Articolo scritto da: Federico Camponovo


Benvenuti a questa nuova edizione di NHL Corner di Leading-Sport, la rubrica dedicata all’hockey NordAmericano!

Oggi vi presenteremo coloro che possono essere considerati, a nostro parere, i cinque migliori difensori attualmente impegnati in NHL.

Per stilare questa classifica ci baseremo sulla completezza dei singoli giocatori, ovvero sceglieremo chi sa cavarsela in maniera sublime in ogni reparto del gioco. Per essere più chiari: nella fase difensiva bisogna essere insuperabili, evitare di commettere errori e saper proteggere il proprio portiere efficacemente. In seguito saper portare il proprio appoggio in fase offensiva a suon di gol e assist.


Top 5


Seth Jones

Il più giovane della nostra speciale classifica, nato nell’ottobre del 1994 ad Arlington, Texas, lo statunitense è stato draftato nel 2013 in quarta posizione assoluta dai Nashville Predators, che da subito ne avevano notato il suo incredibile potenziale. Il right defenseman gode di una buonissima stazza grazie ai suoi 193 cm per 95 kg.

Nella sua stagione da rookie era riuscito a distinguersi con un bottino di 25 punti ed una convocazione per i mondiali maggiori con la maglia statunitense. Non male a soli 19 anni. Non è tutto, infatti proprio per il “World Championship” è stato eletto come migliore difensore del torneo, guadagnato grazie al fatto di essere stato il difensore più prolifico in termini di punti, tutto ciò questo gli è valso anche la nomina nell’All Star team dei mondiali.

La stagione successiva a quella da rookie in realtà non era riuscito a fare quel salto di qualità in più che ci si aspettava dopo una stagione da novellino tra i protagonisti.

Arriviamo dunque nel 2016, anno che stravolgerà la sua carriera. Infatti, i Nashville erano alla ricerca di quel centro da prima linea che mancava da tempo, e lo ottennero nello scambio con i Blue Jackets proprio tra Seth Jones e Ryan Johansen.

Con la maglia dei Columbus, la sua carriera decolla definitivamente. Dapprima un rinnovo con la squadra dell’Ohio da 6 anni per 5,4 milioni (a stagione), in seguito un susseguirsi di continui miglioramenti, sia in fase offensiva che in fase difensiva, che lo ha portato ad essere tra i migliori al mondo nel suo ruolo.

Nella passata stagione è stato uno dei trascinatori dei suoi Blue Jackets, con una media di 25,49 minuti giocati a partita, che si sono qualificati per i playoff per il secondo anno di fila della franchigia ed hanno eliminando contro ogni pronostico i favoriti Tampa Bay Lightning.

Nel suo palmares troviamo: due ori mondiali U18, un oro mondiale U20, un bronzo mondiali maggiori, è stato campione WHL e può vantare di ben tre apparizioni negli ultimi tre NHL All Star Game!

Erik Karlsson

Erik, nato a Landsbro, Svezia, nel maggio del 1990, è colui che si definisce come difensore offensivo d’eccellenza. Draftato da Ottawa nel 2008 in 15esima posizione assoluta è sempre stato riconosciuto come uno dei migliori difensori in termini di punti negli ultimi 7 anni. Effettivamente, anche se sa giocare nella propria zona di difesa, le sue doti difensive non sono tra le migliori del campionato, ma il suo potenziale offensivo, soprattutto quando sta bene fisicamente e senza acciacchi, è davvero mostruoso e per questo motivo rientra sicuramente nei Top 5 difensori al mondo.

Un suo ex allenatore, conosciuto anche nel nostro campionato, ovvero Guy Boucher (ex Berna) ha speso molte parole per Karlsson e queste sono rimaste impresse: “This is a guy you’re going to look at for the next 50 years and go ‘wow’. This is going to be one of the greatest”.

