Photo: justpictures.ch


Prossimamente sapremo quali sono le limitazioni per assistere alle partite di National League 2020-21. Alcune cose tuttavia sembrano già certe. Obbligo di mascherina, afflussi alla pista regolamentati (per orari per esempio) e consumo bevande o cibi al proprio posto (seduto).

Viste queste limitazioni, la gente andrà ancora alle partite? A nostro modesto parere dipende.

I tifosi infatti possono venir suddivisi in diverse categorie. Ce ne sarebbero decine ma abbiamo voluto semplificare ed indicarne tre.

I tifosi sfegatati

Gli sfegatati sono coloro che non perderebbero una singola partita della loro squadra del cuore per niente al mondo. Se la loro dolce metà è in procinto di partorire… è probabile che se il parto avvenisse alle 21:00 di un martedì sera qualsiasi lo perderebbero. Gli sfegatati sono grandissimi appassionati, conoscono tutti i giocatori e solitamente conoscono pure bene il gioco dell’hockey su ghiaccio. Seguono la loro squadra del cuore ma spesso e volentieri pure tutte le altre squadre. Probabilmente se su un canale TV facessero vedere una partita tra Mayan Astronomers e Teotihucan Priests (Liga Mexicana Elite) non se la perderebbero. E se in quel momento fossero in vacanza in Messico… è assai probabile che parecheggino moglie e bimbo in spiaggia per andarsi a gustare la partita di persona.

Loro andranno ancora alla pista? Sì, senza dubbio.

I tifosi regolari

I tifosi occasionali sono coloro che solitamente hanno un abbonamento stagionale per assistere alle partite della squadra del cuore. Conoscono molti giocatori e si intendono abbastanza di hockey. Si perdono poche partite all’anno ma metterebbero la nascita di un bambino davanti al derby giocato lo stesso giorno e nello stesso momento. Seguono distrattamente pure i risultati delle altre squadre. Sono insomma molto interessati.

Loro andranno ancora alla pista? Probabilmente sì.

I tifosi distaccati

I tifosi “distaccati” sono coloro che vanno regolarmente alle partite di hockey su ghiaccio. Tifano una squadra ma, detto francamente, poco gli importa di venire a conoscenza di tutti i giocatori della rosa o di seguire la squadra pure in TV quando gioca in trasferta. Sono coloro che vanno alla pista soprattutto per bere una birra con gli amici, sono coloro per cui la serata alla pista è un evento ma la partita è un “semplice” – per quanto piacevole – contorno.

Loro andranno ancora alla pista? Forse no.

Ecco, su questi ultimi tifosi vogliamo soffermarci. I tifosi “distaccati” non sono pochi, anzi sono probabilmente più di quanto si pensa. Spesso spendono pure molti sodi alla pista – tra buvettes, cibo, ecc… – e sono dunque tifosi importantissimi per i club dal punto di vista finanziario e della presenza.

I tifosi “distaccati” sono affezionati alla squadra del cuore ma preferiscono bersi una birra con gli amici fuori dalla pista fumando una sigaretta. E poco importa se in quel momento il tuo Top Scorer ha segnato il gol vittoria.

Magari molti tifosi “sfegatati” e “regolari” giudicano i tifosi “distaccati” come tifosi di serie b. Però non si può negare che i tifosi “distaccati” siano fondamentali per i club. Inoltre chi l’ha detto che chiunque si reca alla pista deve forzatamente essere uno sfegatato? I tifosi “distaccati” meritano molto rispetto ed oltretutto rischiano di spendere più alla pista di un tifoso sfegatato. E, piaccia o non piaccia (a noi non piace ma questa è un opinione personale), ormai oggi lo sport professionistico è puramente un business nella sua gestione ed i tifosi “distaccati” sono cruciali. Ecco, e proprio i tifosi “distaccati”, a nostro parere, difficilmente si recheranno alla pista per vedere le partite con le limitazioni.

E se l’amico finisse in un altro settore? Ma che ci vado a fare alla pista se poi devo comportarmi come un soldatino e bermi la birra da solo al mio seggiolino invece di condividere il piacere con il soci? Inoltre, devo arrivare prima… attendere dopo la partita per andare al ristorante… Insomma, me ne resto a casa. Ancora meglio, vado con i miei amici al bar oppure li invito a casa mia e ci guardiamo la partita in TV.

Insomma, a nostro modesto parere c’è il grande rischio che indipendentemente dalle limitazioni – sia di regole che in termini di numeri – che verranno fissate, i club perderanno molti tifosi alla pista.

Ci sbagliamo? Forse sì. Di fatto, speriamo veramente di sì. Questo tuttavia è un blog personale e ci andava di esprimere questa nostra opinione relativa ad una problematica che – sempre a nostro parere – potrebbe impoverire i club finanziariamente.

E voi, che tifosi siete? Andrete ancora a vedere le partite?

p.s. non dimentichiamo poi che quest’anno bisogna pure aggiungere ai tifosi la categoria di coloro che non si recheranno alle partite causa coronavirus e timore di contrarre il virus.

Advertisement