Ogni settimana vi proponiamo i nostri TOP & FLOP. La squadra migliore, le nostre 3 stelle, ossia quei giocatori che in un modo o nell’altro hanno lasciato il segno, la sorpresa ed infine la delusione…

TOP

L’Ambrì-Piotta è la nostra squadra della settimana, senza se e senza ma!

I boys di Cereda hanno vissuto 7 giorni di “prime volte”… Martedì in casa contro il Ginevra Servette, per la prima volta nel 2018, hanno vinto una partita da 3 punti. Venerdì, sempre in casa contro il Friborgo Gottéron, ha vinto per la prima volta 3 volte consecutive in casa. E per finire, Sabato sera a Davos, per la prima volta in stagione ha ottenuto complessivamente 3 vittorie consecutive.

Risultati che permettono ai Leventinesi di sperare ancora di raggiungere il Losanna il classifica. E così evitare lo spareggio contro il Kloten. Risultati che sono il giustissimo e meritato riconoscimento per il duro lavoro iniziato la scorsa estate da tutta la società.

Finalmente la grinta, la determinazione e la buona volontà, si sono trasformati anche in risultati positivi consecutivi. Il che, è un toccasana per il morale. Specia alla vigilia della pausa Olimpica.

A questo punto l’Ambrì-Piotta, pur trovandosi praticamente nella stessa situazione della scorsa stagione, ha già conquistato 3 punti in più. Ma questo, detto francamente, a nostra opinione non è il vero successo.

Il vero successo, è vedere che la squadra ora ha una sua filosofia. Il vero successo, è che esclusi alcuni casi, la squadra ha sempre messo in pista il cuore gettando il cuore oltre l’ostacolo. Il vero successo, quale conseguenza dei due punti precedenti, è l’essere riusciti a riavvicinare i tifosi alla squadra (nonostante le ultime affluenze davvero basse).

Ed allora bravissima Ambrì-Piotta. Continua l’ottimo lavoro!

LE NOSTRE 3 STELLE DELLA SETTIMANA

Antti Törmänen (Allenatore, EHC Bienne)

Il Bienne ci lascia ormai senza parole. O meglio, ce ne sarebbero tantissime… ma non possono essere racchiuse in un semplice articolo. Crediamo che niente quanto l’applauso che i tifosi hanno dedicato ai loro beniamini Sabato sera, rappresenti bene la situazione.

I Seeländers, dopo essere diventati verdi sul txt, hanno dovuto fare i conti con un fisiologico calo di tensione. Il che, ha portato a due sconfitte rimediate dopo supplementari e rigori contro Ambrì-Piotta e Kloten.

Si poteva pensare che la squadra accusasse il colpo fino alla pausa Olimpica. Sarebbe stato un “peccato” veniale. Ed invece… Ed invece il Bienne si è immediatamente rialzato. Questa settimana ha sconfitto Losanna e Lugano ma soprattutto ha mostrato i sintomi della grande squadra. Una squadra che adesso affronterà i playoffs non solo quale bella sorpresa, ma piuttosto come un solido outsider.

Ci abbiamo pensato a lungo. Non sapremmo veramente quale giocatore dei Seeländers scegliere tra le nostre 3 stelle della settimana. Lo meriterebbero semplicemente tutti. Pertanto premiamo simbolicamente l’allenatore. Il quale sta svolgendo un lavoro davvero egregio!

Fredrik Pettersson (ZSC Lions)

Lo Zurigo ad un certo punto si stava davvero spaventando… La partecipazione ai playoffs stava diventando “a rischio”.

Questa settimana invece, grazie alle vittorie contro Langnau, Ginevra Servette e Losanna, i Lions si sono regalati il diritto di vivere una pausa Olimpica tranquilla. Ma soprattutto, con rinnovata fiducia.

Tra i grandi protagonisti, e simbolo degli ZSC Lions, c’è sicuramente Fredrik Pettersson. Nelle 3 partite settimanali, il grintoso Svedese ha messo a referto ben 6 punti (3 gol). Ma soprattutto, grazie alla sua attitudine ed alla sua mentalità vincente, è stato il trascinatore.

