Le nostre impressioni dopo la storica vittoria per 3-2 della Svizzera contro la Finlandia!

0
667

Congratulazioni Svizzera, hai raggiunto le semi-finali! Meritatamente. Dannatamente meritatamente!

Una serata storica… davvero storica!

Basti pensare che l’ultimo successo in una partita ufficiale contro la Finlandia, i Rossocrociati l’avevano ottenuto il giorno di San Valentino durante le Olimpiadi di Calgary nel 1988!

E basti pensare che era da 16’873 giorni che i Rossocrociati non battevano la Finlandia ad un campionato del mondo. E curiosamente, anche quell’11 di Aprile 1972, la partita si concludeva sul 3-2…

Le emozioni che abbiamo vissuto ieri sera sono state davvero tante!

A nostro parere i boys di Fischer hanno fornito la prestazione quasi perfetta. Per diversi motivi. Che proviamo ad indicare…

LA TESTA

La Svizzera inizialmente ha rischiato. Poi si è resta protagonista di un grande momento di pressione, durante il quale forse meritava anche il gol del vantaggio. Ma infine – dopo 7 minuti ed 1 secondo – ha subìto il gol del vantaggio della Finlandia. Segnato da Markus Nutivaara.

Il peggio che poteva capitare. Poteva essere un gran brutto colpo.

Ed invece la Svizzera, anche se ovviamente è rimasta un po’ scottata, non è mai crollata nonostante i Finnici difensivamente sono stati molto solidi. Il che avrebbe anche potuto far crescere la frustrazione.

IL GIOCO

Nel secondo periodo la Svizzera è stata davvero impressionante. I giocatori sono tornati sul ghiaccio con la chiara intenzione di prolungare il loro percorso ai Campionati del Mondo. E ce l’hanno fatta segnando 3 gol nel breve volgere di 3 minuti e 55 secondi attorno a metà periodo.

Il grande lavoro di squadra è stato concretizzato, nell’ordine, da Enzo Corvi, Joel Vermin e Gregory Hofmann!

L’unico neo di una frazione perfetta, se proprio vogliamo, è stata la penalità incassata da Fiala a poco dal termine della seconda frazione. Che poteva riaprire la partita…

LA SOLIDITÀ

Ed invece la Svizzera ha superato brillantemente i 2 minuti in inferiorità a cavallo della seconda pausa. E poi si è dimostrata incredibilmente solida!

La Finlandia ha provato ovviamente a riaprire la partita. Ed in qualche modo ce l’ha fatta a 12 minuti dal termine, quando Mikko Rantanen ha accorciato le distanze in superiorità numerica. Ma la Svizzera è sempre riuscita a difendersi in maniera a dir poco egregia. E soprattutto, senza panicare.

Senza poi dimenticare che tra i pali ha potuto contare su una grandissima prestazione di Leonardo Genoni.

E così la partita si è conclusa sul 3-2 per noi. Grandissima Svizzera!

Detto di questi tre fattori, ce n’è poi stato un quarto che è stato una costante per tutti i 60 minuti di gioco. Forse il fattore più importante.

LO SPIRITO DI SQUADRA

Il gruppo creato da Patrick Fischer è davvero unito. Lo si vede. Lo dice il linguaggio del corpo dei giocatori!

I giocatori di classe mondiale (vedi gli NHLrs) sono veri e propri leaders. Dentro e fuori dal ghiaccio. La loro attitudine è quella giusta. Non sono venuti in Danimarca per passare qualche giorno di vacanza. Il che – diciamocelo – non era poi così scontato se pensiamo al passato.

Gli “Svizzeri” che giocano in Europa da parte lor, stanno dando tutto. Ed anche di più! Ogn’uno ha un suo ruolo ben preciso e cerca di svolgerlo alla perfezione. C’è chi difende. C’è chi attacca. C’è chi porta energia. Tutti stanno gettando il cuore oltre l’ostacolo. E vogliamo parlare poi dello spirito di sacrificio? Quasi commovente!

E questo rende i tifosi incredibilmente fieri di questa Squadra. Con la S maiuscola.

Già, questa squadra. Guidata da…

PATRICK FISCHER ED IL SUO STAFF

In un momento come questo è inopportuno parlare di rivincite. Ma Patrick Fischer (ed il suo staff) si stanno prendendo una bella rivincita.

Ci sarà chi continuerà a criticarlo. Lo farebbe anche se la Svizzera dovesse vincere il Campionato del Mondo.

Ma è innegabile che questo incredibile percorso – che si spera non sia ancora finito – è anche merito suo! È riuscito a creare un gruppo unito. È riuscito a dare un bel gioco alla squadra. Ma soprattutto, è riuscito a convincere i suoi ragazzi ad affrontare a testa alta qualsiasi avversario!

Contro Russia e Svezia, per motivi diversi, era andata male.

Contro la Finlandia è invece andata benissimo! E poco importa se la truppa guidata da Lauri Marjamaki è stata deludente. Anche perché parte del merito è da attribuire alla Svizzera. Che gli ha fatto passare una serata d’inferno!

Ed allora dai Svizzera. Continua a sognare. Continua a farci sognare!

Comunque vada, questo Campionato del Mondo è stato un successo. Grazie mille per le emozioni!

Prossima fermata comunque: Canada. Siamo certi che i boys di Fischer faranno di tutto per far sì che non sia il capolinea di questa fantastica avventura.

HOPP SUISSE!   

Advertisement