Il Friborgo Gottéron ha trovato il suo quarto straniero… Daniel Brodin infatti, raggiunge in riva alla Sarine Ryan Gunderson, Viktor Stalberg e David Desharnais. E pure Daniel sembrerebbe essere l’uomo giusto al posto giusto.

Andiamo a conoscerlo meglio.


Nome: Daniel

Cognome: Brodin

Nato il: 9 febbraio 1990

Nazionalità: SWE

Ruolo: RW

Se volete seguirlo su Twitter: Profilo Twitter Brodin

Se volete seguirlo su Instagram: Profilo Instagram Brodin


LA CARRIERA

Daniel Brodin è nato il 9 febbraio 1990 a Stoccolma, una città una garanzia… sono innumerevoli infatti, i giocatori di classe che sono nati nella capitale Svedese. È stato draftato dai Toronto Maple Leafs – 5° turno, 146ma posizione complessiva – nel 2010 (l’anno in cui il nostro Nino Niderreiter venne draftato al 5° posto assoluto dai New York Islanders) ma non ha mai giocato in NHL e nemmeno in AHL. Daniel è cresciuto nelle giovanili delll’Hanvikens SK e la vera svolta della sua carriera è arrivata alla vigilia della stagione 2007-08…

IL DJURGARDENS IF

Il Djurgardens IF infatti, una delle squadre storiche della SHL Svedese, ha messo gli occhi su di lui. Durante la prima stagione ha giocato prevalentemente per la squadra U18 con qualche comparsa nella squadra U20… ma poi, a partire dalla stagione successiva, ha iniziato a trovare spazio in prima squadra. Dapprima una sola apparizione su foglio partita durante la stagione 2008-09, in seguìto 46 presenze durante la stagione 2009-10, conclusa quale vice-Campione… ed infine tutta la stagione 2010-11 con la prima squadra in SHL!

TOCCATA E FUGA IN FINLANDIA… E RITORNO IN SVEZIA

Nel 2012 poi, Daniel Brodin ha attraversato il confine e si è accordato con l’Ässät nella Liiga Finlandese… dove si è laureato Campione di Finlandia con la squadra di Pori. Ma poi l’immediato ritorno in Svezia, dove ha giocato con il Brynäs IF per due stagioni.

IL RITORNO AL DJURGARDENS IF

Evidentemente però, il Djurgardens era “casa sua”… dopo due stagioni passate al Brynäs IF infatti, Daniel Brodin è tornato al suo Djugardens alla viglia della stagione 2015-16. Con la squadra basata a Stoccolma, Daniel è rimasto fino al termine della stagione 2018-19, prima di accordarsi appunto con il Friborgo Gottéron. Da notare che nell’ultima stagione, appena conclusa, Daniel ha aiutato la squadra a raggiungere la finale. Ma proprio come nel 2010, è andata male ed il Djugardens ha dovuto accontentarsi della medaglia d’argento.

IL GIOCATORE

Daniel Brodin viene descritto come un giocatore che porta moltissima intensità sul ghiaccio ed un valore aggiunto per qualsiasi squadra.

Per conoscerlo meglio, ci siamo messi in contatto con qualcuno che ha potuto seguirlo da vicino nel recente passato. Abbiamo avuto il piacere di conoscere Mattias Ek, giornalista de “Hockeynews.se”. Mattias ha avuto modo di seguire molto da vicino il Djagardens IF in queste stagioni. Gli abbiamo chiesto la sua opinione in merito a Daniel Brodin.

Come giocatore, Daniel Brodin gioca molto fisico… di fatto, gli piace il gioco fisico. È stato il giocatore più aggressivo durante questi ultimi playoff in Svezia durante i quali ha “collezionato” 49 checks nelle 19 partite giocare. Durante la Regular Season per contro, in questa particolare statistica è arrivato secondo con 92 checks in 52 partite.

Per due volte è stato votato il giocatore più popolare della squadra dai suoi tifosi, e questo è qualcosa di cui va molto fiero.

Questa stagione ha giocato in prima linea con uno dei suoi migliori amici, Jacob Josefson, e con Jakob Lilja. Questo terzetto è stato uno dei migliori di tutta la SHL ed hanno prodotto moltissimi punti.

Daniel Brodin sguazza come un pesce nello slot sotto porta ed è pure un buon giocatore in power-play. Per contro, raramente viene schierato durante le situazioni di inferiorità numerica. Ha segnato 19 gol ed ha collezionato complessivamente 35 punti questa stagione, il che per lui è stato un record.

Brodin ha mancato parte della scorsa stagione a causa di un infortunio ad un ginocchio. Curiosamente, lui e sua moglie Emilia Brodin (precedentemente Appelqvist) che è una calciatrice ed ha pure vinto la medaglia d’argento alle Olimpiadi 2016 con la Nazionale, hanno avuto un simile infortunio allo stesso momento. Nella sfortuna insomma, i due si sono supportati a vicenda.

La moglie seguirà Daniel (o “Brodda” come viene chiamato) in Svizzera.

Grazie mille, Mattias!

Beh, ragazzi… carta non sempre canta, ma il Friborgo Gottéron sembrerebbe aver fatto ancora una volta centro! Daniel Brodin è utile in power-play, porta intensità ed è pure un giocatore che ama il gioco fisico. In altre parole, può andare veramente a colmare alcuni dei problemi che il Gottéron aveva in quest’ultima stagione. Il tempo ce lo dirà, ma l’impressione è che i Dragoni hanno ora davvero un ottimo pacchetto stranieri!

Benvenuto in Svizzera, Daniel!

CURIOSITÀ

* Daniel Brodin ha già avuto modo di giocare contro alcune squadre Svizzere. È successo durante la Champions Hockey League 2015-16… quando il Djurgardens era inserito nello stesso gruppo dello Zugo. Il Djurgardens vinse entrambe le partite (5-3 in casa, 3-2 in trasferta) e Daniel Bordin non mise a referto punti. Gli venne comunque data una penalità di 2 minuti per ostruzione nella partita giocata alla Bossard Arena.

Inoltre, nella Champions Hockey League 2016-17, il suo Djurgardens affrontò pure il Davos. In Svizzera, il Davos si impose per 3-1… e Daniel Bordin non mise a referto punti e ricevette una penalità per aggancio (hooking). In Svezia invece, Daniel Bordin e compagni si imposero per 6-0. Daniel non mise a referto punti ma non ricevette neppure una penalità.


* Daniel Brodin ritroverà un suo ex compagno di squadra a Friborgo… durante la stagione 2014-15 a Brynäs infatti, Daniel ha giocato assieme ad un nuovo giocatore dei Dragoni, tale Ryan Gunderson!

Negli anni inoltre, Daniel Bordin ha giocato con altri giocatori che hanno avuto un passato nella nostra National League. In ordine sparso, quando era al Djurgardens, negli anni han giocato con Nicklas Danielsson (ex Berna, Rapperswil e Losanna), Patrick Thoresen (ex Lugano e ZSC Lions), Tomi Sallinen (ex Kloten), Jeff Tambellini (ex ZSC Lions e Friborgo Gottéron) e Dick Axelsson (ex HC Davos).

In Finlandia all’Ässat per contro, è stato compagno di squadra di Eero Elo (ex SCL Tigers). E per finire, al Brynäs IF, è stato compagno di squadra di Anton Rödin (ex Davos) ed Andreas Thuresson (ex SCL Tigers).

STATISTICHE CARRIERA

VIDEO

Advertisement