SC RAPPERSWIL-JONA LAKERS – Analisi stagione 2018-19


La stagione è finita più presto del previsto… ma questo solo perché il Langenthal ha rinunciato a giocare lo spareggio promozione-retrocessione.

Il Rapperswil ha concluso all’ultimo posto in classifica la Regular Season ed ha poi perso la finale di playout. Era un pò quello che tutti, bene o male, ci aspettavamo. Certo, si sperava almeno in qualche punto in più… ma detto onestamente, sulla carta, i Lakers hanno dovuto fare di necessità virtù. Troppo forti gli avversari.

Detto questo, è anche giusto dire che la truppa di Jeff Tomlinson è cresciuta con l’andare della stagione. Pertanto questa prima stagione dopo il ritorno in LNA, la consideriamo un ottimo apprendistato.

Non è facile giocare quando le sconfitte si accumulano una dopo l’altra ed il morale finisce sotto i piedi. Non è facile riuscire a trovare le motivazioni quando sei costantemente ultimo in classifica.

Il Rapperswil lo ha dovuto fare ed ha certamente imprato molto. L’esperienza di questa stagione infatti, dovrebbe tornare molto utile per la prossima che il club potrà giocare ancora in LNA. E questo, per finire, è tutto ciò che conta.

Ci si poteva aspettare di più dal Rappi? Sì, forse sì. Ma per finire, la stagione è andata come doveva andare.


LA REGULAR SEASON

Tutto è iniziato con una sconfitta esterna per 5-2 rimediata a Langnau… poi, una vera lenta agonìa a livello di risultati nonostante i miglioramenti con l’andare della stagione. Il Rapperswil ha subìto perso 5 partite consecutive, poi ha vinto complessivamente solamente 2 delle prime 18 partite. Insomma, alla vigilia di questa stagione dicevamo che il Rappi avrebbe dovuto cercare di fare punti all’inizio, sfruttando anche l’effetto entusiasmo dovuto alla promozione. La realtà invece, è che i Lakers non sono mai realmente decollati. Di fatto, non hanno mai vinto due partite consecutive… e sempre di fatto, hanno passato praticamente tutta la stagione all’ultimo posto in classifica.

PLAYOUT

Il Rapperswil ha disputato un decente girone – ancorché inutile – girone di piazzamento durante il quale ha collezionato 4 vittorie e 2 sconfitte. Poi ci ha messo l’anima nella finale playout contro il Davos… ma non c’è stato nulla da fare. La stagione è finita in anticipo solamente perché il Langenthal ha rinunciato a giocare lo spareggio.


L’ANALISI

Vediamo ora alcune cose che secondo noi hanno funzionato in questa stagione ed a fare da contr’altare alcune cose che invece non hanno funzionato.

COSA HA FUNZIONATO

L’esperienza

Il Rapperswil ha potuto fare esperienza e non per niente abbiamo titolato l’articolo con “una stagione di apprendistato”. Sulla carta, i Lakers erano la squadra più debole di tutta la National League e purtroppo i fatti hanno dimostrato che era la verità. È tuttavia giusto anche sottolineare che, con l’andare del campionato, i boys di Jeff Tomlinson sono cresciuti molto e spesso si sono rivelati essere una brutta gatta da pelare. L’impegno non è mai mancato. E non dimentichiamo che, ad ogni modo, hanno raggiunto la finale di Coppa Svizzera per la seconda stagione consecutiva.

Il portiere

C’era chi diceva che Melvin Nyffeler era un portiere da LNA… c’era invece chi sosteneva che non ha il livello per fare il portiere nella massima divisione dell’hockey Svizzero… beh, Melvin Nyffeler invece ha dimostrato di avere quello che ci vuole per difendere la gabbia di una squadra di LNA! Non è stato facile per lui che spesso è stato abbandonato al suo destino, ma moltissime volte ha tenuto a galla il Rapperswil grazie a prestazioni di ottimo livello.

Il pubblico (in trasferta)

Il Rapperswil ha avuto la media spettatori più bassa della lega… ma i tifosi, comunque sia, non hanno mai fatto mancare il loro supposto. Soprattutto in trasferta! Nelle partite fuori casa infatti, spesso e volentieri i settori ospiti delle piste si trasformavano in bellissimi angoli rossi e rumorosi! I tifosi del Rapperswil insomma, hanno dimostrato di valere la LNA. Specialmente in trasferta.

Il girone di piazzamento

Il girone di piazzamento era in tutto e per tutto inutile… però è giusto sottolineare che nonostante tutto il Rapperswil ha conquistato 4 vittorie in 6 partite ed è stata la seconda miglior squadra dopo il Friborgo Gottéron. Niente di eclatante o di cui esultare, sia chiaro. Ma è comunque stato qualcosa che ha funzionato. Ed anche nella finale playout, tutto sommato i Lakers sono stati molto determinati.

COSA NON HA FUNZIONATO

I risultati

Ultimo posto in classifica al termine della Regular Season. Peggior attacco, peggior difesa a pari merito con il Davos. Secondo peggior rendimento casalingo e peggior rendimento esterno in assoluto (8 punti in 25 partite!) fuori casa. I numeri sono impietosi. A livello di numeri, la stagione del Rapperswil è stata catastrofica.

Mancanza continuità

Il Rapperswil non ha mai vinto due partite consecutive e già questo dato da solo dice praticamente tutto. Anche quando i Lakers hanno avuto dei periodi positivi, non sono mai riusciti ad entrare realmente in una spirale positiva che avrebbe dato morale ed avrebbe fatto certamente conquistare qualche punto in più.

