L’emergenza coronavirus significa che tutto, giustamente, passi in secondo piano. Evidentemente anche lo sport ed ancor di più l’hockey su ghiaccio che specialmente in Italia viene considerato uno sport di secondo se non terzo o quarto piano.

Per gli appassionati italiani di hockey su ghiaccio tuttavia, è arrivata quella che a nostro parere si può definire un’ottima notizia. Greg Ireland è stato nominato allenatore della nazionale!

Abbiamo avuto modo di poter osservare da vicino il 54enne allenatore Canadese in Svizzera dove ha allenato l’Hockey Club Lugano nel 2011 – quando ha guidato la squadra nei playout e l’ha salvata in 4 partite – e poi soprattutto tra gennaio 2017 e marzo 2019. Nelle sue due stagione e mezza a Lugano, Greg ha portato la squadra una volta in semifinale, una volta in finale – persa contro gli ZSC Lions alla sttima partita della serie – ed una volta ai quarti di finale.

Specialmente la stagione 2017-18 è stata un capolavoro. Il Lugano non era tra i favoriti per la conquista del titolo e, come se non bastasse, proprio alla vigilia dei playoff perse per infortunio alcuni uomini chiave in una partita maledetta giocata a Davos. Tutto questo non fermò la squadra Bianconera, una squadra che Greg aveva trasformato in un gruppo di guerrieri che ha reso dannatamente fieri i suoi tifosi regalando dei playoff memorabili che, con tutto il rispetto per gli ZSC Lions, avrebbero forse dovuto concludersi con la vittoria del titolo.

In Svizzera Greg Ireland si è dimostrato essere un allenatore capace di cavar sangue dalle rape. Un ottimo comunicatore, un allenatore capace di assegnare ad ogni giocatore il giusto ruolo e capace di far andare le sue squadre oltre i limiti. Non dimentichiamo inoltre che Greg è un gentiluomo ed un vero uomo di sport, il che non guasta. Il suo stile di gioco è prettamente “Canadese”… insomma, per fare un esempio di stampo calcistico, le squadre allenate da Greg Ireland non praticano il “tiki taka” ma piuttosto uno stile “kick and rush” inglese. De gustibus. Noi siamo per lo stile di hockey Canadese tutta la vita, un hockey fatto di grinta ed emozioni.

Delle sue capacità quale allenatore se ne sono resi conto certamente anche a Bolzano, squadra che ha allenato dopo la sua esperienza a Lugano. In breve tempo, il 54enne Canadese ha trasformato le “Volpi” che stava guidando in maniera eccellente nei playoff prima della cancellazione della stagione per l’emergenza coronavirus.

Forse proprio quest’ultima esperienza, tra le altre cose, ha convinto la Federazione Italiana a puntare su di lui per questo importantissimo periodo storico. Non dimentichiamo infatti che tra 6 anni sono in programma le Olimpiadi di Milano e Cortina. Un periodo di tempo sufficiente per cercare di risollevare l’hockey italiano e cercare di presentare al torneo olimpico una squadra capace di entusiasmare i suoi tifosi.

Insomma, noi siamo convinti che Greg possa essere l’uomo giusto al posto giusto. A patto, evidentemente, che gli venga lasciata carta bianca e che venga assistito al meglio. Vediamo i suoi punti a favore…

Esperienza

Greg Ireland è esperto ed è un vero uomo di hockey. Ha iniziato la sua carriera da allenatore ad inizio anni 90’ in Nord America. Oltre oceano ha guadagnato tantissima esperienza allenando sia squadre giovanili che in AHL. Dal 2015-16 inoltre, è fisso in Europa e questo gli ha permesso di conoscere lo stile Europeo e di ambientarsi nel nostro continente. Dapprima ha allenato il Mannheim nella DEL dove le cose non sono andate benissimo anche causa una squadra, le Aquile di Mannheim, che sembrava appagata dopo il titolo conquistato la stagione precedente. Poi ha trascorso due stagioni e mezzo a Lugano ed infine ha allenato il Bolzano. La sua esperienza e la sua conoscenza sono manna dal cielo per l’Italia, una squadra che ha molta “fame” ma che ha pure evidentemente molti limiti.

