Photo: justpictures.ch


Heinz Ehlers ha deciso di lasciare Langnau in accordo con il club al termine della corrente stagione. A nostro parere è una grande perdita per l’hockey Svizzero in quanto a nostro parere Heinz è un allenatore molto sottovalutato. Forse nell’insieme, il più sottovalutato di tutti.

Troppo spesso viene definito un difensivista puro, erroneamente secondo noi. O meglio, è vero che l’allenatore Danese pensa molto alla fase difensiva e spesso e volentieri le sue squadre sono solide come una roccia. Ma definirlo un difensivista puro ci sembra esagerato dato che le sue squadre sono pure state capaci di giocare un hockey complessivamente accattivante anche in zona offensiva.

Heinz ha passato moltissimo tempo in Svizzera…

HEINZ GIOCATORE

Heinz Ehlers era un attaccante che ha passato la prima parte della sua carriera da giocatore – fine anni 80’ inizio anni 90’ – in Svezia, nella SHL, vestendo le maglie di Leksands IF, AIK e Rögle. Poi dopo una breve esperienza in Danimarca tra le fila dell’AaB ha concluso la seconda parte della stagione 1993-94 in Svizzera e più precisamente a Bienne.

Quell’anno i Seeländer conclusero la regular season di LNA all’ultimo posto in classifica ma poi si salvarono a discapito dell’Olten. Con la maglia del Bienne Heinz Ehlers collezionò complessivamente 28 presenze e mise a referto 29 punti.

Quell’avventura in Svizzera fù un pò lo “spartiacque” della sua carriera da giocatore. Dopo l’esperienza a Bienne infatti, Heinz giocò la seconda parte della sua carriera in Austria (Klagenfurter AC), Germania (Augsburger Panther e Berlin Capitals) e Danimarca (Aalborg IK Panthers e AaB Ishockey). Proprio nella sua Danimarca, mise fine alla sua carriera al termine della stagione 2003-04.

HEINZ ALLENATORE

Non rimase fermo molto… a partire dalla stagione 2005-06 infatti, Heinz Ehlers ha iniziato la sua carriera da allenatore. Dapprima in Danimarca con l’AaB Ishockey dove aveva concluso la sua carriera da giocatore e dove fù allenatore per due stagioni. Ma poi subito in Svizzera…

A partire dalla stagione 2007-08 infatti, è stato nominato allenatore del Bienne in LNB. Ha allenato per la prima volta i Seeländer in una partita ufficiale il 14 settembre 2007 e quel giorno la sua squadra si impose per 4-3 a Langenthal grazie alle reti di Emanuel Peter (doppietta), Alexandre Tremblay e Alain Miéville. Quella fù unicamente la prima di tante altre vittorie quella stagione… già, perché il Bienne concluse quella regular season al primo posto, poi venne incoronato campione di LNB ed infine si guadagnò pure la promozione grazie alla vittoria nello spareggio promozione/relegazione contro il Basilea!

La stagione successiva non andò invece molto bene. Heinz Ehlers fece il suo esordio da allenatore in LNA con il Bienne il 5 settembre 2008 e la sua squadra perse per 5-2 a Berna. I Seeländer poi conclusero la regular season all’ultimo posto in classifica, persero pure la finale di playout contro l’Ambrì-Piotta e dopo due partite dello spareggio promozione/relegazione contro il Losanna (il 2 aprile 2009) Heinz Ehlers venne licenziato quando la sua squadra era sotto per 2-0. Il Bienne riuscì comunque a mantenere il suo posto in LNA con Kevin Schläpfer in panchina… ed Heinz fece un passo indietro. O meglio, a partire dalla stagione successiva tornò ad allenare in LNB.

Più precisamente, a metà novembre 2009 rimpiazzò Kevin Ryan sulla panchina del Langenthal e fece il suo esordio con la sua nuova squadra il 17 novembre, quando rimediò una sconfitta 6-2 tra le mura amiche contro il Visp.

Poco male, perché l’esperienza di Heinz a Langenthal fù molto proficua. Heinz Ehlers rimase per ben 4 stagioni a Langenthal e portò il club a conquistare nel 2012 il titolo di LNB. Al termine di quella stagione poi, la sua squadra perse lo spareggio promozione/relegazione contro l’Ambrì-Piotta.

Heinz rimase a Langenthal un’ulteriore stagione prima di avere la grande chance di tornare in National League. Il Losanna infatti, fresco di promozione, decise di assumerlo quale allenatore alla vigilia della stagione 2013-14.

Il suo esordio con i Leoni Vodesi arrivò il 13 settembre 2013. In quell’occasione la sua squadra perse per 3-2 a Friborgo… ma fù l’inizio di una stagione storica, dato che il Losanna riuscì a qualificarsi per i playoff per la prima volta nella sua storia!

Heinz Ehlers rimase tre stagioni a Losanna, fino al termine della stagione 2015-16. I primi due anni portò i Leoni Vodesi ai playoff mentre il terzo anno la squadra si salvò allo stadio del girone di piazzamento.

Anche in quel caso comunque, non rimase fermo molto. Ad inizio ottobre 2016 infatti, rimpiazzò Scott Beattie a Langnau… e fece il suo esordio alla testa dei Tigrotti il 4 ottobre, quando alla Ilfishalle vennero sconfitti per 3-0 dall’Ambrì-Piotta.

Non ci si faccia ingannare da quella prima sconfittà però. Perché in tre stagioni Heinz Ehlers ha fatto un ottimo lavoro a Langnau, dove tra le altre cose ha riportato la squadra ai playoff dopo 8 anni!

Ovunque è stato, ha fatto un ottimo lavoro. Ed a volte ci chiediamo come mai questo allenatore – con tutto il rispetto per le squadre che lo hanno assunto – non ha mai avuto la vera occasione di allenare una “grande”.

Come dicevamo, Heinz Ehlers non è un puro difensivista come viene spesso descritto. Anche se evidentemente, visto che in LNA ha sempre allenato squadre il cui obiettivo era salvarsi/qualificarsi ai playoff… era impossibile attendersi miracoli. Chiaramente ha sempre allenato squadre con rose che erano inferiori a quelle di altre realtà e questo gli ha imposto di pensare anzitutto a mettere in mostra un hockey solido per “salvare la pelle”. Diciamo che ha sempre saputo fare, ottimamente tra l’altro, di necessità virtù.

Ma se prendiamo il Langnau versione 2018-19… capiamo che Heinz non è solamente un difensivista.

Una cosa è certa, ci mancherà. Ci sarebbe piaciuto vederlo alla guida di una squadra ambiziosa. Magari non avrebbe fatto bene. Ma non ne avremo mai la controprova. A noi personalmente resta la certezza che nell’ultima decade abbiamo potuto apprezzare uno degli allenatori più sottovalutati in circolazione. Se non il più sopravvalutato di tutti.

Tutto il meglio per il tuo futuro, Heinz!

Advertisement