Photo: justpictures.ch


Non si possono guardare solo i punti quando si giudica un giocatore. Ancor più se parliamo di un difensore. Ed allora di punti parleremo più avanti.

Cominciamo con il dire che Dominik Egli è sempre stato definito un difensore di grande talento. È nato nel 1998 e dopo aver giocato nelle giovanili di Frauenfeld, Turgovia e Pikes Oberthurgau, si è trasferito al Kloten a livello U20 quando correva la stagione 2015-16.

Proprio con gli Aviatori poi, ha fatto il suo esordio in LNA nel corso della stagione successiva (2016-17). Era il giorno 29 novembre 2016 e la squadra allora allenata da Pekka Tirkkonen – che aveva Melvin Nyffeler quale portiere di riserva – ospitava il Lugano alla SwissArena. Dominik giocò la sua prima partita in linea con Lukas Frick nel primo terzetto difensivo e rimase sul ghiaccio per ben 17 minuti e 56 secondi, di cui oltre 4 minuti in power-play.

Insomma, un esordio importante.

Da quel giorno in poi, ne è relativamente passato di tempo. Dominik Egli si è ritagliato un ruolo sempre più importante nel Kloten ed al termine della stagione 2017-18, quella conclusa con la retrocessione degli Aviatori, si è trasferito a Bienne.

Nel Seeland rimese tuttavia una sola stagione. Ancora una volta, si vedeva che il ragazzo aveva talento. Ma non era ancora definitivamente sbocciato.

È però sbocciato questa stagione, quando Janick Steinmann lo ha portato a Rapperswil per giocare un ruolo chiave! Dominik sin dalla prima partita ha messo in mostra una personalità fuori dal comune per un ragazzo della sua età… già, perché non dimentichiamoci che questo ragazzo ha oggi solamente 21 anni.

Jeff Tomlinson gli ha subìto dato tantissima fiducia ed è stato evidentemente ripagato. Ripagato con prestazioni di ottimo livello, prestazioni solide durante le quali Dominik Egli ha dimostrato di essere un difensore capace di leggere molto bene il gioco e di non esitare a prendersi responsabilità. Inoltre, ha iniziato pure ad essere una macchinetta da punti.

Già, ora è il momento di parlare di punti.

Primo punto in National League

Dominik Egli è andato per la prima volta a punti in National League il 2 dicembre 2016 all’Hallenstadion di Zurigo nel corso della sua seconda apparizione in National League. In quell’occasione il Kloten si impose rimediò una sconfitta per 4-2 ma Dominik mise a referto l’assist per la prima rete degli ospiti – firmata Drew Shore – nel periodo centrale.

Primo gol in National League

Per trovare invece la sua prima rete in massima divisione, Dominik dovette attendere la stagione successiva. E più precisamente il 17 ottobre 2017… quando il Kloten ospitava il Lugano, si impose per 3-1 e Dominik mise a segno la seconda rete per gli Aviatori. Rete che poi si rivelò essere il gol vittoria.

Dopo questa rete, ne seguirono altre tre nella stessa stagione. Inclusa una, l’ultima, il 12 aprile 2018 segnata proprio contro il Rapperswil. Si giocava gara-1 dello spareggio promozione/retrocessione che si concluse con l’ascesa in National League del Rappi. Gara-1 venne vinta proprio dal Rappi in trasferta per 4-1 e Dominik Egli mise a segno la rete della bandiera per gli Aviatori.

Toccata e fuga a Bienne…

La stagione successiva poi, 2018-19, Dominik si è trasferito a Bienne. Dove le cose non sono andate proprio benissimo. Ancora, si vedeva che il ragazzo aveva talento, ma si vedeva pure che forse non era ancora proprio per lasciare il segno in National League. Con la maglia dei Seeländers, Dominik Egli ha giocato un totale di 23 partite, mettendo a referto 5 punti (1 gol, 4 assist).

Per il resto, è pure tornato a giocare in LNB 8 partite in prestito con il Kloten, con cui ha giocato pure i playoff.

Finalmente, Rapperswil!

Fino a che, è arrivato Janick Steinmann… il quale ha deciso di portarlo a Rapperswil.

Si pensava: un ottimo colpo in prospettiva. Un giovane difensore di talento che con il tempo potrà giocare un ruolo importante in una squadra di National League. Sbagliato, non è stato un colpo in prospettiva… ma è stato un colpo immediato. Perché Dominik Egli, grazie anche alla fiducia che gli ha dato lo staff tecnico, è letteralmente sbocciato e oggi è uno dei migliori difensori Svizzeri in circolazione tanto che Patrick Fischer lo ha già chiamato in Nazionale!

È andato a punti già nella prima partite della stagione a Berna, e poi nella seconda in casa contro l’Ambrì-Piotta ed infine anche nella terza… terza che è stata giocata a Bienne (!), dove Dominik ha messo a referto l’assist in seconda per il gol vittoria di Roman Cervenka nel tempo supplementare.

A Losanna poi, il 2 ottobre è anche arrivata la prima rete.

È stato la prima, ad oggi, di cinque reti.

Con la maglia del Rappi Dominik Egli si sta dimostrando davvero un difensore completo. Piuttosto solido in difesa, anche se a tratti inevitabilmente la sua inesperienza viene alla luce. E un difensore decisamente efficace in zona offensiva. Ad oggi, 11 novembre 2019, è quasi incredibilmente il miglior marcatore tra i difensori in National League con 27 punti in 27 partite! Inutile sottolineare che ha già ampiamento battuto il suo record di punti in carriera.

Gioca in linea prevalentemente con Flurin Randegger e la coppia è ottimamente assortita. I due insieme sono infatti un bel mix di esperienza, talento e abnegazione.

Dominik è il Top Scorer della squadra ed è efficace tanto in cinque contro cinque che in superiorità numerica. È stato in pista in occasione di 39 gol segnati dala sua squadra ed in occasione di soli 17 reti subite. Ha dunque un rapporto di “+22”, che è il dato migliore tra i difensori di National League. (fonte: nlicedata.com)

Ha poi pure bloccato 24 tiri, nel Rappi solamente Daniel Vukovic, Cédric Hächler e Flurin Randegger hanno bloccato più tiri. E non dimentichiamo poi che ha ricevuto solamente 2 minuti di penalità.

Per riassumere dunque, un difensore completo. Capace di essere solido in difesa, capace di sacrificarsi, capace di segnare punti ed è pure disciplinato. Senza dimenticare che, come abbiamo già avuto modo di dire, ha una personalità impressionante per un ragazzo della sua età.

Insomma, il prototipo ideale del difensore moderno. In altre parole: Dominik Egli.

Tutto il meglio per la tua carriera, Dominik!

Advertisement