I nostri TOP & FLOP della settimana hockeystica – 06 Mar. 2018

0
608

Ogni settimana vi proponiamo i nostri TOP & FLOP. La squadra migliore, le nostre 3 stelle, ossia quei giocatori che in un modo o nell’altro hanno lasciato il segno, la sorpresa ed infine la delusione…

TOP

#Bielieve, davvero!

Il Bienne è la nostra squadra TOP della settimana. E tutto sommato, la nostra squadra TOP della Regular Season.

Dopo la pausa Olimpica i Seeländers si sono presentati a Friborgo ed in una partita dai bassi contenuti tecnici sono usciti sconfitti dopo soli 4 secondi di tempo supplementare. Ma poi hanno dato due lezioni di hockey su ghiaccio agli ZSC Lions. Ossia ad una di quelle squadre che potenzialmente può vincere il campionato.

I boys di Törmänen, ancora una volta hanno dimostrato una grandissima sicurezza nei propri mezzi. Inoltre si sono distinti per: intelligenza, capacità di colpire nei momenti chiave e solidità difensiva. Non da ultimo, possono contare su un portiere in forma… Olimpica!

Ragazzi, che squadra. È vero che da Sabato si ricomincia da zero. E che il Bienne (ahi loro) non ha moltissima esperienza di playoffs. Ma ciò nonostante, solamente un matto sottovaluterebbe i Seeländers a questo punto!

Vincere alcune partite consecutive può essere un caso. Finire una Regular Season al 3° posto in classifica invece no. Ed allora dai Bienne, credici. O come ti piace dire di questi tempi… #Bielieve!

LE NOSTRE 3 STELLE DELLA SETTIMANA

Chris Woodcroft (Allenatore, Ginevra Servette HC)

Il Ginevra Servette ha vissuto una stagione a dir poco tribolata. Gli infortuni non devono essere mai una scusa ma… ma nel caso delle Aquile, possiamo parlare di eccezione che conferma la regola.

La squadra ha terminato la Regular Season all’8° posto ed ora se la vedrà con i Campioni in carica del Berna. Una sfida impossibile, giusto?

No, sbagliato. Questa settimana il Ginevra Servette si è dapprima assicurato i playoffs andando a vincere a Langnau. Ma poi, soprattutto, ha fatto vedere i sorci verdi al Berna nel doppio scontro diretto. Non crediamo di esagerare se affermiamo che ci sia molto di Woodcroft in questo…

I playoffs saranno per lui la prova del nove. Ma noi sin d’ora, siamo certi che il Berna non è molto felice di affrontare le Aquile nei quarti di finale!

Matt D’Agostini (HC Ambrì-Piotta)

L’Ambrì-Piotta, al rientro dalla pausa Olimpica, ha dapprima battuto il Kloten in casa. E poi è riuscita nell’impresa di conquistare una vittoria nella doppia sfida con lo Zugo. Risultati che gli permettono di continuare a sognare il 10° posto, sinonimo di salvezza anticipata.

Matt D’Agostini è certamente tra le ragioni per cui i Leventinesi possono continuare a crederci!

In una squadra fatta per lo più da giovani talenti, il suo ruolo era cruciale. Portare classe ed esperienza. Ebbene, il Canadese non smette di stupìre! In queste ultime 3 partite ha messo a referto 6 punti (3 gol), ma soprattutto ha illuminato la squadra con i suoi colpi di classe. E per finire, non ha mai fatto mancare l’impegno a tutta pista.

Una garanzia!

Bobby Sanguinetti (HC Lugano)

Il Lugano ha potuto scartare un regalo di Natale “ritardato”… Bobby Sanguinetti!

L’Americano, di rientro dalle Olimpiadi, ha disputato 3 partite (specialmente l’ultima!) di buon livello. Facendo capire perché i Ticinesi avevano puntato su di lui la scorsa estate.

È inutile girarci intorno. Per parte della stagione, ha reso al di sotto delle aspettative. E questo gli è valso uno “stallo” nel rinnovo di contratto… Ma sembra essere tornato in forma al momento giusto!

In queste ultime 3 partite ha messo a referto 4 punti (3 gol). Ma soprattutto, ha messo in mostra la capacità di dirigere la difesa. Ha messo in mostra carisma e non ha commesso errori! Insomma, per il Lugano il giocatore giusto al momento giusto. Che potrebbe rivelarsi una sorta di “nuovo acquisto” per i playoffs.

MENZIONE SPECIALE

Damien Brunner (HC Lugano)

Gli infortuni sono una gran brutta bestia. Sempre e comunque. Poco importa chi ne è colpito e la squadra per cui gioca. Tuttavia, permetteteci di spendere qualche parola per Damien Brunner…

Quello che gli è capitato, ci spezza il cuore. Damien aveva saltato parte della stagione per un infortunio rimediato la scorsa estate. Era rientrato e pareva pronto a vivere dei playoffs da protagonista. Fino al primo tempo della partita di Davos di Sabato sera…

Tanta sfiga, non se la merita nessuno indipententemente dalla squadra in cui gioca. Forza e coraggio, Damien!

LA SORPRESA

Pascal Berger (SCL Tigers)

Mercoledì scorso verso le ore 22:00, il Langnau ha dovuto dire addio al suo sogno di partecipare ai playoffs. Un brutto colpo visto che questa era davvero un’occasione d’oro.

La squadra evidentemente ne ha sofferto. E non crediamo che sia un caso se dopo la mancata qualificazione, Capitan Pascal Berger è emerso! I trascinatori in una squadra del resto, si vedono proprio nei momenti difficili e del bisogno.

Nella doppia sfida contro il Kloten, Pascal Berger è stato magari poco appariscente a tratti. Ma ha sempre saputo farsi trovare al posto giusto al momento giusto. Ed ha segnato 3 gol.

Bravo!

LA DELUSIONE

LOSANNA HC

La delusione del Losanna non è riferita solo a quest’ultima settimana ma nell’insieme a tutta la stagione.

Sulla carta i Vodesi avevano tutto per far bene. Poi però sono iniziate le sconfitte… la pressione è salita e la squadra ha faticato dannatamente a proporre un hockey soddisfacente. Un primo cambio di allenatore ha dato solamente in parte i frutti sperati… Un secondo cambio è dunque arrivato durante la pausa. E per questo è troppo presto trarre ogni conclusione.

Certo che quest’ultima settimana ci aspettavamo qualcosa di più. Una maggior reazione d’orgoglio.

La realtà tuttavia è che è dannatamente difficile uscire dai momenti negativi. Specie per una squadra che era stata assemblata per raggiungere ben altri obiettivi.

Ed allora forza e coraggio, Leoni Vodesi!

Salva

Save

Save

Save

Save

Save

Salva

Advertisement