Photo: justpictures.ch


5a settimana – 07.10.2019 – 13.10.2019


È passato esattamente un mese dall’inizio della National League 2019-20, e dopo un mese esatto in testa alla classifica c’è il Bienne! Dopo queste prime settimane ci sono alcune squadre che stanno sorprendendo… altre che invece stanno deludendo… e per finire, ci sono quelle che stanno facendo quello che ci si attendeva da loro. È ad ogni modo il momento per le nostre valutazioni relative alla settimana appena trascorsa. Ed allora…

Vediamo il nostro Top & Flop settimanale! Eravamo in dubbio su due squadre, Bienne e Zugo. E per finire, in quanto i Tori nella prima parte della partita di Zurigo hanno sofferto le pene dell’inferno, abbiamo scelto…

LA SQUADRA “ON FIRE”

Risultati immagini per fire gif white background

Il Bienne ha vissuto il suo fine settimana perfetto. Dapprima è andato ad imporsi per 4-1 a Friborgo e poi ha battuto tra le mura amiche il Ginevra Servette… e questi risultati gli hanno permesso di portare a 4 il numero di vittorie consecutive!

Venerdì sera alla BCF Arena i Seeländers non hanno lasciato letteralmente scampo ai Dragoni di Friborgo. Hanno dominato la partita e quando hanno rischiato di vedersi sfuggire il momentum di mano – a metà partita – non hanno panicato ed hanno immediatamente regito. Gestendo poi ottimamente la partita fino alla fine grazie anche a Jonas Hiller.

Sabato sera alla Tissot Arena per contro, la truppa di Antti Törmänen dopo un inizio complicato ha mantenuto la calma ed ha dominato un volonterosno Ginevra Servette portandosi fin sul 6-1 grazie anche alla tripletta di Peter Schneider. Poi, l’unico neo del fine settimana rappresentato dall’eccessivo rilassamento che nel finale ha permesso alle Aquile di fissare il risultato finale sul 6-3. Ma nell’insieme… è stato un gran bel Bienne!

Un Bienne che è riuscito a far punti nella prima fase di stagione quando non era al massimo del suo livello… e questa è la capacità delle “grandi squadre”. Un Bienne che in queste ultime due partite si è finalmente dimostrato più concreto sotto porta, e che ora è meritatamente in testa alla classifica di National League dopo 13 partite!

Parlare di singoli è ingeneroso e pure ingiusto, perché i Seeländers giocano da squadra vera. Però è innegabile che Jonas Hiller sta giocando un campionato mostruoso… che Yannick Rathgeb è molto efficace in zona offensiva ma che è anche migliorato parecchio in fase difensiva… che Toni Rajala è devastante… che Antti Törmänen come al solito sta facendo un lavoro egregio… e che pian piano, tutti quei giocatori che ad inizio stagione sembravano giù di corda, stanno ritrovando il loro livello abituale.

Inoltre, è innegabile che il Bienne ha pure margini di miglioramento. E questo fattore deve spaventare gli avversari!

Insomma, se c’è ancora chi credeva che i Seeländers fossero una “meteora” nelle scorse due stagioni, non ha più scuse ormai e deve ricredersi. Questa prima fase di stagione ha dimostrato che il Bienne è una grande squadra. E quest’ultima settimana ci ha pure suggerito che la truppa di Antti Törmänen sta crescendo ulteriormente. E allora per gli avversari, sono problemi… e dolori.

Ottimo lavoro, Bienne. Avanti così!

LE TRE STELLE DELLA SETTIMANA

Gregory Hofmann (EV Zugo)

Gregory Hofmann… what else?

Parafrasando una nota pubblicità, cos’altro può volere una squadra se non Gregory Hofmann? È vero che a volte la sua voglia di strafare lo porta a commettere errori non forzati… ed è altrettanto vero che a tratti l’ex giocatore del Lugano da l’impressione di essere un pò individualista.

Ma ragazzi, quando un giocatore ti segna 5 gol in 2 partite cosa puoi dire?!

Gregory dapprima ha dato una grossa mano allo Zugo per affossare l’Ambrì-Piotta segnando due reti. E non fosse stato per il portiere dei Leventinesi Dominik Hrachovina, ne avrebbe pure segnate altre. In seguito, la sera successiva a Zurigo, ha quasi vinto la partita da solo… i Tori erano in seria difficoltà fino alla mezz’ora, ma dal momento in cui Dan Tangnes ha chiamato il time-out tutta la squadra ha reagito e Gregory ha messo a segno una favolosa tripletta che ha deciso la partita.

Quello che più sorprende inoltre è la fame del ragazzo, la determinazione e la voglia di migliorarsi costantemente. Senza dimenticare la costanza di rendimento. Stiamo insomma parlando dell’attaccante Svizzero più letale attualmente in circolazione. Un grande investimento dello Zugo… ma un investimento che sta dando i frutti sperati!

Dustin Jeffrey (Losanna HC)

Si dice che il gol non è tutto nella vita di un giocatore… noi però aggiungiamo che aiuta. Aiuta parecchio. Chiedete a Dustin Jeffrey per esempio.

Il 31enne Canadese certamente non ha avuto un inizio di campionato da ricordare. La buona volontà non è mancata. Tuttavia, considerando che Dustin si è sempre rivelato essere un’impressionante macchinetta da punti, c’era chi iniziava ad interrogarsi sul perché le prestazioni erano al di sotto dei suoi livelli abituali.

