Il Lugano deve aggiustare la mira… ma la squadra è viva!

0
491

Ultima pausa internazionale del 2017. Mentre la “Nati” si è qualificata per i Mondiali in Russia noi cerchiamo di fare una piccola analisi.

Come sta andando la stagione? Perché essere ottimisti o pessimisti? E come sarà il percorso che porterà alla pausa invernale? Cerchiamo di trovare alcune risposte dal nostro umile punto di vista.

LA STAGIONE FINO AD ORA…

Il Lugano è attualmente il fanalino di coda della Super League. E questa è l’amara realtà dei fatti… A farla semplice, viene da dire che i Bianconeri sono la candidata numero uno per la retrocessione.

Eppure non tutto è da buttare. L’inizio di stagione per esempio, è stato promettente ed è culminato con la netta vittoria casalinga per 4-1 contro il Thun. Inoltre le ultime 3 partite hanno fatto capire che la squadra è viva e vegeta, ma soprattutto che ha saputo trovare la forza mentale per uscire da una “crisi” di risultati che aveva fatto un pò innervosire l’ambiente.

Quella crisi di risultati tuttavia pesa come un macigno a livello di classifica. Le 5 sconfitte consecutive, con 1 solo gol fatto e ben 15 subìti, di fatto hanno costretto il Lugano a recitare lo scomodo ruolo di fanalino di coda.

PERCHÉ ESSERE OTTIMISTI

IL GIOCO

Specialmente ad inizio stagione, il gioco proposto dal Lugano è stato frizzante ed attrattivo. Ad un certo punto si parlava pure di miglior calcio della Super League…

Ma anche quando il Lugano era in “crisi” di risultati, raramente la prestazione è venuta meno.

I Bianconeri insomma, sanno giocare a calcio e lo hanno dimostrato. Questa è una certezza da cui ripartire.

IL SISTEMA DIFENSIVO

Ok non prendeteci per matti, ragioniamo…

Se escludiamo la serie di 5 sconfitte consecutive, nelle altre 9 partite stagionali il Lugano ha subìto in media 1 gol a partita. Il che, per intenderci, è a livello delle prime 3 squadre della classifica di Super League.

Inoltre, il Lugano ha subìto solamente 8 gol complessivamente nei primi 45 minuti di gioco. Anche in questo caso, siamo sui livelli delle prime 3 della classe.

Significa che il sistema difensivo, pur con i suoi alti e bassi, funziona ed è ben impostato.

PERCHÉ ESSERE PESSIMISTI

PERCENTUALE REALIZZATIVA

Cominciamo dalla cifra nuda e cruda: il Lugano ha una percentuale realizzativa del 22.0%, che è semplicemente la più bassa di tutta la Super League.

Non scopriamo certo l’acqua calda se diciamo che per fare punti bisogna segnare. Ed i Bianconeri in tal senso fanno maledettamente fatica. Un pò più di tranquillità aiuterebbe…

Il Lugano infatti non avrà il miglior reparto offensivo della lega, ma di certo ha sufficienti giocatori per segnare con più regolarità.

LA CONDIZIONE FISICA E/O MENTALE

Il Lugano crolla nei secondi tempi, e questo può essere dovuto ad una condizione fisica inferiore rispetto alle altre squadre oppure ad un fattore mentale.

Ma la realtà è che il Lugano, se consideriamo solamente i secondi tempi, ha conquistato la miseria di 10 punti ed è di gran lunga la peggior squadra di Super League.

Fattore fisico o mentale? Forse un pò di tutti e due… Ed entrambi i fattori, si ripercuotono anche sulla percentuale realizzativa che abbiamo visto alcune righe or sono…

IL GIOCATORE

DAVIDE MARIANI

Come tutti i giocatori, ha i suoi alti e bassi. Ma Davide Mariani è un giocatore imprescindibile per il Lugano.

Ha messo il piede, che sia gol o assist, nel 62% dei gol del Lugano. Inoltre è tra i migliori giocatori in Super League dal punto di vista della creatività e della fantasia. È uno di quei giocatori che, quasi da solo, ti può cambiare il “momentum” di una partita.

LE STATISTICHE

INDICI TSR, STR, CR & INDICE CORSI

L’indice TSR (Total Shots Ratio) e l’indice STR (Shots on Target Ratio) è il rapporto tra i tiri fatti ed i tiri subìti. Fuori dallo specchio e nello specchio. Il CR (Conversion Rate) è il tasso di conversione paragonato a quello degli avversari.

Mentre l’Indice CORSI indica quanto una squadra è dominante nei confronti degli avversari. Una percentuale superiore al 50% significa che è più dominante, una percentuale inferiore viceversa.

TSR, STR, CR

Gli indici dimostrano come il Lugano statisticamente crea meno dei suoi avversari. Tuttavia l’indice CR è bassissimo (il più basso della Super League) e tendenzialmente dovrebbe migliorare.

CORSI

Il Lugano ha un indice CORSI di 45.43, che è il 4° più basso della Super League. Non che la squadra venga mai davvero dominata a livello di conclusioni, ma di certo questo indice dimostra come nell’insieme la squadra crea meno di quanto subìsce.

GOL SEGNATI PER MINUTO

Questo grafico ben ci illustra quanto dicevamo in precedenza in merito al crollo nei secondi tempi di gioco.

Tendenzialmente infatti, il Lugano concede tanto… troppo… nell’ultima mezz’ora di partita.

DA QUÌ A NATALE…

Mancano 5 partite prima della pausa invernale. Vediamo il calendario.

Il calendario del Lugano non è tremendo… Se escludiamo infatti l’impegno casalingo contro lo Young Boys che rischia di essere proibitivo, per il resto i Bianconeri hanno armi a sufficienza per giocarsela contro tutte le altre.

Insomma, c’è la possibilità di lasciare il fondo della classifica.

DOVE PUÒ ARRIVARE LA SQUADRA?

Con il supporto di tutto l’ambiente, la squadra può ancora disputare un campionato soddisfacente. E noi crediamo che il supporto, il club se lo meriti a prescindere per tutto quanto fatto negli ultimi anni.

La Super League è un campionato complicato, ma paradossalmente basta inanellare una serie di risultati positivi per scalare la classifica. O vi siete forse già dimenticati che la scorsa stagione i Bianconeri in una decina di partite passarono dal penultimo al 3° posto?

Certo, non sarà facile. Bisogna mettere in preventivo di potersi trovare a lottare per la salvezza fino alla fine. Ma con un pò di “fortuna” e continuando a migliorare, il Lugano ha il potenziale per terminare il campionato a ridosso di metà classifica.

Auguri, Lugano!

Advertisement