l’ha fatto ancora, ottiene ancora una vittoria convincente e un pò sorprendentemente si ritrova con il miglior attacco di National League.

Siamo piacevolmente sorpresi dall’attitudine di Hiller, che si è calato perfettamente nel ruolo e risulta decisivo, smentendo di fatto anche chi credeva che fosse sul viale del tramonto.

Ci risulta invece ancora indecifrabile il Berna; gli Orsi possono contare su un pacchetto di stranieri di tutto rispetto che vanno a punti, hanno un portiere all’altezza ma per qualche ragione ancora non hanno realmente ingranato. Si intravedono ad ogni modo i sintomi di grande squadra pronta ad esplodere.

LA PARTITA

Sono stati gli ospiti ad aprire lo score con il solito Arcobello, che raggiunge quota 5 reti stagionali; per l’occasione è stato caparbio a sfruttare una mischia sotto porta ed infilare Hiller.

Ma quello che sembrava essere il gol che avrebbe dato il “la” ad una grande serata per gli Orsi, ha di fatto svegliato il Bienne che si è poi fatto preferire.

I primi frutti per i padroni di casa vengono raccolti al 10:55 di un primo tempo che è corso via senza troppe interruzioni. È Pedretti a regalare il pareggio al Bienne, che ha sfruttato una bella azione sulla destra di Earl ed ha infilato da posizione defilata.

È poi nel secondo tempo che i padroni di casa, nell’arco di 5 minuti, decidono la partita con una sorta di “un-due-tre” che di fatto chiude la partita. Le reti portano la firme di Schmutz, grazie ad un tiro da media distanza, di Rajala, abile a sfruttare un power play, ed ancora di Rajala sempre in power play questa volta sfruttando un cordo rebound.

La partita, di fatto, si chiude quì e lascia spazio ad un pò di nervosismo eccessivo che genera penalità che nessuna delle due squadre riesce a sfruttare.

Il terzo conclusivo sarà poi pura accademia, con i padroni di casa bravi a gestire ed a conquistare i 3 punti nel derby!

IL GIOCATORE

Toni Rajala

Non soltanto le due reti per Toni Rajala; l’attaccante del Bienne è il più attivo e trova parecchie conclusioni (7 i tiri in porta, 3 quelli mancati), terminando la sua partita con un bilancio complessivo di +2.

LA PILLOLA

BIENNE: 9 i tiri mancati dai Seeländers, il numero minore stagionale.

BERNA: solamente una volta in stagione, la terza partita, il Berna non ha subito reti nei primi 20 minuti di gioco.

LA FORMA

Il Bienne torna alla vittoria dopo la sconfitta di Zugo. In casa ha vinto consecutivamente le ultime 4 partite disputate, con un bilancio impressionante di 19 reti fatte e 5 subite.

Per il Berna seconda sconfitta consecutiva, la terza nelle ultime cinque partite disputate.

PDO = indice “fortuna” calcolato sommando % realizzativa alle % di parate del portiere.

CR = indice del tasso di conversione

STR = indice dei tiri in porta, calcolato dividendo i tiri in porta, per i tiri in porta sommati a quelli subiti. Mostra la “dominanza” di una squadra nel generare occasioni in confronto all’avversario.

CORSI = (tiri  + tiri mancati + tiri bloccati avversario) – (tiri subiti + tiri mancati avversario + tiri bloccati).

FENWICK = (tiri + tiri mancati) – (tiri subiti + tiri mancati avversario)

 

Salva

Salva

EHC BIENNE
SC BERNA
11′ Pedretti Arcobello 3′
 25′  Schmutz
 29′ Rajala
31′  Rajala
 

BIENNE BERNA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here