Photo: justpictures.ch


Si dice che la prima pausa internazionale, che cade solitamente ad inizio novembre, è il primo momento utile per fare qualche analisi. Questo perché, dopo circa due mesi di regular season, le squadre – così come i giocatori – si dovrebbero essere assestate.

Esagerando, si può quasi dire dunque che a partire dalla prima pausa internazionale inizia un nuovo campionato. Vediamo allora la classifica di National League nel periodo che va tra la prima e la seconda pausa internazionale.

Classifica National League (12.11.2019 – 10.12.2019)

Non tutte le squadre hanno giocato lo stesso numero di partite, pertanto esse sono ordinate per media punti.

Lo Zugo è stata la miglior squadra per punti conquistati in media a partita tra le due pause. Non è propriamente una sorpresa. I boys di Dan Tangnes infatti stanno migliorando parecchio anche se hanno molti margini di miglioramento.

Ottimo anche il rendimento del Ginerva Servette. Le Aquile non smettono di stupire e quest’ultimo mese hanno rimediato unicamente due sconfitte da zero punti. Crediamo sia giusto dire che la truppa di Patrick Emond è la più bella sorpresa positiva di questa prima fase di stagione.

Al terzo posto troviamo il Davos. Gli Stambecchi ultimamente sono parsi in leggero calo specie in termini di continuità. Ma stanno disputando un campionato fantastico ed anche nell’ultimo mese, indipendentemente dalle prestazioni, hanno continuato a raccogliere punti.

Cresce poi il Berna, che sembra aver svoltato. Nelle ultime settimane le prestazioni sono state positive e dall’arrivo di Tomi Karhunen poi sono iniziati ad arrivare anche i punti.

Passiamo ora alle “delusioni”. Ossìa ZSC Lions, Rapperswil, Losanna, Langnau e Lugano. Squadre che meritano discorsi diversi.

I Lions hanno avuto un preventivabile calo in termini di continuità. Ma sono comunque sempre meritatamente in vetta alla classifica. Il Rapperswil per contro, indipendentemente dai punti conquistati, sta disputando un buon campionato e specie tra le mura amiche è davvero pericoloso. E che dire del Langnau? I Tigrotti ultimamente hanno conquistato pochi punti ma le prestazioni sono state comunque per la maggior parte positive.

Le “delusioni” allora se vogliamo, sia in termini di risultati che di prestazioni, sono state Losanna e Lugano.

I Leoni Vodesi si vede che hanno un gran potenziale. Eppure a nostro parere troppo spesso non mettono sufficienti emozioni nelle partite. Discorso simile per i Bianconeri… i ragazzi di Sami Kapanen sulla carta hanno meno potenziale del Losanna, però possono certamente fare meglio di così e ultimamente quanto meno sono arrivati alcuni risultati positivi che dovrebbero permettere di lavorare con una certa serenità durante questa pausa.

Poi certo, come sempre, tutto può cambiare improvvisamente per tutti. È il bello dello sport. Buona seconda parte di campionato a tutti 🙂

Advertisement