È la prima estate da tempo immemore che il Davos si prepara alla nuova stagione senza il “guru” Arno Del Curto in panchina. In un modo o nell’altro dunque, molte cose sono nuove alla Vaillant Arena. Inclusi due stranieri… tra cui, Aaron Palushaj, che arriva dalla SHL Svedese e più precisamente dall’Örebro HK.

Andiamo a conoscerlo meglio.


Nome: Aaron

Cognome: Palushaj

Nato il: 7 settembre 1989

Nazionalità: USA

Ruolo: RW/LW

Se volete seguirlo su Twitter: PROFILO TWITTER PALUSHAJ

Se volete seguirlo su Instagram: PROFILO INSTAGRAM PALUSHAJ


CARRIERA

Aaron Palushaj è nato a Livonia (Michigan, area metropolitana di Detroit) il 7 settembre 1989… e quando si parla di Livonia, si parla di una città che ha dato i natali a grandi giocatori di hockey su ghiaccio. Tra cui Bryan Lerg (ex Ambrì-Piotta), Chris Tancill (ex Kloten e Zugo una ventina di anni fa) e soprattutto Mike Modano, una vera e propria leggenda da oltre 1’600 partite di NHL!

ORIGINI ALBANESI… PASSIONE PER IL CALCIO, AMORE PER L’HOCKEY

Aaron è di origini Albanesi ed ha ereditato dal padre la passione per il calcio… ma ha iniziato a giocare a hockey su ghiaccio alle scuole elementari quando un suo maestro lo ha fatto interessare a questo sport. Ha giocato due stagioni in USHL con i Des Moines Buccaneers ed è stato draftato (nel 2007) dai recenti campioni di NHL dei St. Louis Blues in 44a posizione assoluta. Dopo di che, ha giocato per due anni “college hockey” con l’Università del Michigan, dove ha pure vinto il titolo NCAA.

ASCENSORE TRA NHL E AHL

Nel 2009 Aaron Palushaj ha firmato un contratto di 3 anni con i St. Louis Blues, i quali lo hanno assegnato al loro farm team di AHL, i Peoria Rivermen. Solo un anno più tardi poi, è stato scambiato con i Montreal Canadiens… e fino al termine della stagione 2013-14 ha fatto l’ascensore tra la NHL e la AHL. Negli anni, ha giocato in NHL con i Montreal Canadiens, i Colorado Avalanche (che ha raggiunto nel febbraio 2013) ed i Carolina Hurricanes (che ha raggiunto da free agent nel luglio 2013). In AHL per contro, ha giocato con gli Hamilton Bulldogs ed i Charlotte Checkers.

EUROPA… NORD AMERICA… ED EUROPA ANCORA

Senza contratto, Aaron Palushaj si è accordato con il Medvescak di Zagabria (KHL) alla vigilia della stagione 2014-15… e nel corso della stessa stagione, si è poi trasferito all’Avtomobilist Yekaterinburg. Nella stagione successiva, Aaron ha ritentato di sfondare in NHL e si è accordato con i Columbus Blue Jackets, i quali lo hanno tuttavia assegnato al loro farm team di AHL, i Cleveland Monsters. Forse deluso, l’attaccante Americano è tornato a giocare in KHL per il finale di stagione con la Dinamo Minsk.

SVEZIA, E PER FINIRE SVIZZERA

Per finire, Aaron Palushaj si è spostato in Svezia alla vigilia della stagione 2017-18… ed ha giocato gli ultimi due anni proprio nella SHL Svedese. Dapprima con il Brynäs IF ed in seguìto con l’Örebro HK, dove tra l’altro è stato pure assistente capitano.

Le sue prestazioni sono state buone, e questo ha convinto il Davos a puntare su di lui per la stagione 2019-20!

IL GIOCATORE

Aaron Palushaj viene descritto come un giocatore molto veloce, il che in Svizzera ed in National League non guasta.

Per conoscerlo meglio, ci siamo messi in contatto con qualcuno che ha potuto seguirlo da vicino nel recente passato. Abbiamo avuto il piacere di conoscere Mattias Persson, giornalista de “HockeyNews.se”. Di seguito, la sua opinione su Aaron Palushaj.

Aaron Palushaj è diventato immediatamente un idolo in Svezia, sia quando ha giocato per il Brynäs che quando ha giocato per l’Örebro. Lo hanno soprannominato “lo squalo”.

Ci mette sempre il cuore in ogni cambio ed è pure un giocatore capace di buttare il disco in rete. È molto veloce ed ha la grande capacità di farsi trovare sempre al posto giusto nel momento giusto. Ha messo a referto un totale di 72 punti (31 gol, 42 assists) nelle sue 83 partite giocate nella SHL. Questo anche grazie al fatto che è molto efficace durante le situazioni di superiorità numerica.

Allo stesso tempo, non è un giocatore molto grosso e questo si rivela essere a volte un problema nelle battaglie fisiche contro difensori più grossi di lui.

È reduce da un infortunio rimediato in gennaio che ha messo anticipatamente fine alla sua stagione.

Grazie mille, Mattias!

Velocità… capacità di essere efficace in power-play… giocatore che da sempre l’anima e capace di buttare il disco in rete… messa così, Aaron Palushaj sembra essere davvero un elemento capace di fare bene in Svizzera! Anche la sua “stazza” non dovrebbe essere un gran problema. Nonostante tutto infatti, resta un attaccante di 183cm per 87 kg, in Svizzera dovrebbe riuscire a fare la differenza. Ed il fatto che è stato soprannominato “squalo” in Svezia, promette bene.

Benvenuto in Svizzera, Aaron!

CURIOSITÀ

Aaron Palushaj durante la sua carriera ha giocato con tantissimi giocatori che giocano, o hanno giocato, nella nostra National League. La lista sarebbe davvero lunga… pertanto, nominiamo unicamente un giocatore che è passato a Davos.

Stiamo parlando di Mikael Johansson il quale, lo ricordiamo, ha giocato 14 partite a Davos durante la stagione 2017-18 prima di trasferirsi al Langnau. Aaron è stato compagno di Mikael Johansson due volte in carriera…  dapprima agli Hamilton Bulldogs, ed in seguìto pure al Brynäs IK in Svezia.

Aaron Palushaj ha fatto il suo debutto in NHL il 17 marzo 2011 con la maglia dei Montreal Canadiens. Curiosamente, quello stesso giorno, il Davos era impegnato nelle semifinali del Campionato Svizzero e si impose per 5-2 in trasferta contro lo Zugo grazie alle reti segnate da Reto Von Arx, Beat Forster, Gregory Sciaroni, Petr Taticek e Robin Grossmann. Da notare che nel 2011, il Davos vinse il campionato!

Esattamente un anno più tardi poi, il 17 marzo 2012, Aaron Palushaj segnò il suo primo gol in NHL durante la sua 32a partita. Quel giorno i Montreal Canadiens ospitavano i New York Islanders e vennero sconfitti per 3-2 dopo rigori. Da notare che l’altra rete dei Canadiens quel giorno venne messa a segno da Louis Leblanc, il quale ha giocato 4 partite con il Losanna durante la stagione 2015-16. Per gli Islanders invece, quel giorno una rete la mise a segno un certo… Mark Streit!

STATISTICHE

VIDEO

Advertisement