Power-play

Per una squadra come il Rapperswil, una delle poche armi a disposizione poteva essere il power-play. Ed invece, proprio in power-play, il Rapperswil ha fatto una maledetta fatica a far girare il disco ed a buttare il disco in rete per tutta la stagione. Playout inclusi.

Inizio di stagione

Ad inizio stagione il Rapperswil poteva (doveva?) sfruttare l’entusiasmo dovuto alla promozione – ed il fatto che le altre squadre fossero ancora in rodaggio – per conquistare alcune vittorie e prendere un pò di fiducia. Non è successo… Questo è stato un problema che poi ha condizionato un pò tutta la stagione perché la squadra non è mai entrata realmente in un “momentum” positivo.


LE 3 STELLE DELLA STAGIONE

Melvin Nyffeler

Come abbiamo già scritto in precedenza, Melvin Nyffeler si è dimostrato un portiere da LNA! Le sue prestazione sono state spesso e volentieri fantastiche. Non era facile dato che a volte è stato lasciato un pò solo al suo destino ed ha dovuto ricevere un numero incalcolabile di tiri. Ma ha giocato una stagione tutto sommato eccellente!

Dion Knelsen

Ci ha messo un pò per adattarsi ai ritmi della LNA… ma con l’andare della stagione è cresciuto molto ed inoltre ci ha sempre, ma sempre, messo l’anima in ogni cambio! Nell’ultima parte della stagione ha anche messo a referto un discreto numero di punti. Proseguirà la sua carriera ad Olten… A Rapperswil, mancherà.

Danny Kristo

Sul finale di stagione non è stato in grado di fare la differenza. Quando è arrivato tuttavia, ha aiutato il Rapperswil a fare il salto di qualità in zona offensiva. È un giocatore di grande qualità che, se ben affiancato, può pure garantire un buon numero di punti. Siamo curiosi di vederlo la prossima stagione quando sarà con la squadra sin dall’inizio.

LA RIVELAZIONE

Kay Schweri

Anche Kay Schweri ci ha messo un pò ad ingranare… ma con l’andare della stagione ha fornito un contributo prezioso che gli è pure valso un prolungamento del contratto. È un giovane interessantissimo che noi seguiamo con piacere da anni. L’anno prossimo, potrebbe essere quello della sua consacrazione.

LA MENZIONE SPECIALE

I tifosi

Non è facile sostenere la tua squadra quando si perde quasi sempre… non è facile trovare le motivazioni per andare alla pista quando sei ultimo in classifica… non è facile avere la voglia di farsi le trasferte quando già sai che molto probabilmente la tua squadra perderà… i tifosi del Rapperswil invece, hanno creato un bel muro rosso sia in casa che in trasferta. Un pubblico da LNA!


LA STAGIONE IN NUMERI – LE STATISTICHE

GOL FATTI & GOL SUBÌTI

Peggior attacco… peggior difesa a pari merito con il Davos… in Regular Season. Poi nei playout, le cose sono migliorate. Se guardiamo al grafico dello sviluppo delle reti segnate e subìte, vediamo che tendenzialmente il Rappi non hai mai segnato più dei suoi avversari. Di fatto, è sempre stato costretto a rincorrerli.

TIRI & TIRI SUBÌTI

Vale lo stesso discorso dei gol… il Rapperswil è la squadra che ha tirato di meno ed ha subìto di più. Il picco di tiri subìti dal Rappi è nel periodo centrale. I boys di Jeff Tomlinson da parte loro, tendenzialmente non hanno avuto un periodo durante il quale hanno tirato di più.

PERCENTUALE REALIZZATIVA & PERCENTUALE PARATE

La percentuale realizzativa del Rapperswil durante la Regular Season è stata deleteria… nei playout invece, è nettamente migliorata ed è stata pure buona. Questo conferma anche come la squadra è cresciuta con l’andare della stagione. La percentuale di parate complessiva invece, è stata buona durante la Regular Season ed ottima nella post-season.

POWER-PLAY & PENALTY-KILLING

Il power-play, come detto, è stato uno dei problemi principali del Rapperswil durante tutta la stagione. Il rendimento in inferiorità numerica per contro, non è stato malaccio… anzi, niente male considerato anche quanto la squadra fosse fragile.

INDICE CORSI

(via nlicedata.com)

Sia durante la Regular Season che i playout, l’indice Corsi del Rapperswil è stato negativo. Nei playout tuttavia, è stato quanto meno discreto e più vicino al 50%.


LA NOSTRA CONCLUSIONE

Il Rapperswil ha potuto fare una bella esperienza che verrà molto utile nella prossima stagione. Peccato solamente che mai realmente i Lakers sono entrati in una spirale positiva che avrebbe potuto aiutare ad ottenere quanto meno risultati un pò migliori.

Non si può inoltre dimenticare che i Lakers sono stati sfortunati. Ad inizio stagione hanno perso quasi subìto i due stranieri – Matt Gilroy e Casey Wellmann – che erano chiamati a fare la differenza e sono mancati per un pò. Insomma, nemmeno la dea bendata ha realmente aiutato i Lakers.

I giocatori comunque quasi sempre ci hanno messo molto impegno e questo è importante. La società non ha licenziato l’allenatore e dunque crede che sia l’uomo giusto al posto giusto.

Sembra insomma che, nonostante tutto, il club abbia una strategia. Poi che sia vincente o meno, lo sapremo solamente in futuro.

La prossima stagione sarà ancora evidentemente molto complicata, ma la speranza è che possano arrivare risultati migliori dopo l’apprendistato di questa stagione. Un apprendistato che certamente ha insegnato molte cose.

Buone vacanze, Lakers!

Advertisement