BSC Young Boys – Uno schiacciasassi che corre dritto verso il secondo titolo consecutivo!

0
136
Advertisement

Seconda pausa internazionale della stagione… il momento ideale per prendersi il tempo di analizzare, una per una, le 10 squadre di Super League. Per capire cosa ha funzionato e cosa non ha funzionato. Per vedere il giocatore più in forma e, ovviamente, per dare un sguardo ad alcune statistiche.

BSC YOUNG BOYS

C’è una sola parola che ci viene in mente per descrivere lo Young Boys visto all’opera fino ad ora nella stagione 2018-19: “Schiacciasassi”.

C’era una certezza ed un dubbio alla vigilia di questa stagione. La certezza era che questa squadra, sulla carta, è la più forte del campionato. Senza se e senza ma. Il dubbio poteva essere rappresentato dall’avvicendamento in panchina… Adi Hütter è partito per la Bundesliga ed è stato rimpiazzato da Gerardo Seoane. Quest’ultimo, giovane allenatore che ha fatto brillare il Lucerna durante la seconda parte della scorsa stagione. Ma chiaramente inesperto.

Ebbene, cosa si può dire dopo 10 giornate? Che la “certezza” è stata confermata, mentre il “dubbio” è svanito!

Lo Young Boys ha vinto le prime 9 partite consecutivamente dominando praticamente tutti gli avversari. Poi è arrivato il passo falso, inatteso, proprio alla vigilia della pausa internazionale nella partita casalinga contro il Lucerna. Un incidente di percorso. Capita.

Advertisement

COSA HA FUNZIONATO

IL GIOCO

Gerardo Seoane è riuscito a far rendere al massimo la macchina perfetta preparata la scorsa stagione da Adi Hütter. Lo Young Boys è una squadra impressionante capace di dominare i suoi avversari dall’inizio alla fine. I giocatori sanno esattamente quando attaccare, quando difendere, quando gestire le energie e quando piazzare il colpo del KO. Il tutto, aiutato da uno strapotere fisico che non ha eguali in Super League. I Gialloneri insomma, non sono solo vincenti. Ma nella maggior parte dei casi sono pure molto belli da vedere.

ATTACCO & DIFESA

Lo Young Boys ha di gran lunga il miglior attacco del campionato e la miglior difesa. La differenza reti di +25 parla chiaro. Gerardo Seoane può contare su un attacco che sprizza qualità da tutti i pori e su una difesa dannatamente solida. Per altro aiutata pure da un portiere che sta facendo molto bene il suo lavoro. Parlando di attacco e difesa tuttavia, non si può dimenticare il centrocampo che grazie a uomini di grande qualità riesce ad essere performante in tutte e due le fasi, quella offensiva e quella difensiva.

LA MENTALITÀ VINCENTE

La scorsa stagione lo Young Boys aveva recuperato, dopo un’attesa infinita, una mentalità vincente. E non è stata dissipata. Anzi. I Gialloneri incutono timore negli avversari già nel tunnel che porta al campo prima del fischio d’inizio. Hanno insomma sostituito il Basilea in tutto e per tutto. La mentalità vincente è fondamentale perché permette di avere sempre una grande sicurezza nei propri mezzi. Perché permette di non panicare nei momenti di difficoltà. E perché permette di sfruttare al meglio le opportunità da rete.

