Advertisement

La prima pausa internazionale è probabilmente il primo momento durante il quale ci si può fare una prima idea su come si stanno comportanto le squadre. Vi presentiamo pertanto le nostre analisi delle 12 squadre di National League.

Oggi è il turno del…

SC RAPPERSWIL-JONA LAKERS

“Non c’è da stupirsi più di quel tanto. Si sapeva che sarebbe stata dura.”

Il Rapperswil-Jona è tornato in National League dopo un inferno durato tre stagioni passate in LNB. E per quanto visto fino ad ora, c’è il rischio che l’avventura nella massima serie possa durare una sola stagione.

Si sapeva che sarebbe stata dura. Ma che i Lakers arrivassero alla vigilia della prima pausa internazionale con la quasi certezza di essere costretti a fare i playout? Noi perlomeno ci aspettavamo che la squadra potesse conquistare più dei 7 punti fino ad ora conquistati… Non foss’altro che per l’entusiasmo dovuto alla promozione che, almeno inizialmente, avrebbe dovuto ridurre il “gap” tecnico con le altre squadre.

Advertisement

La realtà invece è che i boys di Tomlinson sono attualmente all’ultimo posto in classifica a ben 17 punti dal Lugano attualmente 8° in classifica… troppi anche per solo sperare in una rimonta.

Da una parte si potrebbe anche dire che non tutto il male vien per nuocere. O meglio. I Lakers potranno sin d’ora iniziare a prepararsi per i playout per poi salvarsi il più in fretta possibile. E questo potrebbe fare la differenza il prossimo mese di Marzo 2019… Ma ai tifosi questo è difficile da spiegare e/o da fare accettare.

Ed è un peccato. Proprio perché i tifosi – al netto delle basse affluenze fatte registrare alla St. Galler Kantonalbank Arena – sono una delle cose che “hanno funzionato” fino ad ora.

Vediamo dunque… cosa ha funzionato e cosa non ha funzionato a nostro modesto parere.

COSA HA FUNZIONATO

L’attitudine

Spesso e volentieri il Rapperswil ha messo in mostra un’attitudine positiva. Non si può insomma certo rimproverare l’impegno ai boys di Tomlinson… i giocatori infatti, ci hanno quasi sempre messo l’anima in ogni cambio. E, pur con i loro limiti, sono pure riusciti in più di una circostanza a mettere in difficoltà i loro avversari a livello di intensità.

Il portiere

Melvin Nyffeler era considerato un punto di forza della squadra. A giusta ragione. Il 23enne estremo difensore infatti, ha spesso fornito prestazioni eccezionali ed ha tenuto a galla la squadra. Purtroppo troppo spesso è stato lasciato veramente un po’ troppo solo… ma di certo ha dimostrato di essere un portiere all’altezza della National League.

I tifosi

Vero che questo fattore non ti fa conquistare punti ma…

Le affluenze durante le partite casalinghe sono diverse volte state molto, troppo, basse. Questa squadra avrebbe meritato di più. Tuttavia, i tifosi non hanno fatto mancare il loro apporto! Sia in casa che in trasferta infatti, hanno incitato la squadra a squarciagola dall’inizio alla fine indipendentemente dal risultato. È davvero un bello spettacolo ed un bel messaggio per lo sport!

COSA NON HA FUNZIONATO

La qualità

Inutile girarci intorno. Il Rapperswil ha la squadra in assoluto più debole della lega in termini di qualità. I Lakers sono volonterosi ma non basta. Mancano almeno alcuni elementi di qualità che possano aiutare la squadra a gestire meglio le situazioni complicate e ad aumentare il livello della rosa a disposizione di Jeff Tomlinson. In tal senso, è giusto tuttavia sottolineare come la neo-promossa sia stata pure sfortunata… gli elementi che dovevano aiutare a fare il salto di qualità infatti – Matt Gilroy e Casey Wellman – hanno avuto problemi fisici praticamente sin dall’inizio.

L’attacco

Se manca la qualità, è veramente difficile buttare quel maledetto dischetto in rete. Il Rapperswil è quasi sempre riuscito a crearsi buone occasioni da rete durante le partite… ma poi la qualità dei tiri è stata spesso e volentieri pessima. È vero che la mancanza di fiducia generata dalle numerose sconfitte ha un impatto nella precisione sotto porta… ma la percentuale realizzativa dei Lakers attualmente vale la LNB.

La mentalità

C’è come l’impressione che complessivamente la squadra ancora non abbia del tutto capito che si trova in Lega Nazionale A. Spesso e volentieri infatti, il Rapperswil fornisce prestazioni almeno in parte discrete… ma poi, nei momenti chiave delle partite, sembra andare nel panico. Specialmente quando gioca in trasferta. Insomma, non sono più in LNB dove le cose a volte potevano anche date per scontate.

IL GIOCATORE PIÙ IN FORMA

Melvin Nyffeler

Lo abbiamo già nominato poche righe or sono. Melvin Nyffeler è in grande forma! Se ne era sempre parlato bene… ed ha confermato di avere il livello per la National League. Forse gli manca ancora un po’ di continuità, ma bisogna ammettere che per lui la situazione è davvero complicata. Spesso e volentieri infatti, viene veramente lasciato un po’ troppo solo al suo destino. Ma ciò nonostante, spesso e volentieri riesce a tenere a galla la squadra quasi da solo grazie ai suoi interventi!

