Ogni settimana vi proponiamo i nostri TOP & FLOP. La squadra migliore, le nostre 3 stelle, ossia quei giocatori che in un modo o nell’altro hanno lasciato il segno, la sorpresa ed infine la delusione…

TOP

In pochi forse avrebbero scommesso sul fatto che il Lucerna avrebbe conquistato 6 punti su 6 in queste prime due partite del 2018. Anche fosse, comunque, si poteva pensare ad un colpo di fortuna.

Ed invece no, la fortuna non c’entra proprio nulla! Il Lucerna visto al Letzigrund contro il Grasshopper, è tutt’altra squadra rispetto a quella che ha concluso la prima parte di stagione al 9° posto.

La più grande differenza, è quella concernente l’attitudine. Il nuovo allenatore Gerardo Seoane è riuscito in poco tempo a trasformare la squadra. Gli Svizzero Centrali infatti, da confusionari e spenti, sono diventati affamati. E con uno spirito vincente che deve forzatamente indurre all’ottimismo!

Domenica il Lucerna ha dapprima lasciato “sfogare” il Grasshopper e poi ha iniziato a spingere. Ma soprattutto, la squadra non si è abbattuta quando è andata sotto nel punteggio. Anzi, paradossalmente, proprio in quel momento si è visto che questa squadra ha tutt’altra mentalità.

La prestazione del secondo tempo poi, è stata davvero ottima. La rimonta completata nelle fasi finali della partita, è stata solamente la giusta ricompensa per il duro lavoro svolto.

Davvero una bella sorpresa questo Lucerna. Che ora si trova a soli 5 punti dal 3° posto occupato dallo Zurigo… Se i boys di Seoane riusciranno a mantenere i piedi per terra, e se la squadra riuscirà a superare indenne i momenti complicati, chissà che questa stagione non possa concludersi con un piazzamento insperato.

Bravo, Lucerna!

LE NOSTRE 3 STELLE DELLA SETTIMANA

Guillaume Hoarau (BSC Young Boys)

Guillaume Hoarau è tornato. E può davvero diventare l’ago della bilancia nella lotta per la conquista del titolo.

Contro il Losanna ha segnato 2 gol, il secondo magnifico (inoltre 1 gli è stato giustamente annullato). Ma soprattutto, si è dimostrato per l’ennesima volta un giocatore fuori categoria per la Super League.

Ha saltato molte partite per infortunio nella prima parte della stagione. Considerata la sua età, c’era chi temeva che non sarebbe riuscito a rimettersi in piena forma. O quanto meno, non che lo potesse fare tanto in fretta.

Ed invece… a Berna ora possono continuare a sognare. Perché con un Hoarau in più nel motore, tutto è possibile.

Steve Rouiller (FC Lugano)

Il Lugano non ha ancora subìto gol in questo 2018. Se poi consideriamo anche l’ultima partita del 2017 contro il Thun, i Bianconeri non subiscono gol da oltre 270 minuti.

Quello che impressiona, è che la solidità difensiva del Lugano non è dovuta solamente al rendimento dei difensori. Quanto piuttosto all’atteggiamento di tutta la squadra.

Tuttavia, una menzione particolare la merita Steve Roullier. Il 27enne si conferma un difensore estremamente solido. In queste prime due partite del 2018, onestamente non riusciamo a trovare un suo errore nemmeno a cercare con il lanternino.

Gran bel lavoro!

Raphael Dwamena (FC Zurigo)

Aveva iniziato la stagione alla grande. Poi avrebbe dovuto trasferirsi al Brighton & Hove Albion in Premier League… ma tutto è saltato per problemi nelle visite mediche.

Un brutto colpo per l’attaccante dello Zurigo. Che evidentemente ha lasciato strascichi a livello psicologico. La voglia non è mai mancata, ma evidentemente il suo rendimento era in leggera flessione.

Tuttavia, una volta ricaricate le batterie durante la sosta invernale, Raphael Dwamena è tornato a fare quello che sa fare. Alla grande!

Contro il San Gallo ha servito l’assist per il pareggio e poi ha segnato il gol vittoria. Ottima prestazione!

MENZIONE SPECIALE

I Fratelli Schneuwly

Christian ha brillato nel Lucerna ed ha segnato un fantastico gol contro il Grasshopper che è valso i 3 punti.

Mario da parte sua, è affondato con il suo Sion a Lugano…

Due fratelli ottimi calciatori. Ma che hanno vissuto un fine settimana diametralmente opposto.

LA SORPRESA

Fabian Rohner (FC Zurigo)

Fabian Rohner ha trovato il suo primo gol in Super League alla 4a apparizione. Il gol oltretutto, ha dato il “la” alla rimonta dello Zurigo a San Gallo.

Il 19enne centrocampista la scorsa stagione aveva collezionato 5 presenze senza gol in Challenge League.

È a Zurigo dal 2008 e la società crede molto in lui. L’allenatore Uli Forte gli da fiducia e lui lo ricompensa con solide prestazioni.

Inosmma, una bella sorpresa. Bravo, Fabian!

LA DELUSIONE

FC SION

Il Sion ha perso 1-0 a Lugano, ossia contro una squadra che attualmente è davvero forte. Insomma, un risultato che ci può stare.

Quello che però ha deluso maggiormente è il fatto che, nonostate il cambio di allenatore, l’attitudine della squadra non è cambiata.

Si poteva insomma perdere la partita, ma quanto meno una reazione dal punto di vista del carattere i tifosi se l’aspettavano.

Il momento è complicato. Certamente i giocatori non scendono in campo con l’idea di perdere le partite. Tuttavia, per uscire da questo buco nero qualcosa va fatto. Perché se la squadra affonda, deve farlo quanto meno a testa alta.

Forza e coraggio, Sion!

Salva

Save

Save

Save

Save

Save

Salva