Advertisement

12a Settimana – 17.12.2018 – 23.12.2018

Vediamo quali sono i nostri ultimi TOP & FLOP dell’ultima settimana di hockey giocato nel 2018!


LA SQUADRA DELLA SETTIMANA

L’Ambrì-Piotta ha vissuto un’ottima settimana pre-Natalizia sia in termini di risultati – 2 vittorie, 1 sconfitta – sia in termini di prestazioni!

La truppa di Cereda insomma, non smette veramente di stupìre e si conferma partita dopo partita una splendida realtà! Una realtà che deve ancora crescere, certo… ed in tal senso, l’ingenuo modo in cui è stata persa l’ultima partita a Davos lo dimostra. Ma una realtà che promette molto bene sia per il presente – vedi attuale 4° posto in classifica – ma anche e soprattutto per il futuro!

Questa settimana i Leventinesi sono andati dapprima ad imporsi per 4-3 dopo tempi supplementari a Zurigo… una partita durante la quale anche un po’ di fortuna (di quella che aiuta gli audaci, sia chiaro!) ha dato una mano. Poi hanno fornito una prestazione spettacolare contro il Berna che è valsa una meritata quanto bella vittoria per 4-1. Infine, si sono recati a Davos… dove fino a 3 minuti dal termine della partita, sembravano sul punto di concludere la settimana con un favoloso en-plein.

Advertisement

Non è successo. Poco male. Anzi, paradossalmente può anche essere uno schiaffo salutare.

Perché siamo certi che sin da subìto dopo le feste la truppa di Luca Cereda tornerà a fare quello che gli riesce meglio. Ossìa: lavorare, lavorare e ancora, lavorare! Sia dentro che fuori dal ghiaccio.

Attualmente ad Ambrì si respira un entusiasmo davvero contagioso. La squadra tutta, lo staff tecnico, la dirigenza ed i tifosi sembrano un tutt’uno come non succedeva da tempo immemore. Sembrano insomma essere finalmente, dopo anni, una grande e bella famiglia!

Una famiglia pronta a festeggiare un Natale dove il regalo è già stato scartato il 23 di Dicembre guardando la classifica ed il 4° posto… ed un Natale da festeggiare anche pensando al primo “virtuale” colpo di piccone che ha dato il “la” ai lavoro per la costruzione della nuova Valascia. Un colpo di piccone che, di fatto, garantirà la sopravvivenza del club.

Un club che ora deve restare con i piedi per terra. Noi crediamo ciecamente a Luca Cereda quando dichiara che l’obiettivo resta la salvezza. E siamo pure d’accordo con lui!

Ogni squadra deve essere ambiziosa, e l’Ambrì-Piotta non fa eccezione. Avanti così, poi tutto quanto arriverà di più (i playoffs?) non sarà altro che il raccoglimento dei frutti per il duro lavoro.

Buon Natale!

LE TRE STELLE DELLA SETTIMANA

Henrik Tömmernes (Ginevra Servette HC)

Il Ginevra Servette ha avuto una settimana molto positiva e di fatto, ai nostri occhi, si è contesa il “titolo” di squadra TOP della settimana con l’Ambrì-Piotta. Le Aquile hanno fornito due ottime prestazioni e mezza… prestazioni che hanno portato a due vittorie contro Losanna e Zugo ed alla sconfitta rimediata in rimonta a Bienne.

La truppa di McSorley ha messo in mostra uno spirito combattivo che non è a secondo a nessuno. Questa settimana poi, qualche infortunato di qualità è finalmente rientrato… e questo ha aiutato a tramutare le belle prestazioni in punti.

Henrik “il marziano” Tömmernes è uno di quelli! Ma quanto diavolo è mancato al Ginevra Servette questo giocatore?! Le sue partite sono state a dir poco eccezionali. Leadership… qualità… quantità… giusta attitudine… Insomma, questo difensore Svedese ha davvero tutto! E sta facendo capire perché, durante l’estate 2017, mezza Europa lo voleva nella sua squadra.

Toni Rajala (EHC Bienne)

Toni Rajala è in grande forma… niente di nuovo. Il funambolico attaccante Finlandese del Bienne dimostra di partita in partita di essere uno degli stranieri più performanti – ed impressionanti – della National League.

Prendiamo questo fine settimana per esempio… Diciamo la verità, in termini di prestazioni il Bienne non ha particolarmente brillato. In casa contro il Ginevra Servette ha vinto 5-3 in rimonta soprattutto grazie ad una grande prestazione nel terzo periodo. A Lugano poi, la vita è stata dura ma ciò nonostante la squadra è rimasta a galla fino alla fine ed ha conquistato un punto.

Parte del merito di questi 4 punti va a Toni “on fire” Rajala! Contro il Ginevra Servette ha segnato 2 reti mentre a Lugano – durante i rari momenti di pressione offensiva – è riuscito a fare ancora meglio segnando altre due reti e mettendo a referto pure un assist!

