Lunedì 4 Marzo 2019, a les Vernets, va in scena idealmente una sorta di “gara-7 degli 1/8 di finale di playoffs”. Ginevra Servette e ZSC Lions si affrontano per l’ultima partita di Regular Season e, detto terra terra, chi vince entro il 60° fa i playoffs. Punto. Non male per far salire l’adrenalina proprio alla vigilia dei giochi per il titolo, vero?!

Poi certo, è giusto anche dire che ai Lions basterebbe non perdere entro il 60° minuto di gioco. Ma fare questi calcoli sarebbe estremamente pericoloso.

La domanda comunque è: chi la spunterà?!

04.03.2019 – GINEVRA SERVETTE HC – ZSC LIONS

Ginevra Servette e ZSC Lions si affrontano per la quarta ed ultima volta in stagione. Vediamo i precedenti stagionali e scopriamo che…

28.09.18Ginevra Servette HC – ZSC Lions 2-1

08.12.18 – ZSC Lions – Ginevra Servette HC 0-2

12.12.19 – ZSC Lions – Ginevra Servette HC 1-4

Scopriamo che le Aquile non hanno ancora lasciato scampo ai Leoni di Zurigo! La truppa di McSorley infatti si è imposta 3 volte su 3 ed ha dunque dimostrato di sapersi trovare particolarmente a proprio agio. Di fatto, lo Zurigo è l’unico avversario contro cui il Ginevra Servette non ha ancora perso in questa stagione… È un vantaggio? Sì e no. Da una parte certamente i risultati precedenti devono dare fiducia. Dall’altra tuttavia, bisogna cancellare il passato per questa partita sarà diversa da tutte le altre.


GINEVRA SERVETTE HC

LA FORMA

Il Ginevra Servette è rinato ed ultimamente ha messo in mostra uno spirito combattivo e di squadra fuori dal comune. Le Aquile erano letteralmente con le spalle al muro ma sono riuscite, in qualche modo, a regalarsi la possibilità di giocarsi i playoffs fino all’ultima partita di Regular Season grazie a 3 vittorie nelle ultime 4 partite.

IL PUNTO DI FORZA

La squadra

Il Ginevra Servette ha avuto talmente tanti infortunati in questa stagione che nella maggior parte dei casi l’allenatore Chris McSorley ha dovuto fare di necessità virtù. La squadra comunque, in un modo o nell’altro, è sempre rimasta compatta e le ultime due vittorie consecutive hanno dato molta fiducia. Vero che questo o quel giocatore possono sempre decidere la partita per conto loro, vedi i vari Tömmernes e Richard… ma la realtà è che il Ginevra Servette ha un solo modo per vincere questa partita: giocare di squadra. In tutti i sensi.

IL PUNTO DEBOLE

Giocare in casa

Sembra un paradosso… ma il Ginevra Servette, che fino a fine gennaio era una delle squadre più temibili in casa, quando ultimamente gioca a les Vernets fatica dannatamente ad imporsi. Prima di battere il Bienne sabato sera infatti, la truppa di Chris McSorley aveva perso 5 partite consecutive tra le mura amiche.

L’UOMO IN FORMA

John Fritsche

Certo, ci sono sempre i vari Tömmernes e Richard. Però a nostro parere John Fritsche è un po’ l’immagine della squadra in queste ultime partite. Lotta, spirito di sacrificio, dedizione alla causa e capacità di andare oltre ai propri limiti. Un esempio da seguire ed un giocatore che oltretutto nelle ultime partite ha pure messo a referto punti pesanti.

PERCHÉ IL GINEVRA SERVETTE FARÀ I PLAYOFFS

La domanda piuttosto è: perché non dovrebbe farli? Il Ginevra Servette ha due grandi atout. Il primo, è in crescita. Le 3 vittorie nelle ultime 4 partite hanno dato moltissima fiducia dopo un periodo nero. Insomma, la tendenza è positiva. Il secondo, in qualche modo non ha più nulla da perdere. Ad inizio di settimana si pensava che ormai le Aquile erano fuori dai giochi… ed invece sono riuscite a resuscitare ed a regalarsi questa partita decisiva da giocare davanti ai propri tifosi!


ZSC LIONS

LA FORMA

Gli ZSC Lions hanno vinto sabato sera in casa contro il Rapperswil ma complessivamente hanno raccolto unicamente 4 vittorie nelle ultime 11 partite. I campioni in carica sembrano capaci di tutto e del contrario di tutto… sono capaci di giocare ottime partite così come giocare partite a tratti fin anche sconcertanti. Insomma, la truppa di Del Curto è a suo modo totalmente indecifrabile.

IL PUNTO DI FORZA

Il talento

Il talento comunque, in un modo o nell’altro, paga. Punto. È inutile che facciamo nomi perché già li conosciamo tutti i nomi della rosa degli ZSC Lions… Lo Zurigo è stato costruito per vincere ed ha tutto quello che ci vuole – sulla carta… – per farlo. I giocatori inoltre, così come l’allenatore, hanno sufficiente esperienza per gestire una partita tanto delicata come quella che si giocherà a les Vernets lunedì sera.

IL PUNTO DEBOLE

La pressione

Come abbiamo detto, lo Zurigo è stato costruito per vincere… ma in questo momento non sa nemmeno se ha la possibilità di lottare per farlo. Forse nessuno avrebbe immaginato che quest’ultima partita a Ginevra sarebbe stata decisiva. I tifosi giudicherebbero fallimentare una stagione senza il raggiungimento dei playoffs… insomma, quest’ultima partita è una sorta di “salva stagione” e la pressione è altissima. Anche se poi certo, se i Lions dovessero fare i playoffs… crediamo che nessuno vorrà incontrarli.

L’UOMO IN FORMA

Roman Cervenka

Ha saltato buona parte di Regular Season per infortunio ed evidentemente le sue prestazioni non possono ancora essere strappa applausi. Però segna… e soprattutto fa segnare. In questo momento, gli ZSC Lions necessitano disperatamente di reti e l’attaccante Ceco può dare una grande mano a riguardo. Anche a Ginevra, evidentemente. Poi certo, anche Patrick Geering giocherà un ruolo cruciale… non fosse altro che per far capire a tutti cosa vuol dire davvero giocare per lo Zurigo!

PERCHÉ LO ZURIGO FARÀ I PLAYOFFS

Perché la squadra è abbastanza forte per farli. Punto. La Regular Season è andata male… ma i Lions hanno esperienza, mentalità vincente e talento. Tutte qualità che servono per vincere partite simili. E tutte qualità che renderebbero i Lions una vera e propria mina vagante nei playoffs. Insomma, c’è la possibilità di salvare la stagione. Credete che lo Zurigo voglia buttarla al vento?


Beh, che altro dire?! La partita che si giocherà a les Vernets promette di essere puro spettacolo. Pura adrenalina. Pure emozioni! Non vediamo l’ora dell’ingaggio d’inizio… ed a questo punto, crediamo che anche le squadre non vedano l’ora di scendere in pista e tagliare definitivamente la testa al toro.

Buona fortuna, Aquile e Leoni!

Advertisement