Advertisement

Vediamo quali sono i nostri TOP & FLOP della settimana!


LA SQUADRA DELLA SETTIMANA

Lucerna e Zurigo hanno dato vita ad una partita spettacolare… una partita vinta dallo Zurigo grazie alla maggior qualità complessiva della rosa a disposizione di Magnin!

Il calcio è strano. Lo Zurigo, pur essendo attualmente al terzo posto in classifica, non vinceva da ben 4 partite (3 pareggi, 1 sconfitta). Ma soprattutto…

Lo Zurigo aveva segnato 10 reti nelle prime 10 partite di campionato e ne ha segnate ben 10 nelle ultime 3! Ed allo stesso tempo, aveva subìto 10 reti nelle prime 10 partite di campionato e ne ha subìte ben 8 nelle ultime 3!

Advertisement

La sensazione ad ogni modo è che questa squadra ha davvero molto potenziale. Lo dimostrano anche le eccellenti prestazioni fornite nell’ambìto della fase a gruppi di Europa League. E lo ha dimostrato anche la partita di Lucerna…

I boys di Magnin si sono dimostrati davvero molto determinati, molto precisi sotto porta e pure in buona forma fisica. Quest’ultimo fattore, unito alla qualità della squadra, gli ha permesso di vincere alla Swissporarena.

Dopo 60 minuti circa di battaglia infatti, il Lucerna è sembrato non averne più. E lo Zurigo ne ha approfittato per fare la differenza ed andare a conquistarsi 3 meritati punti.

Questa squadra sa giocare un buon calcio, lo ha dimostrato tante volte. Questa squadra ha tanta qualità, lo ha dimostrato una volta di più proprio questa domenica. Questa squadra ha pure ampi margini di miglioramento. Specie dal punto di vista della continuità. Sia tra una partita e l’altra che sull’arco dei 90 minuti di gioco.

Ma prestazioni come quella fornita a Lucerna, fanno capire che questa squadra ha potentialmente un futuro radioso. E prestazioni come quella fornita a Lucerna, valgono a nostro parere il titolo di miglior squadra della settimana!

Avanti così, Zurigo!

LE TRE STELLE DELLA SETTIMANA

Kevin Bua (FC Basilea)

Kevin Bua… l’eterna promessa. Il 25enne del Basilea, ha un potenziale immenso. È uno di quei giocatori davvero in grado di fare la differenza. Tuttavia, spesso e volentieri è stato sfortunato e ci ha pure messo del suo in quanto sembra fargli difetto la continuità.

Prestazioni come quelle offerte contro il Lugano tuttavia, fanno capire che questo giocatore è una gemma preziosa!

Ha segnato due reti – una su punizione – ha servito l’assist per il gol vittoria di van Wolfswinkel, ma soprattutto è stato una costante spina nel fianco della difesa del Lugano per tutti i 90 minuti di gioco!

Marcel Koller gli da fiducia e lui deve sfruttare questa occasione per far davvero decollare la sua carriera. Una carriera che può riservagli davvero tantissime soddisfazioni.

Raphaël Nuzzolo (Neuchâtel Xamax FCS)

Il Neuchâtel Xamax ha pareggiato a Thun. Un pareggio agrodolce… da una parte c’è la soddisfazione per aver ottenuto un punto su un campo difficile come la Stockhorn Arena. Dall’altra tuttavia, visto l’andamento della partita – lo Xamax era sotto per 0-1 e si era portato sul 2-1 – c’è quasi la sensazione che sia un punto perso.

Nell’insieme tuttavia, la prestazione dei boys di Decastel è stata buona. Specie nella ripresa e specie in termini di personalità e determinazione.

Questi ultimi due fattori, sono l’immagine di Raphaël Nuzzolo. L’attaccante e simbolo del Neuchâtel Xamax questa volta non ha segnato – ha servito l’assist per il gol del 2-1 di Charles-André Doudin – ma ancora una volta ci ha messo l’anima e si è rivelato essere davvero l’uomo in più della neo promossa. Un vero trascinatore!

Guillaume Hoarau (BSC Young Boys)

Non smetteremo mai di lodare Guillaume Hoarau… un giocatore impressionante!

Prendiamo l’ultima partita al Letzigrund contro il Grasshopper vinta dallo Young Boys per 3-0… L’attaccante Francese è stato praticamente sempre coinvolto nelle occasioni offensive. E, dopo averne sbagliata una qualcuna va detto, ha segnato al 51° minuto di gioco il suo 10° gol stagionale!

L’impegno non manca mai. La determinazione nemmeno. La classe poi?! Beh, ragazzi, quella è sotto gli occhi di tutti.

Nonostante in settimana lo Young Boys sarà impegnato in una delicatissima e difficilissima trasferta a Valencia nell’ambìto della Champions League, Guillaume non si è risparmiato. E, come spesso accade, è risultato essere protagonista.

Giù il cappello!

MENZIONE SPECIALE

Stephen Odey (FC Zurigo)

Ad un certo punto ad inizio stagione, Stephen Odey si è ritrovato ad essere praticamente l’unico vero attaccante a disposizione di Magnin… e forse ha anche sofferto un po’ la pressione per questo.

Ora invece, l’attaccante 20 Nigeriano può contare sull’apporto di altri giocatori offensivi di qualità. Ed in tale contesto emerge alla grande!

La sua prestazione a Lucerna è stata ottima. Ha segnato 1 gol ma soprattutto si è fatto notare per tutta la partita grazie alla sua velocità e capacità di gestire il pallone sopra la media. Un attaccante davvero forte, con un futuro radioso!

LA SORPRESA

La formazione di Gerardo Seoane (BSC Young Boys)

Come detto alcune righe or sono, lo Young Boys è atteso da un’importante trasferta a Valencia in settimana. Si poteva pertanto prevedere che Gerardo Seoane facesse un po’ di turnover al Letzigrund…

Ed invece, l’allenatore dello Young Boys ha dimostrato di non voler lasciar nulla d’intentato!

Contro il Grasshopper infatti, ha schierato praticamente la miglior formazione possibile! Onorando la Super League. Onorando l’avversario. E facendo capire che, per lui, la Super League non è finita quì!

LA DELUSIONE

FC Sion

Il Sion ha perso 0-1 in casa contro il San Gallo. Ci può stare dai…

Tuttavia i Vallesani ormai non vincono da 4 partite, durante le quali hanno conquistato solamente 2 punti. Ed hanno vinto solamente 1 partite delle ultime 10 giocate. Senza dimenticare che dall’arrivo di Murat Yakin, hanno conquistato in media la miseria di 0.71 punti in media a partita.

Se questo non fosse abbastanza tuttavia, c’è di peggio.

La prestazione contro il San Gallo è stata quasi disarmante. Raramente abbiamo visto un Sion così poco ispirato. Nemmeno la carica del Tourbillon è bastata per svegliare i giocatori dal torpore.

Il campionato è ancora lungo… e non si capisce bene se questo sia un bene o un male!

Il Sion deve trovare il modo di rialzarsi. Perché i tifosi hanno ormai perso la pazienza. Ma quello che è più grave, è che si stanno disaffezionando… e questo è triste. Specie pensando ad una piazza calda come quella Vallesana.

Forza e coraggio, Sion!

Advertisement