Certo, anche lui così come tutta la squadra ultimamente non è continuo per tutti i 60 minuti. Ma basta dargli un disco che lui ti può cambiare una partita da solo. Questo fa di lui un fuoriclasse!

Maxim Lapierre (HC Lugano)

Il Lugano è finalmente tornato a vincere due partite consecutive… ed è finalmente tornato a vincere in trasferta a circa due mesi di distanza. In altre parole, i Bianconeri questo fine settimana hanno conquistato 5 punti che fanno un dannato bene proprio alla vigilia di Natale!

Come spesso accade, il Lugano quando si trova con le spalle al muro… si rialza e mostra tutto il meglio di sé in termini di carattere e determinazione. Questi ultimi due aggettivi, ben si addicono a Maxim Lapierre. Il quale, in queste ultime due partite, è stato fondamentale.

Dapprima a Langnau ha segnato il cruciale gol dello 0-2 – poco dopo un gol incomprensibilmente annullato a Fazzini – grazie ad una determinazione fuori dal comune. In casa contro il Bienne poi, ha messo a referto due assists, ma soprattutto ha indicato la via ai compagni grazie alla sua incredibile leadership.

Insomma, quando i giochi si fanno duri – o complicati, fate voi… – i duri cominciano a giocare. Maxim Lapierre è un duro… può fare ancora meglio di così ma è uno di quelli che può davvero fare la differenza. In tutti i sensi!

LA MENZIONE SPECIALE PER… COME RESUSCITARE UNO STAMBECCO

Harijs Vitolinsh (Allenatore, HC Davos)

Harjis Vitolinsh è arrivato durante la settimana a Davos con la missione di risollevare le sorti degli Stambecchi ed aiutarli a mantenere il posto nella categoria. Ma soprattutto, con la missione di risollevare gli animi dei giocatori…

Beh, ovviamente ci vorrà del tempo per valutare il suo lavoro. Ma il buon Harijs qualcosa ha già fatto. Ossìa, ha fatto uscire il carattere dei giocatori!

Il Davos ha vinto due partite consecutive per la prima volta dopo la fine di Settembre ed è tornato a vincere in casa dopo il 25 di Settembre… dapprima ha vinto a Friborgo e poi in casa contro l’Ambrì-Piotta dopo rigori.

In entrambi i casi, si è trattato di due vittorie di carattere. Proprio quello che sembrava mancare agli Stambecchi… insomma, come resuscitare uno Stambecco in pochi giorni!

Buon lavoro!

LA MENZIONE SPECIALE PER… QUELLO CHE VERRÀ

Nuova pista Valascia

Dedicheremo un articolo alla nuova Valascia prossimamente… un bene o un male? L’Ambrì-Piotta, sarà la stessa cosa oppure no? Insomma, era davvero necessario?

Risposta immediata e pragmatica. Sì. Anzi, non solo era necessario, ma era il primo passo FONDAMENTALE per garantire la sopravvivenza del club ai massimi livelli!

Certo, l’ambiente della vecchia Valascia mancherà molto ed un po’ di romanticismo verrà perso. Ma ormai lo sport professionistico moderno non può fare i conti con il romanticismo. Pertanto, ottimo lavoro Ambrì-Piotta!

LA SORPRESA

Michael Hügli (EHC Bienne)

Michael Hügli è un attaccante 23enne che ha passato le sue ultime 3 stagioni con il Rapperswil in LNB. Il giovane comunque è un talento certo… e non per niente, durante la stagione 2013-14, aveva già collezionato 9 presenze in LNA (0 punti) con la maglia dello Zugo.

Quest’anno, pian piano si sta ritagliando il suo spazio nella rosa del Bienne e diventa sempre di più una piacevole sorpresa.

Sabato sera contro il Ginevra Servette poi, ha segnato una fondamentale e bellissima doppietta che è valsa la vittoria alla squadra!

Insomma, bravo Michael! Continua così!

LA DELUSIONE

SC Rapperswil-Jona Lakers

Nooo, caro Rapperswil… ci hai “fregato” proprio nella settimana pre-Natalizia.

Ultimamente eravamo davvero felici di poter annotare i tuoi progressi. I risultati d’altra parte, parlavano da soli. Questa settimana tuttavia, non ci lasci scampo… dobbiamo nominarti quale delusione.

I Lakers hanno dapprima perso in casa contro il Langnau per 0-6 ed in seguìto sono andati a perdere a Zugo per 1-5. Passino i risultati… ma il problema è che, in entrambe le partite, i boys di Jeff Tomlinson non hanno mai dato l’idea di poter tener testa ai loro avversari.

Insomma, dopo i progressi delle ultime settimane… tutto sembra essere andato nuovamente a ramengo.

Benvenuta pausa Natalizia dunque… una pausa che deve servire per riordinare le idee e prepararsi al meglio per i playout. La missione salvezza, non è una missione impossibile.

Auguri, cari Lakers. E buona fortuna.

Advertisement