(cliccare “Marcatori” e “Statistiche” per accedere al resoconto statistico della partita)

Il copione, in questo inizio di stagione, si ripete; il Lugano fatica ad entrare in partita, per i primi due tempi lascia intravedere qualità ma riempie di dubbi i sostenitori della Resega che non riescono a comprendere se il Lugano giochi male o se è il Langnau a disputare un ottima partita, ed infine nel terzo conclusivo ingrana la marcia e mette sotto l’avversario.

In trasferta, ad oggi, questo non ha funzionato, ma in casa ha portato tre vittorie su altrettante partite, il che è di buon auspicio per il futuro.

Il primo periodo è segnato da diverse penalità fischiate ai Tigrotti, che tuttavia difendono la gabbia dell’ottimo Ciaccio senza particolari affanni, anche se il buon Damiano nulla può a metà del primo periodo sulla bellissima conclusione di Fazzini, che sfrutta un passaggio di Hofmann e regala il primo urlo di serata alla Resega.

La partita prosegue molto spezzettata, colpa anche di un direttore di gara troppo fiscale, e così verso la fine del primo tempo gli ospiti trovano il pareggio grazie a Schremp, alla sua terza rete stagionale, con un tiro su cui Manzato poteva, e doveva, fare meglio.

Nel secondo tempo il copione è simile, il Langnau lotta ed il gol del vantaggio ne è la dimostrazione; è infatti in mischia che DiDomenico trova la sua prima rete stagionale mentre i Tigrotti giostravano in power play.

Ed infine, tanto atteso, arrivò il terzo e decisivo periodo! Il Lugano entra con altro piglio, ma le sue ali sembrano venir tarpate per una penalità fischiata a Chiesa… è invece proprio in questa situazione che, un pò fortunosamente va detto, Sannitz in contropiede gela le speranze dei Tigrotti ! Il Lugano comincia a giocare meglio, e la perla della serata arriva al minuto 47:49, quando Klasen strappa l’urlo della Resega con una gran conclusione dalla distanza in power play, e torna finalmente a far segnare il nome di uno straniero tra i marcatori dei Bianconeri…

La partita ha ormai preso la sua fisionomia, il Langnau non disdegna le folate offensive, ma il Lugano controlla agevolmente e trova il doppio vantaggio grazie a Brunner, che sfrutta al meglio un passaggio presito dell’altruista Martensson.

C’è ancora tempo per una rete nel finale; la segna Nüssli sfruttando un Manzato ancora non troppo preciso. Il gol ha il merito di regalare la speranza ai Tigrotti di ripetere l’exploit di Ginevra, un recupero in extremis di un doppio svantaggio.

Nulla da fare questa volta, il Lugano controlla agevolmente e la partita si conclude.

STATISTICAMENTE…

LUGANO: terza vittoria su tre in casa per i Bianconeri. Da segnalare il giovane Luca Fazzini, capace di iscrivere il suo nome nel tabellino dei marcatori nonostante i soli 3:45 minuti passati sul ghiaccio, conditi da un tiro in porta ed un bilancio personale di +1. Continua a non convincere appieno Zackrisson, impiegato infatti solamente 10:43 minuti dal tecnico Shedden.

LANGNAU: fino ad oggi, solamente sconfitte per i Tigrotti, che replicano il 3-4 della serata precedente. Tra i pochi ad uscire con un bilancio neutro dalla sfida della Resega, l’attaccante Brendan Shinnimin. Oltre ad aver collezionato un assist, è stato il giocatore più pericoloso del Langnau con 4 tiri in porta nei suoi 21:13 minuti disputati.

HC Lugano SCL Tigers
PDO 98.2 101.8
CR 0.45 0.55
STR 0.62 0.38
CORSI 26 -26
FENWICK 22 -22
STR 1P 0.60 0.40
STR 2P 0.64 0.36
STR 3P 0.60 0.40

 

Complessivamente le statistiche mostrano un Lugano superiore al Langnau, che ha dalla sua “solamente” un tasso di conversione superiore. La superiorità, a livello puramente statistico, è stata dimostrata durante l’arco di tutti e tre i tempi, con un picco nel periodo centrale.

 

PDO = indice “fortuna” calcolato sommando % realizzativa alle % di parate del portiere.

CR = indice del tasso di conversione

STR = indice dei tiri in porta, calcolato dividendo i tiri in porta, per i tiri in porta sommati a quelli subiti. Mostra la “dominanza” di una squadra nel generare occasioni in confronto all’avversario.

CORSI = (tiri  + tiri mancati + tiri bloccati avversario) – (tiri subiti + tiri mancati avversario + tiri bloccati), andrebbe calcolata solamente nelle situazioni di 5 vs 5, ma le statistiche a disposizione della National League non ce lo permettono.

FENWICK = (tiri + tiri mancati) – (tiri subiti + tiri mancati avversario)

 

Salva

Salva

HC LUGANO
SCL TIGERS
12′ Fazzini Schremp 17′
44′ Sannitz DiDomenico 34′
48′ Klasen Nüssli 57′
 55′  Brunner
 

lugano-langnau