Advertisement

Ma guarda un po’ cosa è successo…

Vediamo quali sono i nostri TOP & FLOP della settimana!


LA SQUADRA DELLA SETTIMANA

Tutto nella vita ha una fine… figurarsi una serie di vittorie consecutive di una squadra di calcio. Tuttavia, quanto fatto dal Lucerna allo Stade de Suisse contro lo Young Boys è stato eccezionale!

La squadra di René Weiler può vantarsi di essere stata la prima squadra a rallentare la corsa dello schiacciasassi Young Boys. E, nonostante un po’ di fortuna, di quella che aiuta gli audaci, il successo ottenuto nella Capitale non è stato casuale.

Sin dall’inizio il Lucerna è stato tatticamente perfetto ed è riuscito a far faticare lo Young Boys. Mica roba da poco. In seguito, ha pure trovato un insperato gol del vantaggio che ha dato ancora più fiducia!

Advertisement

Poi certo, lo Young Boys ha dominato in lungo ed in largo e si è creato innumerevoli occasioni da rete fino a ribaltare il risultato… ma l’impresa del Lucerna è nata proprio lì. I boys di Weiler infatti, meritano tantissimo credito perché nonostante tutto ci hanno creduto fino alla fine!

Si può dire quel che si vuole… si può dire che il gol del 2-2 segnato da Marvin Schulz sia venuto dal niente. Si può dire che poi il gol vittoria segnato da Stefan Knezevic sia arrivato con i Gialloneri tutti in avanti per cercare il gol vittoria. Si può insomma dire proprio tutto quello che si vuole.

Ma la realtà è che alla fine il Lucerna ha ottenuto i 3 punti ed ha messo fine alla serie di 9 vittorie consecutive dello Young Boys! La realtà è che il Lucerna, tatticamente, ha disputato davvero un’ottima partita.

E la realtà è che nel calcio, chi vince, ha quasi sempre ragione. Pertanto, complimenti FC Lucerna! Un successo che fa un dannato bene proprio alla vigilia della pausa internazionale.

LE TRE STELLE DELLA SETTIMANA

Benjamin Kololli (FC Zurigo)

Lo Zurigo ha pareggiato 2-2 a Thun e, vista la prestazione dei primi 60 minuti che aveva portato ad un doppio vantaggio, si può parlare di due punti gettati al vento.

Le due reti dello Zurigo hanno portato la firma di Benjamin Kololli. Ma non è certo questo l’unico motivo per cui l’ex giocatore del Losanna è tra le nostre tre stelle settimanali…

Già, perché la prestazione di Benjamin è stata straordinaria! A parte i gol segnati infatti, ogni qual volta aveva il pallone tra i piedi era un pericolo costante per la difesa del Thun ed a tratti si è rivelato essere inarrestabile. Senza dimenticare poi che, anche senza la palla tra i piedi, i suoi movimenti sono praticamente sempre perfetti.

A nostro parere, il miglior acquisto dello Zurigo degli ultimi anni!

Ricky van Wolfswinkel (FC Basilea)

Il Basilea ha ottenuto una vittoria a San Gallo di quelle che fanno benissimo al morale. Anche perché giunta al termine di una partita ben giocata da entrambe le squadre.

Come spesso capita dunque quando le partite sono equilibrate, a fare la differenza sono i piedi dei campioni. O comunque di quei giocatori che, volenti o nolenti, hanno un tasso tecnico ed un’esperienza sopra la media. Proprio come Ricky van Wolfswinkel.

Diciamo la verità… il suo rendimento a Basilea è stato raramente all’altezza delle aspettative. In una partita tirata come quella di San Gallo tuttavia, la sua classe ha fatto la differenza. Suoi i due assist che hanno permesso a Luca Zuffi e Blas Riveros di segnare i due gol che sono valsi i 3 punti.

Mica poco…

Raphaël Nuzzolo (Neuchâtel Xamax FCS)

Il Neuchâtel Xamax ha ottenuto un punto importantissimo contro il Sion in casa. Vero che la squadra ad un certo punto è parsa accontentarsi – fin troppo – del pareggio. Ma la realtà è che per la neo-promossa ogni punto vale oro pertanto il loro atteggiamento è più che giustificato.

Certo che viene da chiedersi… cosa ne sarebbe del Neuchâtel Xamax senza Raphaël Nuzzolo?

Contro il Sion ha segnato il suo 5° gol stagionale ed una volta di più si è rivelato essere l’uomo chiave per questa squadra che, pur se ancora non convince appieno, è comunque a modo suo viva. Ed ha ottenuto questo fine settimana un terzo risultato utile consecutivo (1 vittoria, 2 pareggi).

Risultati che danno fiducia alla vigilia della seconda pausa internazionale. La salvezza, nonostante l’ultimo posto, è ancora possibile. Anche grazie alla presenza di Raphaël Nuzzolo.

MENZIONE SPECIALE

David Zibung (FC Lucerna)

Un po’ a sorpresa, David Zibung ha preso il posto di Mirko Salvi tra i pali del Lucerna a Berna. Si è trattato della sua prima presenza stagionale. E che ti combina il buon vecchio David?! Che ti fornisce una prestazione strepitosa che ha permesso al Lucerna di stare a galla nei momenti complicati!

Non sarà più il portiere titolare degli Svizzero Centrali… ma ha dimostrato che se serve si può contare ciecamente su di lui. Bravo!

MENZIONE “TOCCO MAGICO”

Bastien Toma (FC Sion)

Lasciamo perdere la brutta prestazione complessiva del Sion… lasciamo perdere che Bastien Toma per buona parte della partita si è visto poco, così come tutti i suoi compagni.

Ma vogliamo parlare dell’assist che ha permesso a Lenjani di segnare il gol d’apertura?! Andate a rivedervelo… questa è roba da mostrare nelle scuole calcio. È roba che raramente si vede sui campi della Super League. Wow!

LA DELUSIONE

FC Lugano

Il Lugano perde contro il Grasshopper e si trova ora ad 1 solo punto dal fondo della classifica. L’esordio di Fabio Celestini non è dunque coinciso con una vittoria.

Ma questo è l’ultimo dei problemi… il nuovo allenatore è appena arrivato ed avrà ora il tempo di lavorare.

La delusione, piuttosto, è che la prestazione è stata ancora una volta anonima. Nemmeno il cambio di allenatore è riuscito a dare una scossa a livello di atteggiamento. Il primo tempo del Letzigrund, è stato emblematico. Nessuno dei singoli è riuscito a trascinare gli altri… e nella ripresa, è mancato l’elemento di personalità in mezzo al campo capace di dare la sveglia. O magari di segnare una delle alcune buone occasioni create.

Insomma, c’è tanto lavoro da fare… il potenziale, tecnico, c’è. Ora manca la personalità. Ed in mancanza di essa, bisogna ricostruire la fiducia dei giocatori.

Buona fortuna, Lugano!

Advertisement