(cliccare “Marcatori” e “Statistiche” per accedere al resoconto statistico della partita)

L’OPINIONE

La partita, a noi personalmente, non è dispiaciuta, forse invece i tifosi delle rispettive squadre l’avranno apprezzata un pò meno.

Ci ha un pò sorpreso il modo in cui, per l’ennesima volta, le Aquile si sono fatte recuperare in tempi piuttosto brevi, mancanza di concentrazione ? Il Friborgo invece, in attesa della conferma del nuovo allenatore, non disputa una partita malvagia ma sembra non avere ancora quella convinzione nei propri mezzi per girare una partita a suo favore nei momenti clou.

LA PARTITA

Il primo terzo, che ha visto le squadre andare al riposo sul punteggio di 1-0 per i padroni di casa grazie alla rete di Rod abile a sfruttare una corta respinta di Conz, è stato inizialmente contraddistinto dal nervosismo e la qualità del gioco evidentemente ne ha riesentito.

Sbolliti (leggermente) gli animi, Aquile e Dragoni  sono tornati in pista e la partita è proseguita sulla via dell’equilibrio. Gli ospiti non sono stati in grado di sfruttare alcune situazioni di superiorità numerica ed allora Rubin, al 33° minuto, piazza quello che pareva essere l’allungo decisivo e porta i padroni di casa in doppio vantaggio.

Quello che poteva sembrare il colpo del KO, ha invece il merito di risvegliare il Friborgo e far ripiombare nuovamente nell’incubo gli uomini di McSorley; nell’arco di un minuto a cavallo del 37° infatti i Burgundi pareggiano! Dapprima sfruttando un power play con una fucilata di Rathgeb dalla blu, ed in seguito con una grande deviazione sotto porta di Bykov su centro del “gemello” Sprünger.

Il terzo periodo vede i ritmi abbassarsi e le occasioni diminuire, anche se a farsi preferire sono i padroni di casa, ma il punteggio non si sblocca e si va così all’overtime; McSorley decide di giocarli con soli attaccanti e la sua scelta viene premiata grazie alla rete di Kast che regala la vittoria al Ginevra.

IL GIOCATORE

Il nostro giocatore per la serata è Timothy Kast, non tanto per la rete decisiva che ha portato due punti preziosi alle Aquile, tanto piuttosto per essere l’uomo del Ginevra che più ci ha provato durante tutto l’arco dell’incontro a fare la differenza. Il numero 19 del Servette ha giocato 16:20, ha realizzato il GWG, ha tirato in porta 4 volte ed ha bloccato due tiri avversari. Il suo bilancio personale è stato di +2.

PILLOLE

GINEVRA: è stata la partita nella quale il Ginevra ha subito meno tiri avversari della sua stagione (26), ed anche quella dove ha vinto la più alta percentuale di ingaggi offensivi ad oggi (65%!).

GOTTÉRON: mai in stagione i Burgundi avevano tirato poco in porta (26), tuttavia la trasferta di Ginevra ha regalato il primo punto stagionale ottenuto lontano dalle mura amiche.

STATISTICHE

Genève-Servette HC Fribourg-Gottéron
PDO 101.7 98.3
CR 0.55 0.45
STR 0.55 0.45
CORSI 6 -6
FENWICK 3 -3
STR 1P 0.52 0.48
STR 2P 0.53 0.47
STR 3P 0.67 0.33

 

Il Ginevra Servette ottiene la sua seconda vittoria casalinga stagionale, anche se non è mai riuscito a vincere entro il 60° minuto di gioco. È la terza partita consecutiva che alle Vernets si prosegue oltre il 60° minuto di gioco.

Il Friborgo perde la sua terza partita consecutiva, la seconda di fila dopo overtime. Quello conquistato a Ginevra tuttavia è il primo punto esterno stagionale dei Burgundi.

 

 

PDO = indice “fortuna” calcolato sommando % realizzativa alle % di parate del portiere.

CR = indice del tasso di conversione

STR = indice dei tiri in porta, calcolato dividendo i tiri in porta, per i tiri in porta sommati a quelli subiti. Mostra la “dominanza” di una squadra nel generare occasioni in confronto all’avversario.

CORSI = (tiri  + tiri mancati + tiri bloccati avversario) – (tiri subiti + tiri mancati avversario + tiri bloccati).

FENWICK = (tiri + tiri mancati) – (tiri subiti + tiri mancati avversario)

 

Salva

Salva

GE SERVETTE
FR GOTTÉRON
9′ Rod Rathgeb 36′
 34′  Rubin Bykov 37′
 62′ Kast
 

ginevra-friburgo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here