Photo: justpictures.ch


Il Langnau è attualmente all’8° posto in classifica con 24 punti dopo 17 partite. Non male. Certo, non l’inizio da sogno della scorsa stagione, quando dopo 17 partite i Tigrotti ne avevano conquistati ben 31.

Però non tutto è da buttare. Anzitutto il piazzamento in classifica è buono. Inoltre, le prime partite della regular season, e quelle prima della pausa, sono state buone. E per finire, mai veramente i Tigrotti hanno rimediato delle disfatte.

Vediamo allora quali sono le cose che a nostro parere hanno funzionato e quali invece non hanno funzionato.

COSA FUNZIONA

I risultati

Il Langnau come ogni stagione parte con l’obiettivo di salvarsi e possibilmente qualificarsi per i playoff. In tal senso, i risultati sono discreti. I Tigrotti hanno conquistato almeno 1 punto in 12 partite su 17. Inoltre, solo in un caso hanno rimediato una sconfitta con più di due gol di scarto. Insomma, ci sono margini di miglioramento ma la truppa di Ehlers resta complessivamente una brutta gatta da pelare.

Organizzazione di gioco

I Tigrotti non sono ancora al meglio, ma propongono nella maggior parte dei casi il solito hockey ben organizzato. Tendenzialmente, i boys di Heinz Ehlers proteggono bene i loro portieri e per gli avversari è piuttosto difficile crearsi chiare occasioni da rete. In termini di continuità le cose possono decisamente migliorare, ma spesso e volentieri il Langnau rende la vita difficile a tutti indipendentemente dai risultati.

Gli ingaggi

Una buona efficacia agli ingaggi è spesso e volentieri un aspetto cruciale nell’hockey su ghiaccio. Tutti sappiamo infatti quanto è importante riuscire a vincere gli ingaggi per evitare di sprecare inutilmente energie preziose – sia fisiche che mentali – per recuperare il possesso del disco. Ebbene, in tal senso i Tigrotti sono messi molto bene. Nolan Diem, Robbie Earl, Aaron Gagnon e Ben Maxwell hanno tutti percentuali di efficacia superiori al 50%, solamente Pascal Berger (49.3%) ha un tasso leggermente inferiore al 50%.

COSA NON HA FUNZIONATO

Power-play

No, il Langnau proprio in power-play fatica dannatamente ad essere efficace. Di fatto, è la peggior squadra della lega in superiorità numerica. In totale, i boys di Ehlers hanno segnato solamente 8 reti in power-play, e sono tutte state segnate in 6 partite. Troppo spesso in power-play i Tigrotti faticano a crearsi chiare occasioni da rete, e quelle poche nella maggior parte dei casi le falliscono.

Differenza reti

Il Langnau segna troppo poco. In ben 7 partite su 17 ha segnato meno di 3 reti. Inoltre, sorprendentemente, concede troppe reti. O meglio, alterna serate durante le quali non concede praticamente nulla ad altre durante le quali subisce troppo. Specie in termini di continuità, questo fattore deve migliorare.

I primi periodi di gioco

Solamente 3 volte il Langnau è andato alla prima pausa in vantaggio. Troppo poco. Tanto più che è successo in 3 delle prime 4 partite della stagione. Vero che i Tigrotti dimostrano molto carattere e spesso danno l’anima fino alla fine, ma sarebbe importante riuscire più spesso a portare il “momentum” di una partita a proprio favore sin dall’inizio ed evitare di dover costantemente inseguire l’avversario.

Dipendenza dagli stranieri

Il Langnau segna troppo poco in rapporto alle occasioni create. Inoltre, è troppo dipendente in termini di punti dagli stranieri. Se guardiamo alla classifica marcatori, ci sono quattro stranieri ai primi quattro posti. Il che da una parte è un bene… ma dall’altra, un maggior contributo dagli Svizzeri è auspicabile. Insomma, quando gli stranieri del Langnau non sono al massimo della loro forma, difficilmente i Tigrotti vincono le partite.

LE TRE STELLE

Harri Pesonen

Harri Pesonen magari non è devastante come la scorsa stagione… ma sta disputando una seconda stagione consecutiva eccezionale! È un leader sul ghiaccio, ci mette l’anima e grazie al suo talento riesce spesso e volentieri a fare la differenza anche in termini realizzativi. Insomma, la scorsa stagione straordinaria non è stata un caso.

Ivars Punnenovs

Ivars Punnenovs ha giocato più di Damiano Ciaccio in questa prima parte di stagione e non è certamente un caso. Ivars infatti, è davvero in grandissima forma. La scorsa stagione Damiano Ciaccio aveva giocato di più, ora invece è il turno di Ivars Punennovs. La realtà è che Heinz Ehlers può contare su due portieri che magari non sono in tutto e per tutto costanti… ma in due portieri che quando sono in forma sono davvero in grado di “rubare” le partite.

Chris DiDomenico

Il carisma di Chris DiDomenico è cruciale, e lo è ancor di più nei momenti complicati quando le partite si vincono più con la testa che con il gioco. Magari non è ancora al massimo della forma, e purtroppo ha rimediato un infortunio proprio prima della pausa internazionale… ma quando è sul ghiaccio, fa la differenza. È un giocatore chiave per il Langnau. Sempre.

