Articolo scritto da: Jonathan Camponovo


Quali sono le squadre di NHL da tenere d’occhio in vista della prossima stagione?

Benvenuti a questa nuova edizione di NHL Corner di Leading-Sport, la rubrica dedicata all’hockey NordAmericano!

In questo lungo periodo senza hockey giocato ecco che l’interesse inevitabilmente va alla maniera nella quale le varie squadre si stanno rinforzando.

Ci sono quelle molto attive, quelle che invece attendono senza speculare, quelle che sono contente come sono attualmente ed infine le squadre che non possono spendere a causa del tetto salariale che già stanno superando e che quindi si concentrano solo sul pescare delle buone scelte al draft.

In questo articolo andremo a vedere quali sono le 5 squadre da tenere d’occhio la prossima stagione, alla luce dei loro acquisti.

Non andremo a citare le più favorite al titolo, ma parleremo dei team che più stanno compiendo progressi rispetto alla passata stagione.

New Jersey Devils

Questa squadra, dopo un ultimo campionato mediocre, si è mossa molto bene sul mercato.

Conclusa la stagione al 29esimo posto, i New Jersey Devils hanno vinto la lotteria del draft (abbiamo parlato del funzionamento di essa in un articolo settimane fa; per chi fosse interessato: https://leading-sport.com/2019/06/20/la-nostra-presentazione-del-draft-nhl-2019/).

Questa fortuna ha portato la possibilità di scegliere il numero 1 in assoluto, e Jack Hughes è stato selezionato. Non si tratta di un vero e proprio “acquisto” come lo intendiamo noi dalle nostre parti, ma la speranza dei New Jersey Devils è quella di potere contare su una coppia di centri dominante per i prossimi 15 anni.

Insieme al talento generazionale Hughes, questa squadra possiede anche Nico Hischier, prima scelta assoluta al draft 2017 e che si è già imposto in NHL nelle scorse 2 stagioni con una carriera ancora davanti (ha solo 20 anni).

Da Nashville, è inoltre arrivato Wayne Simmonds, ala molto solida capace di creare spazi, usare il fisico, e con un potenziale da 30 gol a stagione.Vincitore quest’anno del Mark Messier Award- premio destinato al miglior giocatore con qualità di leadership in NHL- sarà un punto di riferimento per i giovani “diavoletti” di New Jersey, oltre che a dare una mano al powerplay (ha fatto almeno 16 punti in superiorità numerica nelle sue ultime 8 stagioni).

Nelle retrovie i Devils hanno ottenuto in uno scambio P.K. Subban in arrivo anch’egli da Nashville. Difensore canadese 30enne già vincitore del premio come miglior difensore della stagione 2012-2013, è capace di giocare sia in superiorità che inferiorità numerica e contro i migliori attaccanti avversari. Sicuramente rientrerà nel top 4 dei difensori della squadra, insieme a Butcher, Vatanen e Severson (che giusto per ricordare orrendi momenti ai tifosi rossocrociati, è colui che ha segnato il gol del pareggio nei ¼ di finale tra Svizzera e Canada ai recenti mondiali di Bratislava a pochi decimi di secondo dal 60esimo minuto).

L’acquisto più recente porta il nome di Nikita Gusev, ala 27enne russa capocannoniere dello scorso campionato di KHL con 82 punti in 62 partite.

Con quest’ultimo acquisto i Devils aggiungono un nuovo tassello ad un topsix diventato foltissimo da una stagione all’altra”

New York Rangers

Per la squadra della grande mela, il discorso è simile a quello per i grandi rivali storici dei New Jersey Devils: una stagione mediocre, condita dalla fortuna finale di avanzare nella lotteria del draft e ottenere la 2a scelta assoluta, con la quale hanno pescato Kaapo Kakko, altro talento generazionale di 18 anni che ha già fatto molto bene nel campionato finlandese con la maglia del TPS e ai mondiali maggiori con la nazionale.

Il grande acquisto in attacco è quello di Artemi Panarin, ex giocatore di Columbus che noi avevano classificato tra i 5 migliori free agent dell’off season, con 87 punti in 79 partite la scorsa regular season. Il 27enne russo ha firmato per 7 stagioni ed un salario di 11.5 milioni per anno!

I Rangers hanno avuto lo scorso anno solamente il 23esimo miglior attacco e Zibanejad unico giocatore sopra i 50 punti. In quest’ottica, Panarin sarà oro colato.

In difesa è arrivato tramite scambio Jacob Trouba, difensore da 50 marcature tra gol e assist a stagione,con ottimo peso e solidità in difesa. Un produttore offensivo nelle retrovie da 50 punti non lo si vedeva a New York dal 2001, anno in cui Brian Leetch ne fece 55. I giovanissimi Chytil, Andersson e Fox inoltre daranno profondità ad una delle rose di New York migliori degli ultimi anni.

