HC DAVOS – Presentazione stagione 2017-18!

0
526

Quando si parla di Davos, si parla di storia. Si parla di continuità, si parla letteralmente di respirare hockey!

Ogni anno i Grigionesi sembrano partire a fari spenti, e praticamente ogni volta riescono a trovare il modo di disputare campionati che come minimo sono soddisfacenti. Come lo scorso anno, quando nonostante il dubbio legato alla giovane età dei due estremi difensori, la squadra ha trovato il modo di difendersi più che dignitosamente. Terminando il suo percorso in semi-finale.

Insomma, il Davos è una squadra che non si può mai sottovalutare, a maggior ragione quest’anno. Per diversi motivi che vedremo a breve…

L’OBIETTIVO

L’obiettivo è il solito: vincere il titolo.

Sulla carta sembrano esserci squadre nell’insieme maggiormente atrezzate, ma il Davos non si può mai tagliar fuori dai discorsi per il titolo. Si dice sempre che bisogna farsi trovare pronti quando iniziano i giochi che contano… Ebbene, è la verità. E quest’anno c’è un fattore che in qualche modo potrebbe giocare a favore degli Stambecchi.

A febbraio infatti, il campionato si fermerà per alcune settimane in quanto si disputerà il torneo olimpico. A volte il Davos, con l’andare della stagione, paga i tanti impegni, tra cui la Coppa Spengler. Quest’anno, buona parte dei giocatori potranno tirare il fiato, ed è a nostro avviso un fattore non di poco conto.

Vero che la pausa ci sarà per tutte le squadre, ma il Davos ogni anno ha qualche impegno in più, e questa è una situazione che si verifica ogni 4 anni.

Nostra previsione RS: 3° – 6°

I PUNTI FORTI

La mentalità vincente

La mentalità vincente non la si compra al mercato. È una componente che cresce negli anni, tramite il duro lavoro ed i successi. Mentalità vincente non significa vincere, ma significa essere pronti a riuscirci quando i giochi si fanno seri. Ecco, il Davos ha tutto questo

L’attacco

Ci riferiamo a tutta la fase offensiva, e non solo al reparto avanzato. Il Davos ha giocatori in tutti i ruoli capaci di mettere a referto punti pesanti, e se a questo ci aggiungiamo un sistema collaudato negli anni, ecco che offensivamente la squadra non è seconda a nessuno.

I PUNTI DEBOLI

I portieri

Mettiamolo subito in chiaro, questo potrebbe anche diventare un punto di forza. Ma sulla carta, il Davos rischia come nella scorsa stagione di pagare pegno tra i pali. Senn e van Pottelberghe avranno l’arduo compito di proseguire il loro processo di crescita e di garantire solidità alla porta.

IL MERCATO

Due arrivi molto interessanti e partenze apparentemente pesanti.

Andiamo per ordine. Agli ordini di Del Curto sono arrivati Broc Little e Magnus Nygren. Due stranieri davvero forti. Il primo è un attaccante Statunitense che vede molto bene la porta e fa della velocità uno dei suoi punti di forza. Il secondo è un difensore Svedese che potenzialmente può essere il nr. 1 del campionato nel suo ruolo! Era ambìto da mezza Europa, ha scelto Davos per la gioia dei suoi tifosi!

Per finire, tra gli arrivi da segnalare Tim Grossniklaus dal Rapperswil. 22enne difensore scuola Berna, di cui è stato capitano negli Elite.

Tra le partenze, oltre ad Axelsson e Rahimi, potrebbe pesare quella di Beat Forster. Un difensore molto solido e di carattere che è andato a Bienne.

IL GIOCATORE

Magnus Nygren

A parte i soliti noti, noi crediamo che l’innesto di questo difensore Svedese possa davvero fare la differenza. È abilissimo nella fase offensiva, ottimo in powerplay, e pure difensivamente se la cava bene. In altre parole, uno di quei giocatori in grado di lasciare il segno.

LA POTENZIALE SORPRESA

Marc Aeschlimann

Lo scorso anno la sua stagione è stata rovinata da un infortunio nelle prime fasi che l’ha tenuto a lungo lontano dal ghiaccio. Era reduce da una stagione durante la quale era progredito molto ed aveva messo a referto 16 punti in 49 partite di Regular Season. È praticamente come un nuovo acquisto per il Davos!

IL CALENDARIO

Spesso e volentieri, l’inizio della stagione è fondamentale. È proprio durante le prime partite che una squadra guadagna certezze e confidenza nei propri mezzi. Senza dimenticare che ritrovarsi a fine settembre a dover già inseguire un posto al sole, complica di molto i piani.

Il Davos comincerà con lo Zugo in casa, poi avrà la trasferta ad Ambrì. Alla Valascia, ci sarà il fattore festa da considerare… L’Ambrì-Piotta, proprio contro il Davos, festeggerà il suo anniversario e l’ambiente si preannuncia infuocato! A seguire… Ginevra Servette in casa e Kloten in trasferta.

Nessun avversario è da sottovalutare, ma il Davos può cominciare il campionato alla grande!

Buona fortuna per la stagione, HC Davos!

LINK ROSA SQUADRA HC DAVOS – ELITEPROSPECTS.COM

Advertisement