Photo: justpictures.ch


Janick Steinmann è stato un giocatore piuttosto sfortunato. All’età di soli 29 anni, a seguito dell’ennesima commozione celebrale rimediata quando vestiva la maglia del Lugano, ha deciso su suggerimento dei medici di ritirarsi. Giusto così, la salute viene prima di tutto. Correva la stagione 2015-16.

Non è stato fermo molto. Anzi, è subito stato messo contratto dallo Zugo dove ha ricoperto il suolo di “scout” per la prima squadra e “development coach” per la EVZ Academy. Durante le stagioni 2017-18 e 2018-19 poi, è pure stato assistente allenatore proprio dei giovani Torelli.

Lo scorso mese di aprile 2019 è invece arrivata una sorta di svolta. Il Rapperswil ha comunicato di aver messo sotto contratto Janick Steinmann quale nuovo direttore sportivo. Con il senno di poi, ed alla luce dei risultati, è forse stato il miglior acquisto dei Lakers!

Quando è arrivato a Rapperswil evidentemente buona parte della squadra era già stata costruita. Ed in tal senso, è allora giusto elogiare il club che ha messo sotto contratto Daniel Vukovic e Flurin Randegger ancor prima dell’arrivo di Steinmann.

Daniel Vukovic e Flurin Randegger infatti, sono quel tipo di giocatori magari poco appariscenti ma in tutto e per tutto cruciali per una squadra che vuole avere successo.

Dall’arrivo di Janick Steinmann ad ogni modo, hanno raggiunto Rapperswil i seguenti giocatori:

Andrew Rowe, Dominik Egli e Roman Cervenka. Oltre al giovane Frantisek Rehak dal Kloten. Sempre prima della stagione poi, sono arrivati anche Niklas Gällstedt e Sven Berger a completare lo staff tecnico e pure Thomas Weber quale preparatore atletico.

Approfondiamo.

Andrew Rowe è un vero leader sul ghiaccio. Un giocatore molto prezioso che magari manca di continuità ma che nelle serate positive sa giocare il ruolo di trascinatore.

Roman Cervenka è classe pura, una scommessa decisamente vinta. Ha fatto fare un grandissimo salto di qualità grazie alla sua classe.

Frantisek Rehak per contro è ancora molto giovane, pertanto ancora un pò acerbo. Ma dimostra davvero di avere tantissimo talento.

Che dire poi di Dominik Egli? Forse l’acquisto più azzeccato, forse il vero trasferimento dell’anno. Tutti sapevano che Domink è talentuoso, ma forse in pochi si aspettavano che potesse sbocciare così immediatamente.

Non dimentichiamo Niklas Gällstedt e Sven Berger, che sembrano trovarsi bene con Jeff Tomlinson. Ed il nuovo preparatore Thomas Weber… considerando come il Rappi sta giocando, è evidente che la squadra è in ottima condizione fisica.

E se parlassimo di presente? A stagione in corso sono arrivati in prestito Juraj Simek e Noah Schneeberger i quali hanno dato profondità ed ulteriore esperienza alla rosa. Per il futuro invece, sono in arrivo per la prossima stagione Igor Jelovac, Lukas Lhotak e Rjan Sataric.

Insomma, un gran bel lavoro.

È difficilissimo per una squadra che passa diversi anni in LNB tornare al massimo livello dell’hockey Svizzero. Il sistema di promozione/relegazione, così come strutturato, impedisce di pianificare la prima stagione dopo il ritorno. Di fatto, ci si deve accontentare degli “scarti” per costruire una squadra competitiva.

Il Rapperswil, non per caso, ha fatto fatica la scorsa stagione. Poi però, ha aggiunto esperienza, talento e diversi giovani interessanti con potenziale. Ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Ora il Rappi è una bruttissima gatta da pelare, una squadra ancora certamente perfettibile ma che, con meno mezzi rispetto alla concorrenza, sta dimostrando di valere la National League. Una squadra che sta gettando delle ottime basi per il futuro. Una squadra che sta lavorando veramente bene.

I nuovi innesti stanno tutti facendo la differenza in base alle loro caratteristiche. E forse alla fine, colui che più di tutti fa la differenza, è proprio Janick Steinmann. Che, per rispondere alla domanda del titolo, forse è stato davvero l’acquisto più azzeccato. Come DS pare essere una vera e propria gemma preziosa per il presente ed il futuro di questo club che dopo alcuni anni passati all’inferno è tornato dove merita di stare… in National League!

Advertisement