COSA NON HA FUNZIONATO

Detto onestamente, trovare qualcosa che non ha funzionato è un po’ come cercare un ago nel pagliaio. Tuttavia ci proviamo…

LA PARTITA CONTRO IL LUCERNA

Lo Young Boys non ha giocato poi così male contro il Lucerna. Di fatto, dopo essere andati sotto nel punteggio, i Gialloneri hanno dominato gli avversari. La squadra tuttavia ha commesso due “peccati” che hanno impedito di ottenere un 10° successo consecutivo. Il primo: la mancanza di precisione sotto porta. Una giornata storta, capita. Il secondo: un eccesso di confidenza. Quest’ultimo fattore, ha fatto sì che una volta la partita sul 2-2 lo Young Boys non si è accontentato del pareggio ma ha voluto a tutti i costi cercare la vittoria. Lasciando spazio al contropiede del Lucerna che è costato la sconfitta. Peccati veniali vista la classifica tranquilla… ma è comunque qualcosa che non ha funzionato. Senza dimenticare che la squadra dovrà attendere due settimane prima di “rifarsi”. E questo può diventare un piccolo fardello durante la pausa internazionale.

LE PRESTAZIONI IN TRASFERTA

Lo Young Boys è imbattuto in trasferta. 4 partite, 4 vittorie. 12 gol fatti (miglior attacco in trasferta con il Sion), 3 gol subìti (miglior difesa). Alla luce di queste cifre uno ci chiede giustamente: ma che diavolo state dicendo allora?! Beh, ve l’avevamo detto che trovare qualcosa che non ha funzionato nello Young Boys era come cercare un ago in un pagliaio. Ebbene, un piccolo ago lo abbiamo trovato… lo Young Boys quando gioca in trasferta è meno dominante rispetto a quando gioca in casa. I Gialloneri hanno giocato, e vinto, a Lugano, Lucerna, Sion e Thun. In tutti e quattro i casi tuttavia, nonostante la vittoria le prestazioni sono state meno convincenti rispetto a quella fornite allo Stade de Suisse. Certo, come dicevamo, siamo stati petulanti… ed abbiamo trovato, a nostro parere, quel maledetto ago nel pagliaio.

Un terzo fattore che non ha funzionato, tuttavia, non lo troviamo…

IL GIOCATORE “ON FIRE”

Miralem Sulejmani

La squadra gira talmente bene che nominare un singolo giocatore è ingiusto. Tuttavia, segliamo Miralem Sulejmani. Il centrocampista dello Young Boys è uno di quei pochi giocatori in Svizzera capaci di regalare momenti di calcio strappa-applausi. Inoltre, è determinante. Ha segnato 4 gol ed ha fornito 7 assist… ma soprattutto, il 100% dei suoi gol è stato un “gol vittoria” e pure 1 dei suoi 7 assist è stato servito per il “gol vittoria”. In altre parole, ha messo il piede in 5 gol vittoria su 9. Quando la classe non è fine a se stessa ma va al servizio della squadra…

STATISTICHE

LA CLASSIFICA

Raiffeisen Super League 2018-19 table updated 11.10.2018

Lo Young Boys è chiaramente in testa alla classifica con 11 punti di vantaggio sulla più diretta inseguitrice Zurigo. Per capire quanto lo Young Boys è stato dominante – e come sembra non abbia avversari – basti pensare che il margine tra YB e la seconda classificata è maggiore rispetto al margine tra la seconda classificata ed il fanalino di coda. Che altro dire?!

GOL SEGNATI & GOL SUBÌTI

Lo Young Boys ha segnato 34 reti ed ha di gran lunga il miglior attacco della Super League. Allo stesso tempo, i boys di Seoane hanno concesso la miseria di 9 reti in 10 partite ed hanno pure la miglior difesa. Sono cifre che non necessitano di molti commenti. La qualità nella fase offensiva è semplicemente inarrivabile per le avversarie… e pure difensivamente, grazie al grande lavoro anche del centrocampo e dell’attacco, la squadra è molto molto solida.

PERCENTUALE REALIZZATIVA & PERCENTUALE PARATE

Percentuale realizzativa

Ok ragazzi, quì siamo fuori dal mondo… lo Young Boys ha una percentuale realizzativa del 50.7%. Dobbiamo ripeterlo?! Lo Young Boys ha una percentuale realizzativa del 50.7%! In altre parole, più di un tiro su due finisce in fondo al sacco. Una percentuale a dir poco impressionante. Evidentemente, di gran lunga la più alta della Super League.