Dalla prossima stagione sarà anche il difensore più pagato in tutto il campionato, dopo aver trovato un accordo con San José per 7 anni a 11,5 milioni stagionali. Infatti, dopo aver trascorso tutta la sua carriera nei Senators di Ottawa, è stato protagonista di una “telenovela” che è durata tutta l’estate dello scorso anno, sulla possibile destinazione in un suo trade. Infine furono proprio gli Sharks di Timo Meier ad accaparrarsi i diritti del giocatore in uno scambio ritenuto abbastanza scellerato da parte degli Ottawa.

Erik può vantare una media pari a 0,83 punti a partita, e la sua migliore stagione fu la 2015-2016 dove riuscì ad ottenere ben 82 punti, da difensore! Propria in questa stagione è stato il giocatore in assoluto con il più alto minutaggio in NHL, ben 28,58 minuti a partita.

Il 29enne ha nella propria bacheca molti trofei e riconoscimenti (non la Stanley Cup però) ed elencarli tutti sarebbe quasi impossibile.

Possiamo citare i principali: Norris Trophy nel 2015 come miglior difensore dell’intero campionato, ha partecipato a ben 7 NHL All Star Game, ha ricevuto due volte il premio come “Swedish Player of the year”…

Roman Josi

È arrivato il momento di Roman nazionale. Il 29enne cresciuto nel Berna e draftato in 38esima posizione assoluta nel 2008 NHL Draft merita assolutamente di essere in questa speciale classifica. Questo perché Josi è un incredibile “two way” difensore, insuperabile in difesa e al tempo stesso una costante minaccia per le difese avversarie. Il capitano dei Predators può giocare in tutte le situazioni, ha una resistenza fisica eccezionale (più alto minutaggio dei Nashville da diverse stagioni) ed è un difensore che sa giocarsela nei momenti critici. Lo scorso campionato è stato impiegato in media 25,10 minuti a partita, quinto assoluto in NHL in questa speciale classifica.

Guadagna 4 milioni a stagione, un vero e proprio affare per i Predators considerando il contributo portato da Roman. Vanta di una media pari a 0,62 punti a partita, con un record personale di 61 punti quattro stagioni fa.

Quella che sta per iniziare è l’ultima stagione sotto contratto con i Predators, ed è già candidato come il Top free agent per la prossima estate. La sensazione è in ogni caso quella che il difensore svizzero rinnovi prima dello scadere del suo contratto con la squadra del Tennessee, fatto ancora più probabile dopo la partenza di P.K. Subban verso New Jersey. Anche da questo si può capire come Nashville ci tenga al nostro Roman.

Il Palmares di Josi vede 2 argenti mondiali, un World Championship all star team, un World Championship best defenseman, quattro volte nella Top 3 dei migliori giocatori della Svizzera ai mondiali, e due partecipazioni agli NHL All Star Game.

Brent Burns

Il canadese classe 1985 è un mostro in termini di stazza, ben 195 cm per 104 kg che lo rendono uno dei difensori più temibili da affrontare. È stato scelto come 20esima posizione nel 2003 da Minnesota.

Come potete immaginare è probabilmente il colosso più insuperabile dell’intero campionato, anche se ogni tanto viene ritenuto un po’ lento. Ma non finisce qua, perché il difensore di San Josè è abilissimo nella fase offensiva, basta prendere alcuni dati della scorsa stagione (la sua migliore in 15 stagioni), dove è riuscito a distinguersi con 83 punti in 82 partite che lo ha reso il difensore con più punti nel campionato. Davvero incredibile!

L’ex attaccante, divenuto poi difensore, nelle ultime quattro stagioni ha fatto quel salto di qualità che lo rendono oggi uno dei più forti difensori dell’intero campionato, pensate che tre anni fa è stato in grado di mettere a segno 29 goal, notevole dal momento che certe cifre sono difficili da raggiungere anche da bravi attaccanti.

