Photo: justpictures.ch


21a settimana – 24.02.2020 – 29.02.2020


LA SQUADRA “ON FIRE”

Risultati immagini per fire gif white background

E la cinquantina di eroi…

Si è così conclusa la settimana più triste del campionato di hockey svizzero. Una settimana al termine della quale tuttavia, se c’è qualcuno che può sorridere per quanto messo in mostra… questa è l’Ambrì-Piotta!

Luca Cereda ha preparato alla perfezione l’ultimo fine settimana di regular season. I suoi “boys” si sono dapprima imposti meritatamente tra le mura amiche per 3-0 contro il Davos e poi si sono imposti, altrettanto meritatamente, per 4-1 a Lugano.

Così facendo, i Leventinesi hanno conquistato 6 punti che sono manna dal cielo in vista del girone di piazzamento. Sempre se si giocherà…

L’Ambrì-Piotta ha concluso la regular season al 10° posto in classifica a pari punti con il Langnau 11°. A soli 6 punti dal Lugano che si è qualificato ai playoff come ottavo. Ed i rimpianti sono tanti. Ora, è chiaro che con i “se” e con i “ma” non si va da nessuna parte… del resto, se nostro nonno era un merlo, noi saremmo attualmente su un albero a gracchiare.

Però ragazzi. Questo fine settimana è stato l’esempio perfetto di che pasta è fatta l’Ambrì-Piotta!

Determinazione, voglia di spingersi oltre i propri limiti, capacità di tenere testa a chiunque, voglia di far bene. Maglia sudata!

Ecco, questa è l’Ambrì-Piotta versione 2019-20 e pure l’Ambrì-Piotta versione ultimo fine settimana di regular season. Un’Ambrì-Piotta nell’insieme molto sfortunata e che questa stagione più che mai ha dovuto fare di necessità virtù… un’Ambrì-Piotta che ha passato tutta la stagione a far la conta dei giocatori infortunati. Ma un’Ambrì-Piotta che ha saputo nonostante tutto, dall’inizio alla fine, rendere dannatamente fieri i suoi tifosi.

Come, tra gli altri, quella cinquantina di essi – veri e propri eroi! – che venerdì sera si sono installati all’esterno della Valascia per cercare di far sentire, in qualche modo, la loro voce. È stata una scena molto romantica – sì, noi siamo romantici – ed una scena che purtroppo in futuro con la nuova Valascia non sarà più ripetibile. Insomma, forse è stata l’immagine dell’anno e forse pure l’ultimo “squillo” di un hockey passato che non tornerà più.

Si può essere al 10° posto in classifica ed essere comunque “promossi”? Sì, l’Ambrì-Piotta lo dimostra. Ed ora il paradosso è che questa stagione potrebbe ancora di trasformarsi in un calvario… con tutto il rispetto per tutto e per tutti, i Leventinesi non lo meriterebbero.

Per quanto mostrato, meriterebbero di salvarsi tranquillamente. Ed i 6 punti conquistati nell’ultima settimana di regular season possono dare una grande mano in tal senso.


LE TRE STELLE DELLA SETTIMANA

Patrick Emond (Allenatore, Ginevra Servette HC)

Il Ginevra Servette ha vinto le ultime due partite di regular season – contro Losanna in casa e Friborgo Gottéron in trasferta – ed ha dunque concluso al quarto posto in classifica con 89 punti. A soli 2 punti dallo Zurigo capolista. Non male per le Aquile, che da molti venivano pronosticate ai playout alla vigilia di questa stagione.

Crediamo che il Ginevra Servette è candidata per il “simbolico” titolo di squadra dell’anno. E crediamo pure che Patrick Emond è candidato per il titolo di allenatore dell’anno.

Quello che Patrick sta facendo a Ginevra è incredibile. Le Aquile hanno messo in mostra uno spirito di squadra impressionante per tutta la regular season… e quest’ultima settimana, in un contesto molto particolare, hanno fatto lo stesso.

Chapeau, Patrick!

Reto Berra (HC Friborgo Gottéron)

Il Friborgo Gottéron si è dapprima imposto contro lo Zugo dopo rigori, poi ha perso a Berna dopo supplementare ed infine ha perso malamente contro il Ginevra Servette. Insomma, i Dragoni hanno perso 2 partite su 3, anche se la sconfitta di Berna è valsa come una vittoria grazie al punto conquistato.

