Florence Schelling, la conosciamo tutti no? Grandissimo ex portiere, senza dubbio il miglior portiere della storia nell’hockey su ghiaccio Svizzero femminile. Florence ha partecipato a 4 giochi olimpici ed ha vinto con la nostra Nazionale la medaglia di bronzo nel 2014 quando è pure stata nominata MVP del torneo di Sochi. Inoltre, ha partecipato a 11 edizioni dei Campionati del Mondo femminili e nel 2012 ha conquistato, sempre con la nostra Nazionale, una fantastica medaglia di bronzo.

Ha solamente 31 anni ma ha già appeso i pattini al chiodo dopo aver giocato ovunque nel mondo. Ha giocato in Svizzera, oltre oceano – tra il 2008 ed il 2013 ha giocato per la Northeastern University (NCAA femminile) e per i Brampton Thunder (CWHL femminile) – e pure in Svezia al Linköping HC fino al 2018 quando poi ha deciso di mettere un termine alla sua carriera.

Una carriera fantastica, arricchita pure dal fatto di essere stata la prima donna a difendere la porta di una squadra maschile di LNB (i GCK Lions).

Florence potrà ora aggiungere qualcosa di nuovo nel suo CV. Recentemente infatti, è stata nominata nuovo direttore sportivo del Berna!

La nostra prima reazione alla notizia è stata: “ma siamo seri?!”. Non perché Schelling è una donna – ok, lo ammettiamo, un pò anche per quello… – ma soprattutto perché non ha esperienza in questo ruolo e perché, con tutto il rispetto per le altre squadre, stiamo parlando del Berna… uno dei più grandi e vincenti club in Svizzera.

Gli Orsi hanno fatto una scelta coraggiosa. Certamente ponderata ma coraggiosa. Ora, secondo noi non dovrebbe far notizia il fatto che Florence Schelling sia la prima donna a rivestire il ruolo di direttore sportivo di una squadra. Piuttosto, dovrebbe far notizia il fatto che il Berna ha deciso di affidare tale delicato ruolo ad una persona non esperta.

Noi personalmente non crediamo si debba dare troppo risalto al fatto che una donna sia stata nominata direttore sportivo. È la nostra opinione. Per farvi capire la nostra idea sulla parità dei sessi, possiamo farvi un esempio. Siamo totalmente contrari alle così dette “quote rosa”. In pratica si dice che una percentuale “x” di posti in un certo settore deve essere destinato alle donne. Perché? Facciamo un esempio. Se ci sono 100 posti disponibili, perché stabilire che il 50% deve essere occupato da persone di sesso femminile? Se di donne brave e competenti ce ne sono solamente 49, se ne mette una a caso solo per raggiungere la quota? Allo stesso tempo, se ci sono 100 donne competenti è giusto che prendano tutti i posti disponibili. Quote o non quote. Quindi se Schelling è considerata essere la persona giusta al posto giusto per il posto di DS, donna o uomo che sia, bene così. Punto.

Dopo questa breve precisazione per spiegare il nostro punto di vista, torniamo a parlare di sport. Perché alla fine, Florence Schelling, dovrà essere “giudicata” unicamente in ambito sportivo.

Una cosa è certa. Florence porterà una ventata di aria fresca in un club – il Berna – che indipendentemente dai grandi risultati ottenuti nella storia recente ultimamente è parso un pò confuso nella gestione.

Florence Schelling conosce molto bene l’hockey su ghiaccio, è una vera donna di hockey. Inoltre, fattore forse ancora più importante visto che si appresa ad iniziare un’avventura totalmente nuova, è una ragazza molto intelligente e con tantissima voglia di imparare. Questa per lo meno è l’impressione che abbiamo avuto ascoltando o leggendo le varie interviste rilasciate dopo la sua nomina a nuovo direttore sportivo degli Orsi.

E allora, perché no? Florence Schelling nuovo DS è una scelta che a nostro parere si può definire unicamente in un modo: “intrigante”.

Solo il tempo dirà se il Berna ha fatto la scelta giusta. Noi non nascondiamo, con tutto il rispetto, di avere alcuni dubbi. Di nuovo, non perché Florence Schelling è una donna ma unicamente per il fatto che non ha esperienza in questo ruolo.

Poi certo, noi personalmente avevamo dubbi pure su Rikard Grönborg quando è stato assunto quale nuovo allenatore degli ZSC Lions. Unicamente per il fatto che non allenava una squadra di club da inizio secolo. E poi sappiamo tutti come sono andate le cose… con Rikard che si è rivelato essere l’allenatore dell’anno.

Auguriamo a Florence lo stesso successo. E comunque giudicare ora la scelta del Berna è prematuro. Non si può dire che gli Orsi abbiano fatto la scelta giusta unicamente perché Florence Schelling è di sesso femminile e non si può nemmeno dire che abbia fatto la scelta sbagliata unicamente perché è inesperta. Come detto, solamente il tempo dirà se la scelta è quella giusta.

In questo momento tutto quello che possiamo fare è augurare a Florence ed al Berna tutto il meglio. Florence Schelling ha dimostrato di avere una grande voglia di imparare, si è dimostrata molto intelligente e coraggiosa ed ha tantissimo entusiasmo oltre a conoscere molto bene l’hockey su ghiaccio. Le basi per fare un buon lavoro insomma, ci sono tutte. Insomma, una scelta intrigante.

Tutto il meglio!

Advertisement