Advertisement

11a Settimana – 03.12.2018 – 09.12.2018

Vediamo quali sono i nostri TOP & FLOP della prima settimana!


LA SQUADRA DELLA SETTIMANA

Sin da inizio stagione, quando si parla di Zugo si parla prevalentemente di mercato. Tra arrivi e partenze, sembra quasi ci si dimentica che c’è pure una stagione in corso… una stagione durante la quale lo Zugo sta giocando un ruolo da protagonista!

La banda di Dan Tangnes non ha ancora trovato una vera e propria continuità. Ma è importante sottolineare come dal punto di vista delle prestazioni i Tori stanno crescendo parecchio.

L’impressione è quella che il nuovo allenatore Norvegese stìa facendo un ottimo lavoro. Nelle ultime partite infatti, lo Zugo non solo ha ottenuto ottimi risultati ma ha pure messo in mostra un hockey accattivante, offensivo e pure efficace!

Advertisement

I Tori sono attualmente al secondo posto in classifica ma hanno una partita in meno rispetto alla capolista Berna… in altre parole, sono virtualmente al primo posto. Questo non è un caso ma il frutto di un duro ed intenso lavoro che viene evidentemente fatto sul ghiaccio e fuori.

In tal senso, anche l’allenatore Dan Tangnes merita un grande applauso. Noi personalmente non lo conoscevamo ma stiamo imparando a conoscerlo e ad apprezzarlo… È riuscito in un tempo relativamente breve ad adattarsi alla National League ed a creare una squadra dannatamente solida in difesa. È riuscito in un tempo relativamente breve ad immedesimarsi nella realtà di Zugo e della EVZ Academy.

Insomma, ottimo lavoro!

La speranza è che da adesso in poi ci si possa finalmente concentrare unicamente su quello che accade SUL ghiaccio e non fuori. Tutto questo parlare di mercato lo troviamo personalmente odioso… Foss’anche solo per rispettare chi nello Zugo gioca in questo momento.

Perché intendimoci, lo Zugo è un’ottima squadra! Una squadra a cui pare sempre mancare qualcosa per arrivare davvero fino in fondo. Ma… e se quel qualcosa lo avessero trovato questa stagione?

Insomma, va bene la prossima stagione. Ma c’è prima questa da portare a termine. E lo Zugo può certamente giocare un ruolo da protagonista assoluto.

Avanti così, Tori!

LE TRE STELLE DELLA SETTIMANA

Melvin Nyffeler (SC Rapperswil-Jona Lakers)

Il Rapperswil era atteso da un week-end d’inferno… causa un assurdo calendario infatti, la neo-promossa ha dovuto affrontare il Berna due volte nel giro di 24 ore. Mica noccioline…

Ebbene, i Lakers a livello di risultati ne sono usciti tutto sommato a testa alta. Due sconfitte entrambe di misura per 2-1. Questo soprattutto grazie a Melvin Nyffeler, il quale ha avuto l’ingrato compito di fungere – per lunghi tratti – da punchball.

Il buon Melvin probabilmente in questo momento starà contando i lividi sul suo corpo generati dall’infinità di tiri ricevuti (72 in 2 partite, con una percentuale di parate del 94.4%!)… Noi invece in questo momento ne approfittiamo per sottolineare come questo portiere stìa davvero dimostrando di meritarsi un posto in National League!

È ormai certo, il Rapperswil farà anche fatica… ma può contare su un portiere estremamente solido. E questo – unito al fatto che ora c’è pure più qualità – potrebbe fare la differenza a lungo andare per salvare il posto in National League.

Harri Pesonen (SCL Tigers)

Il Langnau continua il suo campionato ad alti livelli. Questa settimana ha dapprima dominato e vinto 3-0 contro il Ginevra Servette ed in seguìto ha giocato una buona partita che, purtroppo per loro, non è però bastato per evitare una sconfitta 3-4 dopo rigori in casa contro lo Zurigo.

In entrambe le partite ad ogni modo, Harri Pesonen ha lasciato il segno!

Dapprima contro le Aquile ha segnato una doppietta nel giro di 50 secondi che ha deciso la partita. Contro i Lions poi, è stato tra i migliori in pista ed ha pure segnato il gol del temporaneo 2-0.

Insomma, di partita in partita, Harri Pesonen si dimostra l’uomo giusto al posto giusto nel momento giusto. Sta facendo letteralmente ricredere i tifosi del Langnau, i quali alla vigilia della stagione non era propriamente entusiasti del suo arrivo…

Li sta facendo ricredere grazie ai punti messi a referto, certo. Ma soprattutto, li sta facendo ricredere grazie al suo carisma, al suo impegno ed alle sue prestazioni che nella maggior parte dei casi sono di altissimo livello.

Bravo, Harri!

Dominic Zwerger (HC Ambrì-Piotta)

L’Ambrì-Piotta ha vissuto un week-end agrodolce… dapprima ha perso il derby a Lugano per una sorta di “blocco” psicologico che gli impedisce di fare bene a sud del Ceneri. In seguìto tuttavia, appena 24 ore dopo ha rialzato la testa ed ha vinto meritatamente il secondo derby per 3-1!

