Una nuova stagione sta per cominciare a Sion… o almeno si spera!

0
592

Ultima pausa internazionale del 2017. Mentre la “Nati” si è qualificata per i Mondiali in Russia noi cerchiamo di fare una piccola analisi.

Come sta andando la stagione? Perché essere ottimisti o pessimisti? E come sarà il percorso che porterà alla pausa invernale? Cerchiamo di trovare alcune risposte dal nostro umile punto di vista.

LA STAGIONE FINO AD ORA…

Il Sion è attualmente penultimo in classifica con il secondo peggior attacco ed il peggior rendimento casalingo della Super League…

Insomma, di certo non quello che in Vallese ci si aspettava alla vigilia di questa stagione. Il Sion infatti, dopo aver vinto le prime due partite stagionali contro Thun e Losanna, è entrato in una crisi di prestazioni che ha portato a vincere 1 sola delle successive 12 partite… I risultati deludenti hanno portato il Presidente Constantin a separarsi da Paolo Tramezzani, un allenatore tanto voluto ma che non è riuscito a far passare il suo messaggio in Vallese. Con l’arrivo di Gabri due partite or sono, il Sion spera di risalire la classifica e disputare un campionato all’altezza delle aspettative e del potenziale della rosa.

PERCHÉ ESSERE OTTIMISTI

LA PAUSA INTERNAZIONALE

La pausa internazionale è arrivata al momento giusto per il Sion e deve assolutamente essere servita all’allenatore per cercare di risollevare il morale della squadra.

Non c’è niente di meglio per un nuovo allenatore che poter lavorare due settimane senza l’assillo di una competizione ufficiale. Pertanto, pur se ci vorrà tempo per avere risultati concreti, la pausa è stata manna dal cielo.

L’ultima partita contro lo Zurigo, o meglio gli ultimi 20 minuti di quella partita, hanno comunque fatto capire che la squadra non vuole assolutamente arrendersi.

LA QUALITÀ

Il Sion ha un organico che, sulla carta, è tra i migliori della Super League.

Purtroppo gli infortuni hanno privato la difesa di due elementi cruciali come DiMarco e Cümart… ma a partire dal portiere (opinabilmente il migliore della lega), passando per il centrocampo e fino all’attacco, la squadra è completa e dispone di elementi di valore assoluto.

Insomma, infortuni a parte (che sono pesati come un macigno), la qualità deve permettere di guardare al futuro con ottimismo.

PERCHÉ ESSERE PESSIMISTI

L’ATTACCO

Il Sion ha il secondo peggior attacco della Super League… solamente il Lugano ha fatto peggio.

L’impressione è che, vista la qualità della rosa, la mancanza di tranquillità la faccia da padrona, e non per niente i Vallesani hanno la seconda peggior percentuale realizzativa della lega sempre dietro al Lugano.

IL RENDIMENTO CASALINGO

Il Sion è la squadra che ha conquistato meno punti in casa in Super League. Infortuni o no, i Vallesani avrebbero dovuto fare di più al Tourbillon.

È vero che il Sion al Tourbillon ha perso solamente 2 partite, ma non è ancora riuscito a vincerne nemmeno 1 in 7 occasioni!

IL SISTEMA DIFENSIVO

Il Sion ha “solo” la 5a peggior difesa della Super League, ma il sistema difensivo è parso fare acqua da tutte le parti…

I Vallesani hanno subìto in totale ben 74 tiri in porta fino ad ora, solamente il Losanna (80) ha subìto più tiri in porta. Gli avversari quando affrontano il Sion si trovano troppo spesso in condizioni di far male, e spesso e volentieri il portiere Mitryushkin ha tolto parecchie castagne dal fuoco…

IL GIOCATORE

ANTON MITRYUSHKIN

Anton Mitryushkin è spesso e volentieri tra i migliori in campo ed ha salvato baracca e burattini parecchie volte.

Opinabilmente è il portiere più forte della Super League, ed è una delle poche note positive della stagione dei Vallesani

IL GIOCATORE (2)

PAJTIM KASAMI

Scegliamo un solo giocatore per squadra, ma per il Sion dobbiamo fare un’eccezione e nominare anche Pajtim Kasami.

È lui il giocatore simbolo da cui ripartire per rilanciare la stagione. Ci mette tantissima grinta unita ad una qualità impressionante per la Super League.

LE STATISTICHE

INDICI TSR, STR, CR & INDICE CORSI

L’indice TSR (Total Shots Ratio) e l’indice STR (Shots on Target Ratio) è il rapporto tra i tiri fatti ed i tiri subìti. Fuori dallo specchio e nello specchio. Il CR (Conversion Rate) è il tasso di conversione paragonato a quello degli avversari.

Mentre l’Indice CORSI indica quanto una squadra è dominante nei confronti degli avversari. Una percentuale superiore al 50% significa che è più dominante, una percentuale inferiore viceversa.

TSR, STR, CR

Gli indici non promettono nulla di buono… Il Sion crea meno dei suoi avversari ma l’indice di Conversione è di 0.47. Ossia, dovrebbe migliorare ma non di molto…

CORSI

L’indice CORSI ben rappresenta la situazione del Sion. La squadra tendenzialmente è stata dominata. Solamente il Losanna ha un indce più basso in Super League.

GOL SEGNATI PER MINUTO

Il Sion segna tendenzialmente (poco) durante tutto l’arco della partita. Preoccupa invece un picco di gol subìti negli ultimi 15 minuti di gioco… Problema di testa oppure mancanza di condizione? Forse un pò di tutti e due…

DA QUÌ A NATALE…

Mancano 5 partite prima della pausa invernale. Vediamo il calendario.

Il Sion si recherà subito al Sankt-Jakob per affrontare il Basilea, ma poi ha la possibilità di fare diversi punti entro la pausa di Natale. La classifica di Super League è tutto sommato molto tirata, e dato il potenziale della squadra non ci sorprenderebbe se i Vallesani arrivassero alla pausa invernale a centro classifica.

DOVE PUÒ ARRIVARE LA SQUADRA?

Se siete arrivati fin quì significa che avete letto tutto. Ecco, il tutto era riferito evidentemente al Sion fino ad oggi. La speranza infatti, è che con la ripresa del campionato ricominci un’altra stagione!

Se l’ambiente riuscirà a stare tranquillo, e se la squadra riuscirà a creare l’alchimia giusta con il nuovo allenatore, allora non vediamo perché il Sion non potrebbe continuare ad ambìre ai primissimi posti della classifica.

Il potenziale c’è ed è parecchio. E con il tempo rientreranno anche giocatori infortunati…

Dopo tutto, la classifica è molto tirata. Se vogliamo estremizzare, il Sion è a soli 9 punti dal Basilea. Ma personalmente, non crediamo proprio che i Vallesani resteranno nell’attuale posizione di classifica molto a lungo…

Del resto la scorsa stagione il Sion in una decina di partite ha perso un posto in Europa… Non potrebbe forse accadere il contrario quest’anno?

Advertisement