Non sta fermo un attimo… sembra un torello impazzito. Grida, si arrabbia, lotta, segna, serve assists… Un vero leader sul ghiaccio. Un giocatore che farebbe davvero comodo a qualsiasi squadra di National League!

Vincent Praplan (EHC Kloten)

Il Kloten è sempre più vicino a terminare la Regular Season all’ultimo posto in classifica. Eppure si dimostra a modo suo vivo. Questa settimana, l’ha dimostrato tenendo testa al Berna nonostante la sconfitta casalinga per 2-0. L’ha poi dimostrato ancora in casa contro il Ginevra, perdendo in maniera controversa solamente dopo i rigori. Ed infine l’ha dimostrato ottenendo una vittoria a modo suo storica per 7-2 a Lugano.

Vincent Praplan, che durante il mese di Gennaio ha faticato a trovare la via del gol, è stato tra i grandi protagonisti. Venerdì sera contro il Ginevra Servette ha segnato con uno splendido “Air hook” il 3° gol degli Aviatori. Sabato sera a Lugano poi, si è dimostrato il fuoriclasse che è ed è stato il trascinatore dell’ottima prestazione del Kloten. E non solo per i 3 punti messi a referto (2 gol).

Si dice che alcuni giocatori si stanno risparmiando in vista delle Olimpiadi. Certamente non è il caso di Vincent Praplan. Del resto, la differenza tra un ottimo giocatore ed un Campione, la si vede anche in questi “dettagli”…

MENZIONE SPECIALE

Barry Brust (Friborgo Gottéron) & Leonardo Genoni (SC Berna)

Due portieri dagli stili completamente diversi.

Leonardo Genoni è il portiere che fa dormire sonni tranquilli ai tifosi. Solido e preciso. Barry Brust invece, è un portiere non adatto ai deboli di cuore e stilisticamente particolare.

In comune, hanno comunque il fatto di risultare decisivi per le loro rispettive squadre!

Questa settimana Genoni ha risposto alle critiche dove più conta, ossia sul ghiaccio. Ed ha messo a referto due shutout per il suo Berna. Barry Brust da parte sua, è stato come spesso accade uno dei grandi protagonisti per il Friborgo Gottéron.

Due portieri così diversi… Eppure altrettanto decisivi per le rispettive squadre!

LA SORPRESA

Benjamin Chavaillaz (Friborgo Gottéron)

La scorsa stagione, quando il Friborgo Gottéron l’ha ingaggiato, c’era chi storceva il naso. E di fatto, il suo primo anno è stato costellato da pochi alti e molti bassi. Come tutta la squadra del resto.

Con l’arrivo di Mark French invece, il ragazzo ha ricevuto maggiori responsabilità e gli ha stato affidato un ruolo più consono alle sue caratteristiche. Ed i risultati sono stati sorprendenti! Difensivamente è spesso impeccabile, e la sua attitudine è molto positiva.

Questa settimana poi, nella partita contro il Losanna ha pure servito 1 assist ed ha messo a segno il suo secondo gol stagionale. La giusta ricompensa per il duro lavoro. Bravo, Benjamin!

LA DELUSIONE

LOSANNA HC

Il Losanna era all’ennesima ultima chiamata per i playoffs. Questa settimana, contro Friborgo Gottéron, Bienne e Zurigo, avrebbe dovuto conquistare almeno 6 punti, senza se e senza ma.

Ed invece… i Vodesi vanno alla pausa Olimpica con le speranze di qualificarsi ai playoffs ormai appese unicamente alla matematica. Ed anzi, con l’Ambrì-Piotta che si è pericolosamente avvicinato ed è ora a soli 8 punti di distanza.

Era la settimana da non fallire. Purtroppo a livello di risultati è stata fallita a causa delle 3 sconfitte su 3.

Ed ora occhio… Perché la squadra non era stata concepita e costruita per un finale di stagione simile. Il che, è un fattore che spesso si rivela essere la ricetta perfetta per un disastro.

Bon courage, Leoni Vodesi!

Salva

Save

Save

Save

Save

Save

Salva