Il suo attuale contratto terminerà nel 2025 e vede uno stipendio annuale di 8 milioni. La speranza è quella che il 34enne riesca a continuare a mantenere il proprio livello di gioco per il futuro, perché sarà impegnato con gli Sharks fino a 40 anni ed occuperà ancora per parecchio tempo una buona fetta del Salary Cup.

La passata stagione Burns ha superato quota 1000 partite in NHL, per la precisione al momento è fermo a 1043, non è da tutti! E non finisce qui, infatti è attualmente a quota 198 gol, ad un passo dai 200 che lo renderebbero ancora più un difensore storico.

Brent può contare di ben 6 apparizioni agli NHL All Star Game, un oro mondiale, un oro mondiali U20, diversi argenti con la maglia canadese, per due anni è stato il difensore più prolifico della NHL ed è stato vincitore di un Norris Trophy…

Victor Hedman

Eccoci arrivati all’ultimo dei cinque migliori difensori. Hedman, svedese e classe 1990, seconda scelta assoluta nel 2009 da Tampa Bay Lightning, porta ben 198 cm per 101 kg e nonostante ciò viene apprezzato anche per essere un difensore veloce e agile, con una accelerazione che fa invidia a molti. È un giocatore abbastanza aggressivo ma non troppo violento, è corretto.

Viene riconosciuto per riuscire ad essere sempre al posto giusto al momento giusto. Si può dire che è il migliore in assoluto per quel che riguarda la zona difensiva, infatti è un difensore estremamente efficace in quella parte della pista e per questo motivo Tampa Bay con lui sul ghiaccio sono molto coperti. È anche vero che rispetto a Burns o a Karlsson ha qualcosa in meno offensivamente.

Ha un contratto che scadrà nel 2025 e che lo vede guadagnare “solo” 7,875 milioni a stagione, pochi calcolando che tutto sommato ha 29 anni e paragonandoli agli 11,5 di Karlsson!

La sua stagione migliore l’ha visto protagonista con 72 punti. Da notare però che non è mai riuscito a salire sopra ai 20 gol stagionali, due anni fa riuscì a farne 17 e per il momento è il suo record personale. Con 189 punti è il secondo difensore con più punti nelle ultime tre stagioni, dietro solo a Brent Burns.

Il suo Palmares vede un oro mondiale con la Svezia, due argenti con la Svezia U20, due NHL All Star Game ed un Norris Trophy.

Gli esclusi

È curioso vedere come nessuno dei Top 5 difensori al mondo sia mai riuscito a portare a casa la Stanley Cup. Victor Hedman sembrerebbe essere quello più vicino in futuro alla conquista della coppa visti gli obiettivi dei Lightning, anche se non vanno dimenticati Burns e Karlsson, visto che gli Sharks vogliono assolutamente vincere la prima Stanley Cup della loro storia.

Non è sempre facile stilare una classifica del genere, ogni anno infatti potrebbe cambiare. Ecco che noi quindi abbiamo cercato di fare entrare in questa speciale lista coloro che hanno dimostrato di essere sempre tra i migliori anche negli anni passati e che riescono a mantenere il proprio livello di gioco sempre uguale.

Ad esempio, Mark Giordano dei Calgary Flames, fresco vincitore del Norris Trophy, non rientra nei Top 5 poiché le sue prestazioni nelle stagioni passate non erano all’altezza di quelle dimostrate lo scorso anno. Può darsi che sia stata una stagione al di sopra del proprio livello di gioco anche se il canadese è un buonissimo difensore e si situa certamente anche lui tra i possibili migliori.

Secondo noi meritano almeno di essere citati i seguenti difensori, usciti di poco da questa classifica: Morgan Rielly (Toronto Maple Leafs), Drew Doughty (Los Angeles Kings), Alex Pietrangelo (St. Louis Blues), John Klingberg (Dallas Stars), John Carlson (Washington Capitals).

Advertisement