Photo: Ticino Rockets


È lunedì, e come ogni lunedì parliamo dei Ticino Rockets, la squadra di tutti i Ticinesi!

Vediamo subito cosa è successo nell’unica partita giocata la scorsa settimana dai Razzi.

LE PARTITE DELLA SCORSA SETTIMANA

HC Biasca Ticino Rockets vs EHC Winterthur 3-6

I Rockets hanno iniziato bene e sono poi pure riusciti a portarsi avanti con Anthony Neuenschwander in inferiorità numerica dopo 15 minuti e 4 secondi di gioco. In seguito, hanno pure fallito l’occasione di raddoppiare… e sul finire di prima frazione il Winterthur è riuscito a pareggiare con Lucas Bahofner. I padroni di casa hanno poi alzato il loro livello di gioco e si sono portati avanti con Riley Brace, ma poco dopo i Razzi hanno trovato il modo di pareggiare con Marco Cavalleri. Sempre nel periodo centrale tuttavia, il Winterthur si è portato sul 3-2 con Martin Alihodzic… e nonostante i tentativi della truppa di Reinhard e Reuille, nel terzo periodo sempre i padroni di casa hanno allungato nel punteggio grazie a Tim Wieser. A poco più di 5 minuti dal termine poi, Max Gerlach ha riaperto la partita per i Ticino Rockets, ma nel finale Tim Wieser e Riley Brace hanno fissato il punteggio finale sul 6-3 in favore dei padroni di casa.


LO SPUNTO DELLA SETTIMANA

Eppure, qualcosa è cambiato…

I risultati dei Ticino Rockets sono negativi, inutile negarlo. Anche se i successi non sono mancati… ultimo, in ordine di tempo, l’impatto che Dario Meyer ha avuto allo Zugo. Dario ha giocato con il Davos ed i Ticino Rockets in questa stagione, ed ora è in prestito ai Tori. Ebbene, il 23enne attaccante ha dimostrato subito di trovarsi a meraviglia nel sistema di gioco di Dan Tangnes. I tifosi dello Zugo sono molto soddisfatti delle sue prestazioni e sabato sera a Langnau Dario Meyer ha pure trovato la sua prima rete di questa stagione in National League.

Una rete che, in un modo o nell’altro, è tinta pure un pò di Razzo rosso e blù.

Però è ovvio che uno invece guarda solo ai risultati “sul campo” della truppa allenata da Reinhard e Reuille, essi sono negativi.

Rispetto alla scorsa stagione, i Razzi dopo 22 partite hanno conquistato solamente 1 punto in più rispetto a 12 mesi or sono. La scorsa stagione erano 12 mentre questa stagione sono 13 i punti raccolti.

Il numero di reti subite per contro è rimasto totalmente invariato. 91 la scorsa stagione dopo 22 partite e 91 questa stagione sempre dopo 22 partite.

Qualcosa però è cambiato, e di parecchio, in meglio. Stiamo parlando del numero di reti segnate. La scorsa stagione dopo 22 partite il numero di reti segnate era 32… questa stagione invece, sempre dopo 22 partite, il numero di reti segnate è 53. Un gran bel passo avanti!

Se parliamo sempre della scorsa stagione poi, i Razzi avevano perso le partite mediamente con 3.72 gol di scarto dopo 22 giornate. Questa stagione invece, i gol di scarto medi quando i Ticino Rockets hanno perso sono “solamente” 2.36.

Insomma, passi avanti. Dovuti certamente al fatto che la squadra ha ora più talento e può contare su giocatori offensivamente più incisivi. Dovuti poi certamente al fatto che Reinhard e Reuille stanno facendo un grande lavoro.

E dovuti al fatto che, e questa invece è una costante negli anni, tutto il club da sempre il massimo in un contesto difficilissimo.

Ora, non vogliamo a tutti costi fare gli eterni ottimisti. Anche se è chiaro che quando parliamo di “Razzi” siamo di parte in quanto teniamo molto al progetto. Però ragazzi, è innegabile che i Ticino Rockets stanno facendo passi avanti.

Il fatto è che quando si giudicano i Razzi, oltre oltre ai risultati puri e crudi bisognerebbe pure tenere conto di tutti quei giocatori che sono passati per Biasca e sono poi partiti per giocare in National League. Perché quei giocatori, sono il vero successo del club!

Go Rockets, Go!


LE PROSSIME PARTITE

Mercoledì 27.11.2019 – HC Biasca Ticino Rockets vs EHC Visp

Terzo confronto diretto stagionale tra Rockets e Visp, il secondo in programma in Ticino. I Vallesani hanno vinto entrambi i precedenti piuttosto nettamente (7-3 in trasferta e 6-2 in casa)… inoltre, sono reduci da 3 vittorie consecutive ed hanno vinto 5 delle ultime 6 partite giocate. Risultati che gli hanno permesso di scalare la classifica fino all’attuale terzo posto a soli 3 punti dalla vetta e pure con una partita in meno. Insomma, è innegabile che il Visp è favorito.

CURIOSITÀ

L’ultima volta che i Ticino Rockets hanno vinto in casa contro il Visp risale al 15 gennaio 2017. In quell’occasione i Razzi, allora allenati da Luca Cereda, si imposero per 3-2 grazie alle reti di Giacomo Dal Pian, Elia Riva e Matteo Romanenghi. Tre giocatori che ora sono in National League…

Venerdì 29.11.2019 – HC Turgovia vs HC Biasca Ticino Rockets

Terzo scontro diretto stagionale pure tra Turgovia e Ticino Rockets. E pure in questo caso, i Razzi hanno perso entrambi i precedenti (4-2 in casa e 1-0 in trasferta). Il Turgovia è forse la sorpresa della Swiss League, è attualmente al 4° posto in classifica ed ha vinto ben 7 delle ultime 10 partite. Inoltre, ha in assoluto il miglior rendimento casalingo della Swiss League! Altra partita complicata.

CURIOSITÀ

I Ticino Rockets hanno vinto solamente 1 delle 13 partite giocate nella storia contro il Turgovia. È successo il 10 gennaio 2017 quando si imposero in trasferta per 7-3 grazie alle reti di Alessandro Zanatta, Patrick Incir (2), Matteo Romanenghi (2), Roman Hrabec e Christian Stucki.

Domenica 01.12.2019 – HC Biasca Ticino Rockets vs EHC Olten

Anche contro l’Olten sarà la terza sfida stagionale, e anche in questo caso i Razzi hanno perso entrambi i precedenti stagionali pur se in un caso, in trasferta, sono andati molti vicini alla vittoria (sconfitta 2-1 dopo rigori). L’Olten è, ad oggi, al sesto posto in Swiss League ma ha vinto ben 8 delle ultime 10 partite.

CURIOSITÀ

I Rockets non hanno mai vinto nella loro storia contro l’Olten dopo 13 tentativi. In tre casi ci sono tuttavia andati molto vicino, perdendo due volte ai rigori – tra cui una volta proprio in questa stagione – ed una volta dopo supplementari. Ci sarà finalmente una prima volta?

Buona settimana Razzi, buon lavoro e… GOROCKETSGO!

Advertisement