Percentuale parate

La percentuale di parate non è la più alta della Super League. Ma è comunque ottima e superiore alla media. Di fatto, solamente Lucerna (di poco) e Zurigo hanno fatto registrare una percentuale di parate migliore rispetto all’attuale capolista di Super League.

GOL SEGNATI MINUTO

Questo grafico ben dimostra lo strapotere dello Young Boys a tutti i livelli. I Gialloneri segnano tendenzialmente molto più dei loro avversari già nel primo tempo… e poi nella ripresa fanno valere la loro impressionante forza fisica. Riuscendo così a segnare pure parecchie reti nelle fasi finali delle partite. Unico “neo” quei 3 gol subìti tra il 75° ed il 90° minuto di gioco… ma due di essi sono stati subìti nell’ultima partita contro il Lucerna.

TIRI & TIRI IN PORTA

BSC Young Boys, Shots (S) Shots on Target (SOT), Super League 2018-19

Questo grafico lo riteniamo particolarmente interessante. Lo Young Boys tira parecchio, più della media di Super League. Ma non così tanto… di fatto, in termini di tiri, Thun, San Gallo e Basilea hanno tirato più dello Young Boys.

Tutto cambia invece se parliamo di tiri in porta e quì il dato è impressionante. Lo Young Boys è di gran lunga la squadra che ha tirato di più in porta. Ben 67 dei 144 tiri hanno centrato lo specchio. In altre parole, i boys di Seoane hanno una precisione di tiro del 46.5% che è di gran lunga la più alta di Super League! Insomma, quando tirano in porta i Gialloneri lo fanno con cognizione di causa.

TIRI SUBÌTI & TIRI SUBÌTI IN PORTA

BSC Young Boys, Shots Faced (SF) Shots on Target Faced (SOT F), Super League 2018-19

Lo Young Boys subìsce molti meno tiri e tiri in porta rispetto alla media di Super League. Per entrambi i dati, i Gialloneri sono al primo posto praticamente senza rivali. Si dice che una squadra di successo si costruisce partendo da una difesa solida… ebbene, i Gialloneri la difesa ce l’hanno molto solida.

POSSESSO PALLA

Lo Young Boys non fa del possesso palla il suo mantra… anzi, di fatto la squadra cerca di ripartire piuttosto velocemente. Niente tiki taka, tanto per intenderci. Eppure lo strapotere e la forza della squadra gli permette di avere un possesso palla medio del 52.0% che è il quarto più alto della Super League dopo Zurigo (55.9%), San Gallo (54.6%) e Thun (52.5%).

INDICE CORSI


Corsi Index = Rapporto tra (Tiri in porta + Tiri mancati + Tiri bloccati dall’avversario) e (Tiri subìti in porta + Tiri mancati avversario + Tiri bloccati).


BSC Young Boys, Corsi Index, Super League 2018-19

Questo dato indica quanto lo Young Boys sia squadra dominante. Un indice CORSI del 57.05% è davvero molto molto alto… di fatto, è il più alto della Super League. Il Thun tuttavia non è stato da meno… e fino alla 9a giornata aveva un Indice CORSI più alto dello Young Boys.

POTENZIALE PIAZZAMENTO FINALE

Per quanto visto fino a questo momento, per la qualità della squadra e pure – diciamolo – per la pochezza degli avversari… onestamente non vediamo altro piazzamento possibile se non quello in vetta alla classifica. Lo Young Boys è determinato a vincere il secondo campionato consecutivo. E non vediamo perché non dovrebbe farcela.

Di fatto, bisogna sempre fare molta attenzione. Non è finita fin che non è finita, recita un detto molto saggio. Tuttavia, solamente un crollo verticale dello Young Boys potrebbe permettere agli avversari di rientrare… e forse non basterebbe nemmeno quello.

Buona continuazione di stagione, YB!

Advertisement