In entrambe le partite, Dominic Zwerger ha lasciato il segno. Alla Cornèr Arena ha segnato il bellissimo gol “della speranza” nonostante il Lugano ha bloccato la sua linea alla perfezione… il giorno successivo poi, sempre nonostante il fatto che il Lugano ha contenuto bene la sua linea, Dominic ha segnato il cruciale gol del 3-1 “in solitaria” a 2 minuti dal termine!

Dominic non smette di stupìre… ha vissuto alcune settimane durante le quali non era al meglio ma ora è tornato a brillare. Inoltre, non solo ha indubbie qualità che lo rendono uno degli attaccanti più pericolosi della lega… no, Zwerger sta pure dimostrando di essersi perfettamente immedesimato nella realtà “Ambrì-Piotta”.

E per i tifosi, quest’ultimo fattore, ha un’importanza particolare e certamente non secondaria.

Avanti così, Dominic!

LA MENZIONE SPECIALE PER… GUARDA CHI SI (RI) VEDE

Christoph Bertschy (Losanna HC)

A Losanna si iniziava quasi a criticare Christoph Bertschy, il quale non sta rendendo come ci si aspettava. Non bisogna tuttavia dimenticare che il 24enne Svizzero era in Nord America ormai da 3 stagioni… insomma, un certo periodo di (ri) adattamento era da prevedere.

Ad ogni modo, questa settimana ha dimostrato di essere in grande crescita! Il Losanna ha giocato una sola partita è l’ha vinta nettamente per 7-1 contro i “cugini” del Ginevra Servette. Ebbene, durante questa partita, Christoph Bertschy ha brillato grazie ai 3 punti messi a referto (1 gol, 2 assists).

Ma soprattutto, è sembrato finalmente giocare in maniera più “gioiosa”. E questa forse, in vista del futuro, è la cosa più importante. Dai, Christoph!

LA MENZIONE SPECIALE PER… TELENOVELA FINALMENTE FINITA

Gregory Hofmann (HC Lugano)

Finalmente la telenovela è finita… finalmente si sa dove Gregory Hofmann giocherà la prossima stagione.

I tifosi del Lugano forse non si sono ancora lasciati alle spalle la delusione per il fatto che il loro “beniamino” giocherà la prossima stagione con lo Zugo. Gregory invece, sembra essersi già messo alle spalle il trasferimento e dimostra di essere un professionista fino alla fine.

Il Lugano non ha giocato due grandi partite contro l’Ambrì-Piotta. Gregory Hofmann tuttavia, ha dimostrato che mancherà dannatamente al Lugano.

Ha dimostrato insomma di essere un professionista con la P maiuscola. Poi se questo è un bene o un male, lo lasciamo giudicare a voi.

Del resto, la nostra opinione su questi assurdi trasferimenti annunciati durante la stagione la abbiamo pubblicata alcuni giorni or sono… di seguito, il link al nostro articolo:

“National League – Trasferimenti… non stiamo forse un po’ esagerando?”

LA SORPRESA

Ginevra Servette HC… a Zurigo.

Il Ginevra Servette è falcidiato dagli infortuni… al punto che viene da chiedersi se non sia bene, durante questa pausa internazionale, farsi un giretto fino a Lourdes.

La truppa di McSorley è stata dominata sia a Langnau martedì sera che a Losanna venerdì sera. Ma poi che ti combina? Che, sempre in tema di “miracoli”… risorge il sabato sera a Zurigo e fornisce la prestazione difensivamente perfetta!

Ma quanto è bello, divertente, e pure imprevedibile… l’hockey su ghiaccio?!

LA DELUSIONE

ZSC Lions

Gli ZSC Lions non decollano, niente da fare. La squadra sembra mancare terribilmente di fiducia e, con tutto il rispetto, sembra ingabbiata in uno schema che impedisce agli innumerevoli giocatori di talento di fare la differenza.

La truppa di Serge Aubin è attualmente sotto la riga e non è un caso.

L’impegno di certo non manca. I giocatori ci provano. Ma le prestazioni, indipendentemente dai risultati, sono deludenti nella gran maggioranza dei casi.

Insomma, come proprio gli ZSC Lions hanno dimostrato… ci si può pure qualificare per i playoffs all’ultimo e poi essere incoronati Campioni Svizzeri. La realtà tuttavia, è che non sempre questo accade. La realtà tuttavia, è che il tifoso “paga” per seguire la sua squadra per 6 mesi e non per 6 settimane…

E la realtà è anche che, visto il roster, da questa squadra ci si attendeva molto di più.

Poi certo, siamo certi che nei playoffs questa squadra diventerà terribile. Ma è meglio iniziare ad ingranare in fretta… Forza e coraggio, Lions!

LA DELUSIONE 2

Il calendario

Lugano – Ambrì-Piotta, Rapperswil – Berna e Friborgo Gottéron – Bienne si sono affrontate due volte nel giro di 24 ore…

Zugo e Davos hanno fatto anche “meglio”… hanno dovuto affrontarsi due volte nel giro di 18 ore…

Attualmente, la classifica dice che 3 squadre hanno giocato 24 partite… 4 squadre hanno giocato 25 partite… 3 squadre hanno giocato 26 partite… e 2 squadre hanno giocato 27 partite…

No, non ci siamo proprio. Tutto ciò, è ridicolo. Ne avevamo parlato alcuni giorni or sono… trovate al seguente link il nostro articolo:

“National League – Qualche parola sull’assurdo calendario…”

Advertisement