Advertisement

Il 14 di Novembre i club voteranno per portare da 4 a 6 il numero di stranieri… voi, cosa ne pensate?

Come sempre in questi casi, la gente è divisa. C’è chi dice che tutto va bene così. C’è chi dice invece che il cambiamento sarebbe positivo. E tutti, in un modo o nell’altro, hanno le loro ragioni e sono pure valide.

Detto questo, abbiamo voluto cercare di individuare alcuni motivi per cui il cambiamento sarebbe positivo ed alcuni motivi per cui il cambiamento sarebbe negativo.

Ma prima di tutto, vorremmo fare una premessa…

Detto tra i denti… crediamo che ci siano problemi più importanti al momento attuale. Tipo quello di stilare un calendario sensato. Ed anche, se non soprattutto, quello di fissare delle finestre di mercato per i trasferimenti. Ed eventualmente discutere di tetto ai salari. Foss’anche solo a mo’ di “gentlemen’s agreement” proprio come sta succedendo con il numero di stranieri.

Advertisement

Bene, premessa finita. Noi personalmente, non cambieremmo il sistema attuale. Me cerchiamo di avere una visione d’insieme e vedere perché sarebbe positivo e perché sarebbe negativo.

I MOTIVI PER CUI… SAREBBE POSITIVO

Per contenere la crescita dei salari dei giocatori Svizzeri.

Almeno in teoria, ed almeno inizialmente, aumentare da 4 a 6 il numero di stranieri dovrebbe far diminuire i salari dei giocatori Svizzeri. E questo, si dica quel che si vuole, è un bene.

I club al giorno d’oggi sono costretti a confrontarsi con le rischieste sempre più esose dei giocatori e, soprattutto, dei loro agenti. Tuttavia, è la legge del mercato.

Del resto al mondo d’oggi, i soldi – purtroppo, sigh – sono tutto. Il romanticismo passa in secondo piano. Gli affari, del resto, sono affari. E noi questa frase la detestiamo…

Per far aumentare il livello della National League

Teoricamente, e ripetiamo, teoricamente, il livello dovrebbe aumentare.

Non giriamoci tanto intorno, molti dei giocatori stranieri che arrivano in National League hanno una marcia in più. Se non a livello tecnico, a livello di grinta, determinazione e professionalità. Foss’anche solo perché da giovani hanno avuto una vita meno “agiata” o perché hanno dovuto sgomitare come matti nelle sezioni giovanili per farsi strada.

Il livello attuale della National League è molto alto. Con ulteriori stranieri, il livello aumenterebbe ancora. A vantaggio anche dei giocatori “di casa nostra”.

I giovani talenti parte 1

Si dica quel che si vuole. I giovani talenti troveranno sempre spazio. Piuttosto, saranno i meno talentuosi a rischiare di scomprarire…

Inoltre, come abbiamo detto poco fa, i giocatori stranieri hanno una marcia in più. E di questo ne beneficerebbero pure i giovani talenti Rossocrociati. I quali potranno allenarsi e giocare con giocatori di grande livello. E di conseguenza, crescere ancora di più.

Infine non dimentichiamoci che i nostri migliori giovani talenti già oggi scelgono di andare in Nord America piuttosto presto. E che la nostra Nazionale, ha ottenuto i migliori risultati quando ha potuto contare sui giocatori della NHL. Ossia, giocatori che in National League già oggi non ci sono.

I MOTIVI PER CUI… SAREBBE NEGATIVO

I costi…

Ok, da una parte i salari dei giocatori Svizzeri dovrebbero abbassarsi. Ma ragazzi, siamo poi sicuri che i costi complessivi diminuiranno?

Lasciamo da parte questioni legate alle tasse o all’imposta alla fonte…

Quello che vogliamo dire è: uno straniero di un certo livello costa. E costa parecchio! Il rischio è di riempire la National League di stranieri mediocri… senza dimenticare che già oggi le squadre con budget minori faticano a trovare 4 stranieri di un certo livello. Trovarne 6, sarebbe quasi impossibile!

Insomma, viene da credere che i club più ricchi saranno sempre più forti. Mentre i club più poveri saranno sempre più deboli.

I giovani talenti parte 2

I giovani più talentuosi troveranno sempre spazio. Ma quelli a cui magari serve fare esperienza per sbocciare definitivamente, rischiano di scomparire dai radar. Con tutti i contro che ciò comporta sia per la National League che per la nostra Nazionale Rossocrociata.

Il problema più grande poi, sarebbe che molto probabilmente le squadre si affiderebbero quasi solo agli stranieri per le situazioni speciali. Senza dimenticare che molte squadre assumerebbero portieri stranieri.

Insomma, i giocatori della NHL non possono sempre raggiungere la Svizzera per i Campionati del Mondo. Il rischio è dunque che la nostra Nazionale si trovi spesso e volentieri con giocatori che nei loro rispettivi club hanno poche responsabilità.

Il sistema attuale

Il sistema attuale funziona piuttosto bene. Perché cambiarlo? Si può sempre migliorare, certo. Ma la Svizzera a livello hockeystico ha raggiunto un livello invidiabile!

Non giriamoci troppo intorno e non vendiamo false illusioni… pensare di rivaleggiare ad armi pari con le grandi sei nazioni – Canada, Stati Uniti, Svezia, Finlandia, Russia, Repubblica Ceca – è pura utopìa.

Ma dietro a queste sei grand Nazioni la Svizzera ha trovato la sua collocazione ideale. Senza dimenticare che negli ultimi anni ha pure dimostrato di saper fare meglio di loro in diverse circostanze.

Vero che la Germania ha vinto un argento Olimpico pur avendo una politica di stranieri nella DEL piuttosto “libera”. Ma detto onestamente, quello dei Tedeschi è stato un vero e proprio “exploit”. Mentre i risultati della Svizzera negli ultimi anni sono stati costanti.

Quindi ancora, e per finire, perché cambiare un sistema che – pur se migliorabile, come tutto nella vita – ha dimostrato di funzionare?

Advertisement