Toronto Maple Leafs

La squadra canadese è una delle più agguerrite sul mercato di questo off season ed ha già piazzato diversi colpi. Non ha rinforzato il suo valore “assoluto” come Rangers e Devils, ma attraverso degli scambi mirati, ha ripartito meglio le sue forze. Piu precisamente, ha rinforzato una difesa molto leggera, che è stata il tallone d’Achille di Toronto la scorsa stagione.

Ha acquisito da Ottawa i solidissimi difensori Ceci ed Harpur (95 e rispettivamente 101 kg) e da Colorado Tyson Barrie, difensore da 60 punti in regular season. Ha perso Nazem Kadri, centro molto forte ma oscurato da Matthews (giocatore passato dagli ZSC nel 2015-2016) e Tavares. Così facendo ha liberato posto nel salary cap per fare spazio ad un rinnovo dell’ala travolgente Mitch Marner e per ingaggiare come centro della 3a linea Jason Spezza (anche lui passato dalla Svizzera nel 2012 con la maglia del Rapperswil), 36enne ma con grande esperienza.

Anche lo scambio del veterano Patrick Marleau per delle scelte del draft future ha permesso a Toronto di avere un buon margine finanziario con il quale investire a corto termine. Se per i Devils ed i Rangers il discorso volge intorno ad una possibile qualificazione ai playoff, per i Maple Leafs il discorso si ampia verso una possibile coppa Stanley!

Colorado Avalanche

Per Colorado, il discorso è equivalente a quello che abbiamo fatto per Toronto, questa volta però invertendo il ruolo da rinforzare!

Questa squadra arrivata fino alle semifinali di conference l’anno scorso, è tanto forte quanto troppo dipendente dalla prima linea offensiva formata da MacKinnon, Landeskog e Rantanen. Ecco che quindi il general manager Joe Sakic- ex leggenda proprio degli Avalanche- ha optato per un mercato intelligente volto all’attacco. Dalla prossima stagione, ci sarà una 2a linea completamente nuova  acquistata sul mercato, composta dal sovramenzionato centro Nazem Kadri e le ali Burakovsky (proveniente da Washington) e Donskoi (da San Josè).

Nel settore difensivo, è in arrivo dalle minors il fortissimo Cale Makar e dal draft 2019 Bowen Byram, due difensori che vanno ad aggiungersi ad una difesa già solida e che riusciranno a compensare la partenza di Barrie. Gli esperti vedono Colorado come una delle migliori squadre per i prossimi anni, ed un mercato così ben pianificato aumenta ulteriormente le loro quotazioni.

Florida Panthers

L’acquisto di Sergei Bobrovsky, altro giocatore insieme a Panarin che avevamo inserito nella nostra top 5 dei free agent, rilancia le quotazioni di Florida. Il fortissimo portiere russo vincitore del Vezina Trophy nel 2013 e nel 2017, è proprio quello che serviva a questa franchigia per potere fare il passo decisivo verso la zona playoff. Oltre alla sua bravura, la consistenza di Bobrovsky è invidiabile: 190 partite nelle ultime 3 stagioni, risultando al terzo posto (solo Dubnyk e Andersen ne hanno giocate di più)

Il 40enne Luongo (da poco ritirato; che carriera la sua!) e l’incerto James Reimer non hanno dato certezze ai Panthers la scorsa stagione, risultando una vera palla (disco?) al piede di una squadra che, specialmente in attacco, non ha nulla da invidiare alle migliori squadre della NHL. Nonostante non si siano qualificati  ai playoff, hanno avuto il nono migliore attacco e il secondo miglior powerplay della lega. Ben 5 giocatori inoltre hanno superato quota 62 punti: Barkov, Huberdeau, Hoffman, Dadonov e Yandle dimostrando quindi una certa profondità.

Un altro acquisto importante ci porta sulla panchina di Florida: l’allenatore per le prossime 5 stagioni sarà il leggendario Joel Quenneville. “Coach Q”, vincitore di 3 stanley cup alla guida di Chicago, ha sempre prediletto uno stile gioco offensivo, che ben si adatta ai Panthers. Nelle sue ultime 10 stagioni da coach, i Blackhawks si sono classificati terzi in gol fatti a partita ed in tiri in porta. Con l’arsenale offensivo di Florida questi numeri sarà difficile che scendano….

Il difensore Stralman e l’attaccante Connolly danno ancora più profondità ad una squadra che si è qualificata solo 2 volte ai playoff negli ultimi 18 anni, ma che mai come quest’anno, può puntare alla fase ad eliminazione di NHL.

Ci sono tante squadre da tenere d’occhio la prossima stagione. Ogni team non parte già battuto in partenza, quindi come sempre sarà il ghiaccio a parlare. 

I 5 di cui vi abbiamo parlato sono quelli che più stanno usufruendo di questo mercato e sono nettamente migliorati, ma non vuol dire che chi si è mosso di meno starà a guardare immobile la prossima stagione, quando i giochi si faranno seri…

Advertisement