Etica del lavoro

Greg Ireland ha dimostrato in Svizzera di saper tirar fuori il meglio dalla sua squadra ed ha dimostrato di avere una grande etica del lavoro. C’è da credere che riuscirà a fare lo stesso pure in Italia. Lo attende un durissimo lavoro, ma se c’è una cosa che non spaventa Greg… è proprio il duro lavoro. Ha l’entusiasmo di un ragazzino e la mentalità di un veterano. Un mix perfetto per cercare di far progredire tutto il movimento hockeystico italiano.

Partite da dentro o fuori

Se escludiamo l’ultima stagione a Lugano, dove tuttavia c’erano diversi problemi sia dentro che fuori dal ghiaccio… Greg Ireland ha dimostrato che le sue squadre danno il meglio durante la post-season. Questo, se parliamo di squadra Nazionale, è un bene. Vero che Greg non ha esperienza quale allenatore di una Nazionale. Ma è anche vero che una Nazionale gioca praticamente sempre in “modalità playoff” dato che deve dare il meglio per un breve periodo di tempo. L’allenatore Canadese sa tirare fuori il meglio dai suoi uomini proprio quando le partite sono da dentro o fuori.

Conoscenza

Come detto, Greg Ireland è un vero uomo di hockey. L’Italia potrà approfittare della conoscenza di Greg per cercare di progredire a tutti i livelli e cercare di far crescere tutto il movimento e farlo tornare ai fasti dei bei tempi andati. Ancora però, bisognerà avere pazienza e lasciargli il tempo di lavorare. Detto francamente e senza troppi giri di parole, l’hockey in Italia è messo male. Ciò nonostante, c’è molta “fame” tra i giocatori e anche tra gli appassionati pur se l’hockey su ghiaccio resta uno sport di “nicchia” nel bel paese. Tutti questa “fame” merita rispetto e maggior seguito.

Insomma, a nostro parere Greg Ireland può davvero essere l’uomo giusto al posto giusto. In questo particolare momento storico, l’hockey su ghiaccio italiano ha bisogno di un vero e proprio condottiero capace di tracciare la via verso un futuro migliore. E se c’è un aggettivo che ben si addice al buon Greg… questo è proprio “condottiero”.

Da parte nostra, non possiamo far altro che augurare tutto il meglio a Greg ed all’Italia. Buon lavoro!

Carriera Greg Ireland

S Team League Role on Team Notes
1992-93 Oakville Blades COJHL Head Coach
1993-94 Oakville Blades OPJHL Head Coach
1994-95 Caledon Canadians MTJHL Head Coach
1995-96 Caledon Canadians MetJAHL Head Coach
1996-97 Caledon Canadians MetJAHL Head Coach
1997-98 Caledon Canadians MetJAHL Head Coach
1998-99 Dayton Bombers ECHL Head Coach
1999-00 Dayton Bombers ECHL Head Coach
2000-01 Dayton Bombers ECHL Head Coach
2001-02 Dayton Bombers ECHL Head Coach
2002-03 Dayton Bombers ECHL GM/Head Coach
2003-04 Grand Rapids Griffins AHL Asst. Coach
2004-05 Grand Rapids Griffins AHL Asst. Coach
Grand Rapids Griffins AHL Head Coach Replaced Danton Cole midseason
2005-06 Grand Rapids Griffins AHL Head Coach
2006-07 Grand Rapids Griffins AHL Head Coach
2007-08 San Antonio Rampage AHL Head Coach
2008-09 San Antonio Rampage AHL Head Coach
2009-10 San Antonio Rampage AHL Head Coach
2010-11 HC Lugano NLA Head Coach Joined Mike McNamara for the post-season
2011-12 Owen Sound Attack OHL Head Coach
2012-13 Owen Sound Attack OHL Head Coach
2013-14 Owen Sound Attack OHL Head Coach
2014-15 Owen Sound Attack OHL Head Coach
2015-16 Adler Mannheim DEL Head Coach Fired on February 11, 2016.
Adler Mannheim Spengler Cup Head Coach
2016-17 HC Lugano NLA Head Coach hired Jan 16th 2017, replacing Doug Shedden
2017-18 HC Lugano NLA Head Coach
2018-19 HC Lugano NLA Head Coach
2019-20 HC Bolzano EBEL Head Coach Replaced Clayton Beddoes on January 2nd, 2020
Advertisement