FC LUCERNA – Un inizio discreto poi il crollo… Benvenuta pausa, ma cos’è successo?

0
930

Il Lucerna è attualmente 8° in classifica. A soli 5 punti dal 3° posto ma… anche a soli 2 punti dall’ultimo posto!

Abbiamo sempre sostenuto che il Lucerna fosse squadra piuttosto solida. E che ha iniziato pure il campionato discretamente. Ma poi… Ecco una prima pausa internazionale. Dopo di che, inutile nascondersi, la squadra non è più stata la stessa.

Proviamo a capire cosa è successo.

L’ANALISI

Il Lucerna dopo la prima pausa internazionale, al rientro ospitava il Thun alla Swissporarena. Era la 7a giornata. La partita? Un mezzo disastro… Un primo tempo giocato malissimo e concluso 0-2, ma poi una bella reazione nel secondo tempo che ha quanto meno permesso di recuperare e conquistare un punto. La partitaa, finì 2-2.

Ecco, quello è stato l’unico punto conquistato dal Lucerna tra una pausa internazionale e l’altra.

Con l’aiuto di alcune statistiche, cerchiamo di capire cosa c’è dietro questo crollo.

PUNTI CONQUISTATI

La media punti è passata da 1.50 a 0.25 a partita. Un crollo. E dire che il calendario era anche piuttosto favorevole.

Se infatti prima della prima pausa internazionale il Lucerna giocò contro Lugano, Basilea, Grasshopper, San Gallo, Sion e Zurigo. Dopo la pausa, il calendario prevedeva due partite con il Thun e, nel mezzo, Young Boys e Losanna.

Pertanto, il calendario non è una delle ragioni per la quale il Lucerna ha conquistato molto meno.

Andiamo avanti…

Ecco che iniziamo ad avere alcune risposte. Il Lucerna segna tanto quanto prima, o solo poco meno. Ma la media di gol subiti a partita è passata da 1.16 a 2.75! Un bel balzo.

Per segnare bisogna tirare, andiamo pertanto ad analizzare la situazione dei tiri in porta.

Il Lucerna mediamente nelle ultime 4 partite ha tirato leggermente di meno rispetto alle prime 6 partite. Ma ha anche tirato di più nello specchio della porta.

La situazione è peraltro piuttosto simile se guardiamo ai tiri subìti. Il Lucerna subisce leggermente più tiri, anche nello specchio della porta.

Allora a questo riguardo, ci aiutano la percentuale realizzativa e la percentuale di parate del portiere.

I numeri in questo caso parlano molto chiaro. Il Lucerna ha diminuito di oltre 10 punti percentuali la sua percentuale realizzativa, e le parate del portiere sono quasi dimezzate…

Con questo non vogliamo certo dire che il portiere sia il responsabile. Anzi. Omlin è un ottimo portiere, ma qualcosa evidentemente non funziona. Il Lucerna infatti, pur concedendo grosso modo lo stesso numero di occasioni, le concede ben più nette. Più facili dunque da convertire in gol, e più difficili evidentemente per il portiere da bloccare.

Vogliamo infine proporvi altre tre statistiche, piuttosto significative. Quelle relative alle situazioni di fuorigioco, all’indice CORSI ed ai gol segnati per frazioni di 15 minuti.

FUORIGIOCO

Il Lucerna prima finiva in media 2.7 volte in fuorigioco a partita. Mentre nelle ultime 4 partite, la media è addirittura di 5.3!

Vero che i boys di Babbel hanno dovuto affrontare il Thun, ossia la squadra che mette più in fuorigioco gli avversari in Super League. Ma l’aumento è davvero importante.

INDICE CORSI

L’indice Corsi è una statistica presa in prestito dall’hockey su ghiaccio che a nostro avviso ben si adatta anche al calcio. Essa è rappresentata in percentuale, ed è un calcolo che tiene conto dei “tiri”, dei “tiri in porta”, dei “tiri bloccati” e dei “tiri mancati”. Il tutto paragonato agli avversari affrontati.

Il Lucerna delle prime 6 partite, aveva un indice CORSI del 57.0, che è ottimo. Mentre il Lucerna delle ultime 4 partite, ha avuto un indice CORSI del 46.8, che è sotto la soglia del 50%, pertanto negativo.

Il Lucerna prima aveva un picco di rendimento negli ultimi 15 minuti di partita, e non subiva moltissimo.

Nelle ultime 4 partite invece, ha un picco di gol subiti sul finire di primo tempo e tendenzialmente non ha un periodo di partita durante il quale riesce a segnare maggiormente.

LA NOSTRA OPINIONE

La prima impressione, guardando le partite e cercando di interpretarle con le statistiche, è che la squadra è andata un pò in confusione. Che segua sempre il suo modo di giocare, ma che semplicemente le cose riescono peggio. In tal senso, questa seconda pausa internazionale è manna dal cielo.

Già perché crediamo che i problemi del Lucerna siano in particolare 2. Ossia il fisico ed il mentale.

Il Lucerna, come dimostrano i grafici dei gol segnati e subiti, nelle prime 6 giornate segnava molto negli ultimi 15 minuti. Il che significa, oltre ad un mentale forte, una buona condizione fisica. Di certo il fatto di aver iniziato prima la preparazione per i preliminari di Europa League, ha aiutato in tal senso.

Ma con l’andare delle partite, probabilmente il Lucerna ha iniziato a pagare lo sforzo e la breve pausa estiva…

Inoltre, dicevamo del mentale forte… Ecco, quando il fisico non regge, il mentale è il primo fattore a risentirne. L’abbassamento sostanziale della percentuale realizattiva e di quella delle parate, crediamo sia dovuto proprio ad un fattore mentale. Il più difficile per altro da “curare”…

Il mentale è un fattore determinante nel moderno sport professionistico. Ed allora andiamo a spulciare… Già, perché ci sono cose che le statistiche non mostrano. Ossia gli episodi…

Stade de Suisse, Minuto 45 della partita persa contro lo Young Boys in trasferta. Il Lucerna non stava giocando benissimo, ma era riuscito a recuperare un gol di svantaggio e la partita era sull’1-1. Poi arriva il gol dei padroni di casa del 2-1 proprio prima della pausa… Un brutto colpo. Bruttissimo.

Si può dire quello che si vuole, ma il mentale li ha sofferto parecchio… e da quel momento in poi, le cose sono andate di male in peggio.

Il problema è che a Lucerna non è una novità…

Ora l’importante sarà ad ogni modo sostenere la squadra. È vero che il Lucerna nelle ultime stagioni ha abituato un pò tutti a serie positive alternate a serie negative di risultati… Ma girare le spalle alla squadra in questo momento, non fa il bene di nessuno.

Anche perché il calendario non aiuta. Dopo la pausa infatti, i boys di Babbel dovranno giocare contro il rinato Grasshopper in trasferta, e poi contro lo Young Boys in casa. Già proprio lo Young Boys… chissà che la crisi non finisca proprio quel giorno!

Auguri, Lucerna!

 

Advertisement