Non è che forse mancava solamente un gol? Spesso è così. Ed infatti… sabato sera Dustin ha segnato la sua seconda rete stagionale – la prima però era stata segnata a porta vuota… – ed è stata una manna dal cielo per il morale di Dustin, il quale poi la Domenica pomeriggio ha alzato notevolmente il suo livello di gioco ed ha segnato due ulteriori reti che hanno aiutato il Losanna ad affondare il Lugano!

Insomma, Dustin è tornato… e siamo certi che ora non si fermerà più. Bello rivederlo 🙂

Rickard Grönborg (Allenatore, ZSC Lions)

Gli ZSC Lions hanno giocato una sola partita questa settimana e l’hanno persa contro lo Zugo tra le mura amiche. Si è trattato della prima sconfitta casalinga della stagione. Però, come dicevamo nel nostro post-partita, è fin quasi giusto dire che Gregory Hofmann ha battuto lo Zurigo. Un gran bello Zurigo!

I Leoni della Limmat propongono un hockey davvero dinamico, moderno, veloce e piacevole. Tutt’altra cosa, indipendentemente dai risultati, rispetto alle scorse stagioni. I risultati ad ogni modo, non saranno altro che la logica conseguenza.

Ma detto questo… specialmente nella prima mezz’ora di partita contro lo Zugo, gli ZSC Lions sono stati autori di una prestazione a dir poco straordinaria. E nell’insieme noi crediamo che i tifosi, nonostante la sconfitta, siano rincasati dall’Hallenstadion soddisfatti di quanto visto.

Gran merito per questo crediamo possa essere dato a Rickard Grönborg ed al suo staff. C’erano alcuni dubbi in merito all’arrivo dell’allenatore Svedese. Non fosse altro che per il fatto che erano molti anni che non allenava una squadra di club. Ma Rickard, i dubbi li ha già spazzati via tutti!

LE MENZIONI SPECIALI PER…

O tutto o niente… Peter Schneider (EHC Bienne)

Peter Schneider… un nome che non aveva certamente acceso l’entusiasmo della piazza al momento dell’annuncio del suo arrivo. Eppure dovreste ben saperlo tutti ormai: Stoney – Martin Steinegger, DS dei Seeländers – raramente sbaglia un colpo.

L’attaccante Austriaco ha iniziato bene la stagione rivelandosi una vera e propria macchinetta da tiro, capace di andare laddove fa male e tutt’altro che impaurito. Però… però spesso e volentieri, un attaccante – ancor più se straniero – viene giudicato in base alle reti.

Ebbene, ora anche gli scettici sono serviti. Peter Schneider ha segnato 4 reti in CHL a Klagenfurt in settimana… e sabato sera ha messo a referto una fantastica tripletta! Si potrebbe dire “o tutto o niente” per Peter Schneider. Ma di certo le reti segnate in Austria hanno fatto bene al suo morale, e chissà che ora non possa tramutarsi da macchinetta da tiro in macchinetta da gol!

Il primo gol non si scorda mai… Joël Neuenschwander (HC Ambrì-Piotta)

L’Ambrì-Piotta ha faticato maledettamente venerdì sera a Zugo ed ha rimediato una meritata sconfitta per 5-1. La sera successiva tuttavia, i Leventinesi hanno reagito molto bene ed hanno battuto il roccioso Rappi per 4-2 grazie ad una prestazione gagliarda.

Da notare che dopo 30 minuti e 7 secondi di gioco della partita di sabato sera… è arrivato il momento che ogni giovane giocatore sogna sin da bambino. È arrivato il momento della prima rete in National League!

In altre parole, è arrivato il momento di Joël Neuenschwander! Il 20enne attaccante, prodotto Biancoblù che ha avuto modo di fare esperienza nei Ticino Rockets, ha buttato il suo primo disco in rete nella sua carriera in NLA!

Tra l’altro… è pure stato un gran bel gol. Si spera, il primo di una lunga serie. Bravo, Joël!

LA DELUSIONE

SCL TIGERS

Con tutto il rispetto per tutte le squadre di National League… ci spezza il cuore mettere il Langnau quale delusione della settimana. I Tigrotti, con i loro mezzi limitati, stanno facendo un ottimo lavoro da anni…

Ultimamente tuttavia, qualcosa non funziona. Lo dimostrano le 7 sconfitte rimediate nelle ultime 9 partite. Di cui due, consecutive, quest’ultima settimana rimediate contro Ginevra Servette e Losanna.

Non è certamente ora il momento di trarre conclusioni. Ci mancherebbe. Però, rispetto alla scorsa stagione, i Tigrotti paiono attualmente meno affamati e meno “disperati”. E se a questo aggiungiamo un’insolita poca solidità difensiva – attualmente i Tigrotti hanno solamente l’11ma difesa della lega – ed il fatto che i nuovi arrivi per il momento stanno facendo rimpiangere le partenze… ecco che i risultati non possono che essere negativi.

I Tigers, ad ogni modo, sono attualmente all’8° posto in classifica e tutto sommato avevano iniziato piuttosto bene la stagione. Quanto meno in termini di prestazioni. Ed allora, non saremmo sorpresi se ben presto la truppa di Heinz Ehlers tornerà a “graffiare”… i tifosi del resto, possono stare tranquilli. Il club ha sempre dimostrato di saper gestire bene le situazioni – sia negative che positive – e pertanto non c’è nulla di cui preoccuparsi per ora.

Forza e coraggio Tigrotti, e buon lavoro!

Advertisement