È lunedì, e come ogni lunedì parliamo dei Ticino Rockets, la squadra di tutti i Ticinesi!

Vediamo subito com’è andata la scorsa settimana dei Razzi. E diciamolo, purtroppo è stata forse la settimana più negativa della stagione, quanto meno in termini di risultati.

LE PARTITE DELLA SCORSA SETTIMANA

EVZ Academy vs HC Biasca Ticino Rockets 6-1

I giovani Torelli si sono portati quasi subito in vantaggio con Luca Andrea De Nisco poi i Ticino Rockets hanno avuto diverse occasioni per pareggiare ed hanno pure colpito un palo. Ancor prima della prima pausa tuttavia, l’EVZ Academy ha allungato nel punteggio Yanick Stampfli e questo ha dato il “la” ad un periodo centrale dominato dai padroni di casa… i quali si sono portati sul 4-1 con Dean Schwenninger e Andreas Döpfner. I boys di Reinhard e Reuille hanno regito nel terzo conclusivo ed hanno segnato la rete della bandiera con Hannes Kasslatter. Ma in seguito, l’EVZ Academy ha fissato il punteggio finale sul 6-1 con Yves Stoffel e Dario Wüthrich.

HC Biasca Ticino Rockets vs HC La Chaux-de-Fonds 1-8

Non c’è stato proprio nulla da fare per i Razzi che nel giro di 34 minuti e 24 secondi sono andati sotto per 8-0… per il La Chaux-de-Fonds sono andati a segno Lou Bogdanoff (2), Thomas Hofmann, Makai Holdener, Timothy Coffmann, Samuel Grezet, Jaison Dubois e Karim Bouchareb. Nel terzo conclusivo i Ticino Rockets hanno poi segnato il gol della bandiera con Aronne Pagnamenta.


LO SPUNTO DELLA SETTIMANA

Non si perde mai, si vince o si impara!

Purtroppo è stata un’altra settimana negativa per i Ticino Rockets in termini di risultati. Le due sconfitte rimediate contro EVZ Academy e La Chaux-de-Fonds sono state di quelle pesanti e pure difficili da digerire.

Di fatto, crediamo sia giusto dire che la pausa in arrivo è una benedizione. Foss’anche solo per ricaricare le batterie mentalmente. Perché è innegabile che rimediare tali sconfitte è quasi “mortificante”.

Eppure lo diceva pure un certo Nelson Mandela che nella vita non si perde mai. O si vince, o si impara. Ed in queste stagioni, i Razzi stanno imparando tanto. Anche e specialmente dalle sconfitte

La prima stagione sotto la guida di Luca Cereda, anche se vogliamo brillante in termini di risultati specie nella seconda parte, forse aveva quasi illuso che tutto sarebbe stato relativamente semplice. La realtà invece è che è complicato, tutto dannatamente complicato.

Reinhard e Reuille devono continuamente far fronte a cambiamenti della rosa a disposizione. Sulla carta inoltre, la squadra ha meno talento rispetto alla concorrenza. Le sconfitte poi, specie quelle pesanti, fanno male al morale dei giocatori… eppure, santissimo signore, a Biasca si lavora bene. Molto bene!

O quanto meno, questo è quello che si può dedurre visto che tutti i giocatori che passano dai Ticino Rockets e vengono chiamati in National League dimostrano di essere pronti.

Allora cosa si può fare per migliorare la situazione?

Continuare ad imparare, e crescere. Magari supportati da qualche tifoso in più. Bisognerebbe fare ancora di più per promuovere e parlare di Ticino Rockets, e non solo per raccontare di un’ennesima sconfitta. Ma approfondendo, facendo conoscere i giocatori, mostrando immagini. Perché diciamolo, da Biasca passa il futuro di tutto l’hockey Ticinese e quindi anche quello di Ambrì-Piotta e Lugano.

Noi, nel nostro piccolo, cerchiamo ogni settimana di parlare di questo club. E la nostra idea, è di farlo ancora di più. In merito, abbiamo qualche idea. Perché il futuro non è altro che la storia che si scrive nel presente, ed il presente dice che i Ticino Rockets ancora fortunatamente esistono. E meritano il massimo del supporto. Anche e soprattutto adesso, che sono in difficoltà.

Insomma, dobbiamo un pò tutti imparare a sostenere i Ticino Rockets. Perché una loro scomparsa sarebbe una grandissima sconfitta per tutti. E, Mandela o non Mandela, in quel caso sarebbe proprio una sconfitta senza appello per tutti.

Go, Rockets, Go!


LE PROSSIME PARTITE

Il campionato di Swiss League si ferma dopo la partita di martedì sera tra Ajoie ed EVZ Academy. E allora, buona settimana di lavoro cari Razzi, parleremo delle prossime partite in programma nel prossimo appuntamento de “Il Lunedì del Razzo”!

Advertisement