I boys di Christian Dubé hanno concluso quest’ultima settimana una rimonta impressionante che gli ha permesso di conquistare i playoff. I motivi di questa rimonta? Tanti. Tra cui l’impressionante spirito di squadra. Unito ad un portiere che si è dimostrato essere un muro davanti alla porta. Stiamo parlando di Reto Berra.

Reto non ha giocato sabato sera contro il Ginevra Servette, quando tutta la squadra è sembrata poco concentrata dopo la qualificazione ai playoff conquistata la sera precedente. Ma sia martedì contro lo Zugo che venerdì contro il Berna, Reto Berra è stato a dir poco stratosferico. A Berna addirittura, a tratti la partita è stata una sorta di Berna vs Reto Berra… e per finire, ha vinto il portiere dei Dragoni! Sì, Reto Berra merita in tutto e per tutto di essere una delle nostre tre stelle della settimana.

Patrick Geering (ZSC Lions)

Quest’ultima settimana gli ZSC Lions hanno perso a Bienne ma poi si sono imposti tra le mura amiche contro lo Zugo ed hanno così concluso la regular season al primo posto in classifica. Una posizione che, potenzialmente, potrebbe pure dire che la squadra conquista il titolo di campione Svizzero 2019-20… è una possibilità remota, ma è pur sempre una possibilità.

Lo Zurigo ha vissuto una regular season straordinaria. Lo staff tecnico ha fatto un lavoro eccellente ed i Lions hanno proposto a lungo l’hockey forse più bello della lega. Non dimentichiamoci per delle prestazioni individuali. Come quelle di Pius Suter (top scorer della regular season) ovviamente. Ma pure come quelle di Patrick Geering.

Patrick aveva saltato metà della scorsa stagione ma quest’anno è tornato a fornire ottime prestazioni. La sua forma è andata in crescendo e quest’ultima settimana, specialmente contro lo Zugo, è stato maestoso! Sì, Patrick Geering è tornato al massimo della sua forma. Al momento giusto!


LA MENZIONE SPECIALI PER…

Coronavirus…

Basta il nome per farci innervosire ormai… questo “coso”, che ha generato un’incredibile psicosi, rischia pure di rovinare il campionato di hockey su ghiaccio!

Lo sappiamo che ci sono cose ben più gravi nella vita rispetto ad un eventuale playoff a porte chiuse. Ma noi quì parliamo di sport. Ed in tal senso, ne abbiamo abbastanza di sentire ovunque la parola “coronavirus”

Si merità una menzione speciale però 🙂


LA DELUSIONE

SC Berna

Ora non ci sono più possibilità. Il Berna le ha gettate tutte al vento e manca dunque l’accesso ai playoff.

Gli Orsi avevano iniziato questa settimana con il destino nelle loro mani. Poi lo hanno perso a Davos… ma alla fine, vincendo a Losanna, sarebbero comunque state tra le otto elette. Tutte occasioni d’oro. Tutte gettate al vento.

È innegabile che il Berna è la più grande delusione stagionale. Noi restiamo convinti che questa squadra aveva il potenziale per vincere il titolo. È stato cacciato troppo tardi Kari Jalonen? Dopo tutto, dall’arrivo di Hans Kossmann gli Orsi hanno dimostrato di essere rinati specialmente dal punto di vista emotivo. Oppure, non andava cacciato Kari Jalonen? Dopo tutto, si può anche pensare che Kari ha letteralmente cavato il sangue dalle rape e forse non era lui il vero colpevole.

Con il senno di poi, è troppo facile giudicare. La realtà è che il Berna ha vissuto una regular season catastrofica. E ciò nonostante, ha avuto fino all’ultimo la possibilità di salvare capra e cavoli. Ma proprio nell’ultima settimana, sul più bello… è andato tutto a ramengo.

Una delusione. Una delusione la stagione. Una delusione quest’ultima settimana. Semplicemente.

Forza e coraggio Orsi, tornerete ancora più forti la prossima stagione!

Advertisement