LA SORPRESA

Martin Ness

Martin Ness aveva già alle spalle oltre 100 presenze in LNA… ed è pertanto da essere considerato tra gli elementi più esperti del Rapperswil in tal senso. Detto questo, il 25enne ex Friborgo Gottéron e Berna ci ha sorpreso in positivo. Al di là del fatto che è il Top Scorer della squadra – pur se con soli 5 punti in 16 partite! – ci mette sempre l’anima ed è uno dei trascinatori!

STATISTICHE

Gol Segnati & Gol Subìti (rispetto alla media di NL)

Il Rapperswil ha segnato 19 gol ed ha di gran lunga il peggior attacco della National League. Allo stesso tempo, ha subìto 52 reti ed ha la seconda peggior difesa. Solamente il Davos (62) ha fatto peggio.

Andiamo a vedere come sono state distribuite queste reti sull’arco della partita.

Gol Segnati & Gol Subìti per 10’

Il Rapperswil ha subìto davvero troppe reti nei primi 10’ di gioco… in ben 9 partite su 17 infatti, i Lakers hanno subìto 1 gol nei primi 10 minuti. Questo significa che una volta su due, i boys di Tomlinson iniziano con l’handicap di dover recuperare un gol di scarto sin dall’inizio. Ed è un problema. Si torna poi al fattore “mentale”. Il Rapperswil, che solamente nei primi 10 minuti di terzo periodo segna tendenzialmente più dei suoi avversari, subìsce parecchie reti nei momenti chiave. Ossia: nelle prime fasi di partita, nella seconda parte di periodo centrale e nelle fasi finali delle partite.

Tiri in Porta & Tiri Subìti in Porta

Il numero di tiri in porta del Rapperswil è sotto la media della National League. Di fatto i Lakers, con il Lugano, sono la squadra che tirano meno in porta in assoluto. Il numero di tiri subìti è pure sopra la media della lega… di fatto solamente il Losanna (589) ha subìto più tiri dei Lakers.

Andiamo a vedere come sono stati distribuiti i tiri sull’arco dei tre periodi di gioco.

Tiri in Porta & Tiri Subìti in Porta per periodo di gioco

In tutti e tre i periodi di gioco il Rapperswil subìsce più tiri di quanti ne scaglia. Il divario più grande è nel periodo centrale… Mentre il divario minore è nel terzo periodo. Ma bisogna dire che, nella maggior parte dei casi, ora del terzo periodo ormai i Lakers già sanno di aver perso la partita.

Percentuale Realizzativa & Percentuale Parate

Percentuale Realizzativa

Il Rapperswil ha, semplicemente e di gran lunga, la percentuale realizzativa più bassa della National League. Basti pensare che il Davos penultimo in tal senso, ha una percentuale realizzativa del 6.5%.

Percentuale Parate

La percentuale di parate è più bassa rispetto alla media di National League. Ma è comunque superiore al 90.0%. E come abbiamo detto in precedenza, spesso e volentieri Melvin Nyffeler è lasciato un po’ solo al suo destino.

Power-Play & Penalty-Killing

Power-Play

Il Rapperswil ha il secondo peggior power-play della National League. Solamente il Lugano ha fatto peggio (7.5%). Inoltre, i Lakers sono stati la squadra che ha subìto più gol durante le situazioni di superiorità numerica… 4! Ovviamente per avere un power-play efficace, una maggior qualità dei giocatori – ed una maggior precisione – aiuterebbe.

Penalty-Killing

Il Rapperswil, anche grazie all’aiuto del portiere, non si comporta male in inferiorità numerica. Di fatto, i Lakers hanno il 4° miglior box play della National League. Solamente Zugo, Langnau e ZSC Lions hanno fatto meglio.

CORSI Index & PDO

CORSI Index (PP, PK, Inclusi)

L’indice Corsi del Rapperswil è del 47.1% ed è il secondo più basso della National League. Di fatto, solamente il Davos (46.8%) ha un “possesso” del disco inferiore.

PDO

Il PDO del Rapperswil è del 95.1 e questa, ipoteticamente, è una buona notizia in quanto dovrebbe essere destinato ad aumentare nel corso della stagione.

IL FUTURO…

A meno di improbabili cataclismi, il Rapperswil giocherà i playout. E molto probabilmente, si giocherà pure la finale di essi. Con la speranza, ovviamente, di vincerla ed evitare un pericolosissimo spareggio promozione/retrocessione.

Come abbiamo già detto in precedenza, il Rapperswil ha dunque il “vantaggio” di potersi preparare sin d’ora per la fase più importante della stagione. Il che non è forzatamente un male…

Tuttavia la squadra deve migliorare. La buona volontà siamo certi che non mancherà mai. L’organizzazione neppure, Jeff Tomlinson è un ottimo allenatore dopo tutto.

Inoltre c’è la speranza che, con il passare delle partite, la squadra si adatti sempre più al livello della National League per togliersi almeno qualche soddisfazione. Già, perché potersi preparare per i playout è un conto… ma per farlo al meglio, bisogna farlo con il morale alto. Ed il morale alto, lo si ha quasi solamente con le vittorie ed i buoni risultati.

Auguri per il resto della stagione, Rapperswil!

Advertisement