LA MENZIONE SPECIALE

Heinz Ehlers

Il Langnau ad un certo punto sembrava poter crollare a seguito di alcune sconfitte consecutive. Heinz Ehlers ha avuto l’intelligenza di tornare “alle basi”, ossìa ha pensato di badare al sodo e far giocare la sua squadra un hockey poco spettacolare ma solido e concreto. Ne abbiamo avuto la dimostrazione nelle ultime 3 partite prima della pausa, durante le quali i Tigrotti sono riusciti a tornare solidi. Un grande applauso al mister, che sa sempre gestire tutte le situazioni!

STATISTICHE


Statistiche prese da: nlicedata.com / leading-sport.com


Gol Fatti & Gol Subiti

Considerando le differenze di partite giocate dalle squadre, teniamo in considerazioni i gol fatti ed i gol subiti in media a partita.

Questi grafici ben dimostrano come il Langnau segna troppo poco e subisce molto. I dati tuttavia, vanno interpretati. Come abbiamo detto in precedenza, i Tigrotti mancano di continuità in termini di prestazioni. Per farvi un esempio… hanno concesso 4.43 reti in media in 7 partite mentre nelle altre 10 ne hanno subite in media 1.80 che è il miglior dato della lega. Insomma, la solidità dei boys di Ehlers non è complessivamente in discussione.

Gol Fatti & Gol Subiti per 10’

Ecco quanto dicevamo in precedenza. Il Langnau tende a subire troppe reti nei primi periodi di gioco. È incoraggiante tuttavia, notare che i Tigrotti riescono a fare la differenza negli ultimi 10 minuti delle partite. Il che significa buona condizione fisica e carattere.

Tiri & Tiri Subiti

Considerando le differenze di partite giocate dalle squadre, teniamo in considerazioni i tiri ed i tiri subiti in media a partita.

Il Langnau tira molto, di fatto solamente gli ZSC Lions tirano di più. Allo stesso tempo, subiscono pure relativamente pochi tiri. Insomma, sembrerebbe la ricetta perfetta per il successo.

Vediamo infatti la pericolosità dei tiri e dei tiri subiti.

Tiri & Tiri Subiti dallo slot in percentuale

Questi dati sono interessanti. Il Langnau tira molto ma “solo” il 39.3% dei loro tiri vengono scagliati dallo slot. Allo stesso tempo, si conferma la solidità dei Tigrotti, dato che concedono solamente il 39.5% dei tiri dallo slot in zona difensiva.

Percentuale realizzativa & Percentuale parate

La percentuale realizzativa è troppo bassa. Come già accennavamo in precedenza, i Tirgotti devono riuscire a diventare più concreti. Allo stesso tempo la percentuale di parate non è spettacolare ma è molto buona. Da notare che, individualmente, Ivars Punnenovs è il terzo miglior portiere della National League con il 92.5% di parate.

PP % – PK %

Abbiamo già avuto modo di parlare del power-play del Langnau… e quì vediamo perfettamente che il tasso di efficacia è decisamente non buono. Il 13.3% è in assoluto e di gran lunga il peggior dato della National League.

Allo stesso tempo tuttavia, i Tigrotti sono solidi in inferiorità numerica. Grazie, evidentemente, alla loro ottima organizzazione di gioco e protezione dello slot.

I MIGLIORI MARCATORI

Scopriamo quali sono i tre migliori marcatori della squadra alla prima pausa internazionale.

Il Langnau dipende molto dagli stranieri e questa classifica marcatori lo dimostra. Harri Pesonen ad ogni modo è il Top Scorer della squadra seguito in seconda posizione da Chris DiDomenico.

Robbie Earl per contro è terzo. Aveva iniziato un pò così-così la stagione, ma ultimamente è in ripresa ed ha messo a referto ben 8 punti nelle ultime 7 partite. Il Langnau ha bisogno di lui!

Da notare che i primi Svizzeri sono Julian Schmutz e Larri Leeger, entrambi con 7 punti in 17 partite.

LA NOSTRA PREVISIONE PER IL PROSIEGUO DELLA STAGIONE

7° – 9° posto

Il Langnau ha margini di miglioramento e ciò nonostante è attualmente 8° in classifica. In altre parole, è probabile che pure questa stagione i Tigrotti lotteranno fino alla fine per accedere ai playoff.

In tal senso, l’esperienza della scorsa stagione potrebbe tornare utile.

Magari fino ad ora il Langnau non ha regalato fuochi d’artificio ai suoi tifosi, ma come sempre il club dell’Emmental parte per evitare la retrocessione e per finire si rivela essere una brutta gatta da pelare. Non sarà semplice conquistare i playoff per il secondo anno consecutivo, fatto questo che non è mai successo nella storia.

Però, noi non saremmo sorpresi se per finire i Tigrotti ce la faranno. Di certo, non devono essere sottovalutati da nessuno.

Buona fortuna, Langnau!

Advertisement