Photo: justpictures.ch


Il Bienne ha vinto il suo ultimo titolo di Campione Svizzero nel 1983… poco più di un anno più tardi invece veniva alla luce il Signor Mathieu Tschantré. Cinque anni più tardi il Signor Tschantré iniziò la scuola di hockey su ghiaccio. In pochi forse, in quel momento, pensavano che questo Signore – con la S maiuscola – potesse diventare una vera e propria leggenda del club basato nel Seeland.

Oggi, nel 2020, stiamo invece ad applaudire una delle poche bandiere viventi. Mathieu Tschantré infatti, si è ritirato al termine della stagione 2019-20 dopo una vita passata a giocare unicamente per un club. Il club del suo cuore. L’EHC Biel-Bienne!

Mathieu Tschantré non è mai stato quel tipo di giocatore che fa spellare le mani dagli applausi per giocate spettacolari. È stato, tuttavia, quel tipo di giocatore che diventa ben presto il preferito dai tifosi. Questo perché la sua attitudine è sempre esemplare, da sempre il massimo – ed anche di più – e gioca con il cuore. Sono tutte caratteristiche che lo hanno reso non solo un giocatore preziosissmo ma pure un vero e proprio idolo della folla!

Mathieu ha fatto il suo esordio in prima squadra nel 2000 all’età di 16 anni quando il club era ancora in LNB. Ed ha segnato il suo primo gol in LNB il 4 dicembre 2001. In quell’occasione i Seeländer si imposero per 10-4 contro l’Ajoie grazie alle reti di Jean-Jacques Daigneault (tripletta!), René Furler, Stefan Tscheimer, Andreas Nauser (tripletta!), Ryan Savoia e… per l’appunto, Mathieu Tschantré, per l’occasione servito da Ryan Savoia!

Ryan Savoia è oggi un ex giocatore di 46 anni, ha avuto l’onore di giocare 3 partite in NHL con la maglia dei Pittsburgh Penguins durante la stagione 1998-99 e si è ritirato al termine della stagione 2008-09.

Mathieu Tschantré non ha mai giocato in NHL evidentemente. Eppure siamo certi che la “sua” NHL è stata il Bienne. Con il suo club del cuore Mathieu ha conquistato 4 titoli di LNB ed al quarto tentativo la squadra è finalmente tornata dove merita, ossìa in LNA!

Quella promozione fù una festa da sballo per il club del Seeland. La partita decisiva si giocò l’8 aprile 2008 all’Eisstadion di Bienne. La truppa allora allenata da Heinz Ehlers si impose per 3-2 contro il Basilea e Mathieu segnò il gol vittoria!

Video: YouTube channel “Fight for Biel”

Quello è stato certamente un giorno speciale per Mathieu Tschantré. Il giorno in cui ha finalmente coronato il sogno di poter giocare in LNA e di farlo con la sua squadra del cuore.

E cosi, mentre Ryan Savoia giocava la sua ultima stagione da professionista… Mathieu ha invece giocato la prima di 12 stagioni al massimo livello del Campionato Svizzero e pure la prima di 12 stagioni da Capitano della squadra!

Mathieu Tschantré ha dimostrato immediatamente di avere quello che serve per giocare ai massimi livelli dell’hockey elvetico. Ci mise poi poco pure a trovare la sua prima rete in LNA… questa arrivò il 12 settembre 2008. Quel giorno i Seeländer giocavano la quarta partita stagionale e si imposero per 4-2 a Zugo. Il neo-capitano della squadra mise a segno una doppietta mentre le altre due reti degli ospiti portarono la firma di Rico Fata e Thomas Nüssli.

Quelle due furono le prime delle 99 reti complessivamente messe a segno in LNA da Mathieu Tschantré. Sono numeri ragguardevoli ma non sono la cosa più importante. Già, perché come detto Mathieu è diventato una leggenda soprattutto perché ha sempre dato tutto – ma proprio tutto – per la sua squadra del cuore.

Ha sempre messo l’anima in ogni singolo cambio e crediamo che questo video ben rappresenti quello che è stato Mathieu Tschantré per il Bienne…

Spirito di sacrificio. Spirito di sacrificio. E ancora, spirito di sacrificio. E amore per la maglia. Il tutto abbinato ad un talento che magari non era sopra la media ma che gli ha comunque permesso di tenere testa ai migliori giocatori che hanno calcato le nostre piste.

Mathieu Tschantré è diventato un’icona nel Seeland. Il suo cuore è rosso e giallo ma ciò nonostante si è guadagnato il rispetto di tutti. Come solo i grandi sanno fare!

Purtroppo i virus non guardano in faccia a nessuno e l’emergenza scoppiata proprio alla vigilia dei playoff 2020 gli ha impedito di concludere la sua carriera “sul ghiaccio” e magari sollevare quella che sarebbe stata una meritata coppa di Campione Svizzero.

I tifosi però, hanno fatto in tempo a salutarlo degnamente il 22 febbraio 2020…

Video: YouTube channel “Fight for Biel”

È stato un momento emozionante. Sia per i tifosi che per Mathieu Tschantré. Una cerimonia se vogliamo “semplice” ma che ha ben rappresentato il rapporto tra questo club e questo giocatore. Un rapporto di amore puro.

Il Capitano. Mathieu si è conquistato questo soprannome e non solo per la “C” portata sul petto con orgoglio per 12 stagioni… se lo è conquistato soprattutto perché per questo club, per questa maglia, ha sempre dato tutto. Ma proprio tutto.

Ed ora il suo numero “12” andrà a fare compagnia al numero “30” di Olivier Anken sotto le volte della Tissot Arena. Giustamente. Perché le leggende meritano questo onore. E Mathieu, a Bienne, è una leggenda. Semplicemente.

Grazie di tutto, Capitano. L’hockey Svizzero sarà un pò più povero!

Advertisement